PRO-LIFE: da tutto il mondo a Roma il 3-4 maggio

Marcia(di Orlando Tamantini) In occasione della Quarta Marcia Nazionale per la Vita del prossimo 4 maggio, Roma diventerà per due giorni la capitale dell’universo pro-life internazionale. Numerosissime sono infatti le associazioni straniere impegnate nella lotta a difesa del diritto alla vita che si ritroveranno a marciare accanto agli italiani. Hanno dato la loro adesione o almeno il loro formale sostegno soprattutto realtà statunitensi, che sono le più numerose (negli Stati Uniti è nata infatti l’idea di scendere in piazza contro l’aborto), cui si aggiungono associazioni francesi, spagnole, belghe, polacche, tedesche, irlandesi, inglesi, lituane, australiane, svizzere, ceche, canadesi, nigeriane, portoghesi e neozelandesi.

Il giorno precedente la Marcia, il 3 maggio, sarà quest’anno ricco di iniziative. La novità di questa edizione è costituita dal grande Congresso Internazionale dei rappresentanti delle principali sigle pro-life di tutto il mondo, che si svolgerà nei pressi del Vaticano, nella Sala S. Pio X di via dell’Ospedale, 1. Il Congresso è promosso dal più grande portale mondiale on-line LifeSiteNews, in collaborazione con le associazioni Human Life International e Family Life International New Zeland, e sarà dedicato a individuare delle strategie comuni in difesa della vita, soprattutto per quel che riguarda il coinvolgimento e la sensibilizzazione dell’opinione pubblica, del potere politico e dei gruppi religiosi.

Gli esponenti dei movimenti pro-life si incontreranno nel mattino di sabato 3 maggio per un confronto che resterà riservato agli addetti ai lavori, mentre nel pomeriggio, intorno alle 14.30, il meeting verrà aperto anche al pubblico. Gli interventi principali saranno quelli di due relatori di spicco quali il card. Raymond Leo Burke, prefetto del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica e il prof. George Weigel, intellettuale e celebre biografo di Giovanni Paolo II. Prenderanno poi la parola anche i principali leaders delle associazioni pro-life presenti, tra i quali gli organizzatori del Congresso Steve Jalsevac e John-Henri Westen (LifeSiteNews), Joseph Meaney (Human Life International) e Colleen Bayer (Family Life International New Zeland) e poi Virginia Coda Nunziante (portavoce della Marcia per la Vita italiana), David Bereit (40 Days for Life), Rebecca Kiesling (Save the 1), Reggie Littlejohn (Women without Frontiers), Radian Bomberger (Radiance Foundation), John Smeaton (Society for the Protection of Unborn Children), Carlos Beltramo (Population Research Institute) e altri ancora.

La Quarta Marcia per la Vita del 4 maggio assumerà dunque un carattere ancor più internazionale della precedente edizione. Da ricordare che quest’anno il punto di ritrovo sarà Piazza della Repubblica, dove si partirà alle ore 9, per arrivare come sempre a Castel S. Angelo, in tempo per partecipare al Regina Coeli di Papa Francesco, che già l’anno scorso ha salutato calorosamente i partecipanti alla Marcia, invitando «a mantenere viva l’attenzione di tutti sul tema così importante del rispetto della vita umana sin dal momento del suo concepimento».

Sempre il giorno precedente, oltre al Congresso di cui sopra, anche quest’anno si terrà presso il Pontificio Ateneo Regina Apostolorum il tradizionale Convegno sui temi bioetici, che vedrà per tutta la giornata dibattiti divisi in diverse sessioni, con la partecipazione di medici, giuristi, giornalisti e uno spazio dedicato ai giovani. Nella chiesa di S. Andrea della Valle, vi sarà inoltre la consueta veglia di preghiera con la recita del S. Rosario e l’Adorazione eucaristica guidata ancora una volta dal card. Burke, sempre attento alla lotta per la salvaguardia dei valori non negoziabili. (Orlando Tamantini)

Donazione Corrispondenza romana