Presentazione a Parigi del libro di R. de Mattei sul Ralliement

(di Veronica Rasponi) Si è svolta il 13 aprile a Parigi, la presentazione del libro di Roberto de Mattei Le Ralliement de Léon XIII. L’échec d’un projet pastoral, pubblicato nel gennaio 2016 dalle edizioni du Cerf, la più autorevole casa editrice di testi di carattere religioso in Francia.

Il volume, tradotto da Marie Perrin, era stato pubblicato in Italia dalla casa editrice Le Lettere, di Firenze, nel 2014 con il titolo Il Ralliement di Leone XIII. Il fallimento di un progetto pastorale, ottenendo una grande attenzione da parte degli ambienti ecclesiastici e universitari.

In Francia la presentazione dell’opera è stata preceduta da una serie di recensioni su Monde et Vie, Le Figaro, Le Figaro-Histoire, Famille Chrétienne, Politique-Magazine e da una lunga intervista all’autore su L’Homme Nouveau. La presentazione, svoltasi per iniziativa della agenzia Correspondance européenne e delle Editions du Cerf, è avvenuta nell’anfiteatro dell’ASIEM.

Davanti a un attento pubblico di circa 150 persone sono intervenuti, oltre all’ autore, Laurent Dandrieu, redattore capo del settimanale Valeurs actuelles, Michel De Jaeghere, direttore del Figaro.Histoire, Philippe Maxence, direttore L’Homme Nouveau. Il primo relatore, Michel de Jaeghere riassumendo i punti chiavi del libro ha illustrato l’esistenza di tre malintesi legati al ralliement il primo sulla Repubblica e il bene comune; il secondo sulla Repubblica e la laicità, il terzo sul rapporto tra la Chiesa e il mondo moderno.

Roberto de Mattei ha sottolineato come tra Leone XIII e i Papi che lo hanno preceduto e seguito non c’è discontinuità dottrinale, ma esiste una discontinuità sul piano politico e pastorale e il Ralliement è l’espressione più significativa di questa discontinuità. Laurent Dandrieu ha posto all’autore una serie di questioni centrali, aprendo il dibattito a cui è intervenuta larga parte del pubblico. Dalle domande e dalle risposte è emerso che il ralliement fu un progetto allo stesso tempo politico e pastorale, fallito sotto entrambi gli aspetti.

Il progetto politico nasce dal tentativo di risolvere la Questione romana utilizzando la Terza Repubblica Francese. Papa Pecci pensava infatti di servirsi della Repubblica francese per combattere la Monarchia italiana, colpevole di avergli rapinato gli Sati Pontifici.

Il progetto pastorale si basava su un nuovo rapporto tra la Chiesa e la modernità. Leone XIII condannava la modernità sul piano filosofico, ma era convinto della possibilità di una riconciliazione con essa sul piano politico. Fu sotto il suo pontificato che nacque, in Francia e in Italia, la Democrazia Cristiana. C’è infine un terzo aspetto del ralliement che è quello psicologico. Esso consiste nell’abbandonare l’attitudine di opposizione verso i nemici e di sostituirla con la tendenza a trovare un punto di incontro con essi, nell’illusione di stemperarne in tal modo l’aggressività. È sotto questo aspetto che lo spirito di ralliement è entrato nella Chiesa, svuotandola del suo spirito militante: – Leone XIII non ottenne né la cessazione dell’anticlericalismo, né la costituzione di una larga intesa tra i cattolici aderenti alla Repubblica.

Il ralliement inflisse invece in colpo mortale a quella stretta alleanza tra il Trono e l’Altare che, per un secolo aveva costituito un poderoso baluardo contro il processo rivoluzionario che mirava ad estirpare le radici cristiane della società. Con il ralliement entrò nella Chiesa un atteggiamento dello spirito e un modo di governo che segnarono profondamente la politica ecclesiastica del secolo successivo.

Il 14 aprile il prof. de Mattei è stato ospite a Radio Courtoisie della trasmissione di Anne Brassié e di quella di Jean-Marie Le Mené, approfondendo con loro il tema trattato il giorno precedente . Una nuova presentazione del volume è prevista, sempre a Parigi, il 30 aprile. (Veronica Rasponi)

Donazione Corrispondenza romana
  • L’“effetto Francesco”
    (di Fabio Cancelli) Si era agli inizi del Pontificato del Papa latino-americano e sociologi, psicologi e operatori pastorali vari si affaccendavano a spiegare, statistiche alla mano, quello che si impose come «effetto Francesco». Cioè, si tentava di dimostrare che non … Continua a leggere
  • Il ricatto dell’obbedienza
    (di Cristiana de Magistris) In tempi più felici di quelli in cui viviamo, si soleva dire che Roma locuta est, causa finita est, Roma ha parlato, dunque la causa è conclusa. Da un cinquantennio a questa parte, questo lemma, degno … Continua a leggere
  • Nulla poena sine culpa (il caso Manelli)
    (di Giovanni Turco) Un classico brocardo esprime uno dei principi elementari di giustizia: nessuna pena senza colpa. La pena presuppone la colpa. E quella è giusta solo se è proporzionata a questa. Si tratta di un criterio basilare della sapienza … Continua a leggere
  • La Milizia dell’Immacolata compie cent’anni
    (di Cristina Siccardi) Quando santa Bernadette Soubirous, il 25 marzo 1858, giorno della sedicesima apparizione, chiese alla Madonna il suo nome, così come le aveva richiesto il parroco di Lourdes, don Peyramale, Maria Santissima rispose in vernacolo occitano: «Quesoy era … Continua a leggere
  • Un Papa violento?
    (di Roberto de Mattei) Contro l’evidenza c’è poco da argomentare. La mano tesa di papa Bergoglio nei confronti della Fraternità San Pio X è la stessa che si abbatte in questi giorni sull’Ordine di Malta e sui Francescani dell’Immacolata. Un … Continua a leggere
  • Santi Francesco di Sales e Giovanni Bosco orate pro Ecclesia
    (di Cristina Siccardi) «Ricco di misericordia, Iddio non mancò mai alla sua Chiesa che milita in questo mondo (…). Mentre nel secolo XVI visitava con la verga del suo furore le genti cristiane, e permetteva che molte province dell’Europa fossero … Continua a leggere
  • Un vescovo modello: san Francesco di Sales
    (di Cristina Siccardi) Al grottesco funerale del novantenne monsignor Jaume Camprodon i Rovira, Vescovo di Girona (nei pressi di Barcellona) dal 1973 al 2001, non c’era il suo corpo nella bara e la cripta, predisposta nella cattedrale per accogliere le … Continua a leggere
  • Appello di tre Vescovi cattolici a Papa Francesco in difesa del matrimonio
    Il 18 gennaio, giorno della antica festa della Cattedra di san Pietro, Tomash Peta, Arcivescovo Metropolita dell’arcidiocesi di Maria Santissima in Astana; Jan Pawel Lenga, Arcivescovo-Vescovo emerito di Karaganda e Athanasius Schneider, Vescovo ausiliare dell’arcidiocesi di Maria Santissima in Astana … Continua a leggere
  • Dopo l’Amoris laetitia, confessori e pastori senza via d’uscita
    (di Cristina Siccardi) Nell’era in cui il Papa dice «chi sono io per giudicare?» è diventato difficile e talvolta impossibile, per parroci e sacerdoti coscienziosi, espletare il sacramento della confessione in serenità. Se Roma non trasmette l’abc del comportamento etico … Continua a leggere
  • Chi vuole sfasciare l’Ordine di Malta?
    (di Roberto de Mattei) «Molto tempo prima che le Nazioni civili fossero giunte a stabilire un diritto internazionale; molto prima che avessero potuto formare il sogno –  non ancora attuato – di una forza comune a tutela della sana libertà … Continua a leggere