Nel paese in cui qualcuno è sempre più uguale degli altri

HIV(di Dina Nerozzi) I Ministeri della Salute e del Lavoro hanno pubblicato una circolare congiunta per rispondere alle richieste di chiarimenti sulla liceità o meno di eseguire accertamenti sulla positività al test dell’HIV sui lavoratori sia come misura antecedente l’assunzione, sia come esami di routine nel corso della permanenza del lavoratore nella struttura in cui presta la sua opera. http://www.quotidianosanita.it/allegati/allegato1010414.pdf . Il documento afferma chiaramente l’impossibilità di eseguire accertamenti per valutare l’eventuale siero-positività dei dipendenti.

L’argomentazione addotta a sostegno della circolare è stata la seguente: le possibilità terapeutiche attualmente disponibili hanno mutato sostanzialmente il quadro prognostico ed epidemiologico dell’infezione da Hiv, ragion per cui non esiste più la necessità di effettuare test diagnostici per valutare l’eventuale presenza della sindrome da AIDS. È il caso di far presente come tutto ciò sia in netta contraddizione con la normativa europea che vede nel principio di prevenzione delle malattie la stella polare della sua azione in campo sanitario e in base alla quale è necessario effettuare test di ogni tipo per ogni malattia, eccezion fatta per l’HIV.

Perché è stato necessario derogare da una direttiva fondamentale della politica sanitaria europea? Per non creare discriminazioni verso persone in cerca di lavoro «in base alla reale o presunta sieropositività» e pertanto a nessuno «deve essere richiesto di effettuare il test Hiv o di rivelare il proprio stato sierologico». Poi, deve essere venuto qualche dubbio sul fatto che la priorità dell’operato di uno Stato sia la salvaguardia della salute dei propri cittadini e dunque si prosegue con l’affermazione della necessità di «considerare la prevenzione della trasmissione dell’Hiv in tutte le sue forme come una priorità fondamentale».Ragion per cui risulta assolutamente prioritario «tutelare i lavoratori che svolgono attività in cui è elevato il rischio di trasmissione dell’Hiv e, a tale scopo, è necessario, laddove sussista un rischio di contagio per esposizione professionale a Hiv e a malattie a esso correlate, come la Tbc, predisporre per i lavoratori specifici programmi di prevenzione». E in particolare deve essere garantito ai lavoratori «un ambiente di lavoro sicuro e salubre, al fine di prevenire la trasmissione dell’Hiv sul luogo di lavoro».

Sembrerebbe di capire che l’AIDS sia una malattia che non desta preoccupazione, mentre bisogna preoccuparsi della tubercolosi, che spesso si trova associata alla sindrome legata all’HIV. Forse è il caso di ricordare agli esperti del Ministero della Salute e del Lavoro che anche per la TBC l’industria farmaceutica ha trovato terapie decisamente più risolutive rispetto ai farmaci retrovirali che sono solo dei palliativi e dunque perché preoccuparsi della TBC se non ci dobbiamo preoccupare dell’AIDS? Sembra di notare un qualche difetto nell’ordinamento logico del discorso sostenuto da parte degli esperti dei Ministeri competenti.

Se, attualmente, i farmaci retrovirali aiutano le persone affette dalla sindrome di immunodeficienza acquisita a vivere una vita quasi normale, questo non era il caso nel 1990 anno in cui è datata la legge 135 del 1990 che vietava espressamente ai datori di lavoro «l’accertamento di indagini volte ad accertare nei dipendenti o in persone prese in considerazione per l’instaurazione di un rapporto di lavoro l’esistenza di uno stato di sieropositività».Se ne può dedurre che le malattie sessualmente trasmesse sono un argomento politicamente sensibile e un tabù inaffrontabile anche nei pressi del Ministero della Salute. (Dina Nerozzi)

Donazione Corrispondenza romana
  • renzi La disfatta di un premier sedicente cattolico
    (di Mauro Faverzani) Le parole hanno un senso. E quelle del commiato di Renzi ne hanno uno chiarissimo: «Lasciamo la guida del Paese con un’Italia che ha finalmente una legge sulle unioni civili», ha detto. Spiegando anche come tale normativa, … Continua a leggere
  • Brexit Da Renzi alla Brexit: tra falso ordine e caos
    (di Emmanuele Barbieri) Nessuno dei sindaci eletti il 19 giugno nelle principali città italiane disapplicherà la famigerata legge Cirinnà che assicura veste legale allo pseudo-matrimonio omosessuale. Per i neo-sindaci, che condividano o no il provvedimento renziano, non esiste una legge … Continua a leggere
  • cartina-muta Le grandi manovre per “repubblicanizzare” l’Italia
    (di Cristina Siccardi)  Il 1° giugno di 70 anni fa, vigilia del referendum istituzionale, Pio XII si rivolse al Sacro Collegio e, attraverso la radio, agli elettori italiani e francesi (anche in Francia, infatti, si votava, per le elezioni politiche), … Continua a leggere
  • Eutanasia L’eutanasia in parlamento
    (di Tommaso Scandroglio) Tornano a soffiare venti di morte sul Parlamento. Infatti, incassate le Unioni civili, ora si dibatte di eutanasia nei palazzi del potere. Sono sette le proposte di legge sul tema – ed altre sono in fase di … Continua a leggere
  • alfano-renzi Il tradimento storico dei “cattolici”
    (di Roberto de Mattei) L’approvazione dello pseudo-matrimonio omosessuale, avvenuta al Senato il 25 febbraio 2016, con 173 sì, 71 no e 76 assenze è l’ultima tappa di un processo di dissoluzione della società italiana che parte dall’introduzione del divorzio (1970), … Continua a leggere
  • mezzogiorno Mezzogiorno tra retorica e immondizia
    (di Danilo Quinto) Roberto Saviano ha convocato per il 7 agosto la direzione del Partito Democratico, che avrà come tema il Mezzogiorno. Non sembri un paradosso. È bastato un editoriale dell’autore di Gomorra su Repubblica dell’altro giorno – «Caro premier … Continua a leggere
  • Principessa Maria Gabriella di Savoia Riportiamo in patria i Re d’Italia
    (di Cristina Siccardi) Dopo il recente attentato al Consolato italiano in Egitto, un accorato e composto appello è giunto dalla Principessa Maria Gabriella di Savoia, che ha inviato una lettera a Paolo Granzotto  de il Giornale, lettera che il 16 … Continua a leggere
  • Metropolitana C di Roma Metropolitana C di Roma: una grande opera inutile
    (di Danilo Quinto) Insieme al Ministro per le Infrastrutture, Graziano Del Rio, il Sindaco di Roma ha inaugurato il 29 giugno la seconda tratta della linea C della Metropolitana. «Sono molto orgoglioso di questo risultato», ha detto Ignazio Marino. «Se … Continua a leggere
  • Massimiliano Latorre e Salvatore Girone Una vergogna che deve trovare dei responsabili
    (di Danilo Quinto) Nei giorni scorsi, il Ministero degli Esteri ha annunciato di aver attivato l’arbitrato internazionale nel quadro della Convenzione delle Nazioni Unite sul Diritto del Mare sul caso dei due marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone. La decisione, … Continua a leggere
  • il-premier-matteo-renzi I sogni bruciati del grande Matteo
    (di Danilo Quinto) Gioventù bruciata, si potrebbe dire. Se si considerasse com’è iniziata l’avventura renziana – la rottamazione del vecchio, per un nuovo da tutto da costruire – e la si mettesse a confronto, a distanza di poco più di anno, … Continua a leggere