Niccolò II, le basi per il Conclave

(di Lorenzo Benedetti) Il Conclave, è un’istituzione relativamente recente. I primi successori di San Pietro venivano designati dai predecessori, poi l’elezione fu riservata al clero romano ed infine al popolo per acclamazione. Inoltre, gli eletti dovevano essere approvati dall’Imperatore e spesso si verificavano forti pressioni di laici e potenti sulla scelta del Vicario di Cristo. Per regolamentare questa incerta situazione, dall’XI secolo forti personalità di Pontefici gettarono le basi per l’elezione segreta oggi nota come Conclave.

Gerardo di Borgogna, vescovo di Firenze, aveva vissuto in prima persona questa disagiata situazione: alla morte del suo predecessore, Stefano IX, il clero e il popolo romano furono costretti dai conti di Tuscolo, potente famiglia al governo della Città Eterna, ad eleggere papa Giovanni Mincio. I cardinali fuggirono da Roma e si ritirarono a Siena: Benedetto X – questo il nome assunto dal neoeletto – era infatti elevato al Soglio attraverso violenze e corruzione. I cardinali rifiutarono di lasciarsi intimidire ed elessero Gerardo legittimo Pontefice.

Giunto a Roma, questi depose Benedetto, fu incoronato e scelse di onorare Niccolò Magno portandone il nome. Niccolò II, all’epoca quasi ottantenne, si rese conto che l’elezione del Papa non poteva continuare ad essere incerta e tribolata. Momento determinante e delicato, necessitava di norme severe e rigorose: per questo dedicò i suoi sforzi alla riforma e, convocato un Sinodo in Laterano, emise la bolla In Nomine Domini. con cui ordinò che ad eleggere il Papa non fossero più il clero e il popolo romano, ma i soli cardinali-vescovi, cioè i vescovi delle diocesi suburbicarie, situate intorno a quella di Roma: gli altri cardinali, i nobili e i prelati avrebbero dovuto limitarsi ad approvarla.

Niccolò II stabilì inoltre che l’elezione non dovesse avvenire necessariamente a Roma, ma dovunque i cardinali si stabilissero, là era la Chiesa di Cristo. Chiunque fosse stato designato e insediato senza seguire queste disposizioni sarebbe stato non apostolo, ma apostata, e quindi scomunicato. In questo modo, Niccolò II avviò una riforma destinata a durare fino ai giorni nostri. (Lorenzo Benedetti)

Donazione Corrispondenza romana
  • L’“effetto Francesco”
    (di Fabio Cancelli) Si era agli inizi del Pontificato del Papa latino-americano e sociologi, psicologi e operatori pastorali vari si affaccendavano a spiegare, statistiche alla mano, quello che si impose come «effetto Francesco». Cioè, si tentava di dimostrare che non … Continua a leggere
  • Il ricatto dell’obbedienza
    (di Cristiana de Magistris) In tempi più felici di quelli in cui viviamo, si soleva dire che Roma locuta est, causa finita est, Roma ha parlato, dunque la causa è conclusa. Da un cinquantennio a questa parte, questo lemma, degno … Continua a leggere
  • Nulla poena sine culpa (il caso Manelli)
    (di Giovanni Turco) Un classico brocardo esprime uno dei principi elementari di giustizia: nessuna pena senza colpa. La pena presuppone la colpa. E quella è giusta solo se è proporzionata a questa. Si tratta di un criterio basilare della sapienza … Continua a leggere
  • La Milizia dell’Immacolata compie cent’anni
    (di Cristina Siccardi) Quando santa Bernadette Soubirous, il 25 marzo 1858, giorno della sedicesima apparizione, chiese alla Madonna il suo nome, così come le aveva richiesto il parroco di Lourdes, don Peyramale, Maria Santissima rispose in vernacolo occitano: «Quesoy era … Continua a leggere
  • Un Papa violento?
    (di Roberto de Mattei) Contro l’evidenza c’è poco da argomentare. La mano tesa di papa Bergoglio nei confronti della Fraternità San Pio X è la stessa che si abbatte in questi giorni sull’Ordine di Malta e sui Francescani dell’Immacolata. Un … Continua a leggere
  • Santi Francesco di Sales e Giovanni Bosco orate pro Ecclesia
    (di Cristina Siccardi) «Ricco di misericordia, Iddio non mancò mai alla sua Chiesa che milita in questo mondo (…). Mentre nel secolo XVI visitava con la verga del suo furore le genti cristiane, e permetteva che molte province dell’Europa fossero … Continua a leggere
  • Un vescovo modello: san Francesco di Sales
    (di Cristina Siccardi) Al grottesco funerale del novantenne monsignor Jaume Camprodon i Rovira, Vescovo di Girona (nei pressi di Barcellona) dal 1973 al 2001, non c’era il suo corpo nella bara e la cripta, predisposta nella cattedrale per accogliere le … Continua a leggere
  • Appello di tre Vescovi cattolici a Papa Francesco in difesa del matrimonio
    Il 18 gennaio, giorno della antica festa della Cattedra di san Pietro, Tomash Peta, Arcivescovo Metropolita dell’arcidiocesi di Maria Santissima in Astana; Jan Pawel Lenga, Arcivescovo-Vescovo emerito di Karaganda e Athanasius Schneider, Vescovo ausiliare dell’arcidiocesi di Maria Santissima in Astana … Continua a leggere
  • Dopo l’Amoris laetitia, confessori e pastori senza via d’uscita
    (di Cristina Siccardi) Nell’era in cui il Papa dice «chi sono io per giudicare?» è diventato difficile e talvolta impossibile, per parroci e sacerdoti coscienziosi, espletare il sacramento della confessione in serenità. Se Roma non trasmette l’abc del comportamento etico … Continua a leggere
  • Chi vuole sfasciare l’Ordine di Malta?
    (di Roberto de Mattei) «Molto tempo prima che le Nazioni civili fossero giunte a stabilire un diritto internazionale; molto prima che avessero potuto formare il sogno –  non ancora attuato – di una forza comune a tutela della sana libertà … Continua a leggere