Mezzogiorno tra retorica e immondizia

mezzogiorno(di Danilo Quinto) Roberto Saviano ha convocato per il 7 agosto la direzione del Partito Democratico, che avrà come tema il Mezzogiorno. Non sembri un paradosso. È bastato un editoriale dell’autore di Gomorra su Repubblica dell’altro giorno – «Caro premier il Sud sta morendo: se ne vanno tutti, persino le Mafie» – per convincere Renzi che è giunto il momento di affrontare la questione.

Come? Non si sa. Saviano dice: «Troppe volte ho sentito dire che è ormai inutile intervenire. Che il paziente è già morto. Ma non è così. Il paziente è ancora vivo. Ci sono tantissime persone che resistono attivamente a questo stato di cose e Lei ha il dovere di ringraziarle una ad una. Sono tante davvero. E tutte assieme costituiscono una speranza per l’economia meridionale. E Lei che ha l’ingrato ma nobile compito di mostrare che è dalla loro parte: e non da quella dei malversatori. Tra i quali, purtroppo, si annidano anche coloro che dovrebbero rigenerare l’economia».

La retorica di queste parole è stupefacente. Chi scrive è meridionale e sa, come tutti coloro che non hanno imparato la storia sui testi scolastici, che la crisi in cui si trova il Mezzogiorno – una situazione di «sottosviluppo permanente», come la definisce l’ultimo rapporto SVIMEZ – non è nè improvvisa nè imprevista. Dalla cosiddetta unità d’Italia ad oggi, il Sud ha vissuto un lento e inesorabile affondare, a tutti i livelli, nella disorganizzazione e nella conseguente disgregazione sociale.

L’ultima classe dirigente del Sud – quella dell’inizio del secolo scorso – aveva già individuato tutte le problematiche, ma non ebbe la forza di affrontarle. Da allora, il declino meridionale è stato inarrestabile e si è alimentato della “connivenza” di una parte assai consistente della società civile, che ha saputo solo distruggere ed allearsi – in modo omertoso – con la corruzione della politica e con la malversazione delle mafie.

Da decenni, tutte le statistiche sulla qualità della vita, propongono agli ultimi posti le province meridionali e quello che è accaduto a Napoli e oggi a Roma sull’immondizia, dà il senso – non solo metaforico – della situazione. In uno stesso Stato, esistono due realtà: una delle due è inferiore all’altra per tutto.

Per il reddito, per la qualità della vita sociale e per quella dei servizi essenziali, perfino per la bellezza estetica. Così, venti milioni di persone sopravvivono. Oggi, come cento anni fa. Commentava Tomasi di Lampedusa: «Noi fummo i Gattopardi, i Leoni; quelli che ci sostituiranno saranno gli sciacalletti, le iene; e tutti quanti Gattopardi, sciacalli e pecore continueremo a crederci il sale della terra». Ecco, credersi il sale della terra, senza coltivarla. Senza avere amore per la propria terra usando la retorica delle «tante persone perbene che vivono al Sud».

Se fossero perbene, quelle persone, dovrebbero smetterla di piangersi addosso, ma operare giorno dopo giorno per un cambiamento reale, abbandonando la logica perversa del principe di Salina: «Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi». Ci sono tante forze nel Sud che ancora vogliono che tutto rimanga com’è: sono loro i diretti beneficiari di questa situazione, alla stessa stregua di quei pochi che hanno governato e governano tuttora la crisi economica che ha devastato l’Occidente. La crisi del Sud – come quella europea – è etica, non economica.

È una crisi di principi, di valori, di mancanza di regole. Cosa potrà fare il povero Renzi rispetto a questa situazione? Nulla. Con le sue promesse, non si governa né si affrontano le crisi, Si possono dare “contentini” a questo o a quello o farsi dettare da uno scrittore i criteri di un intervento. Se nel Sud esistono competenze vere e credibili, si armino di coraggio, indichino progetti e li promuovano. Non deleghino a questo o a quello e non attendano una “bacchetta magica” che nessuno può avere, tanto meno i membri della direzione del PD. (Danilo Quinto)

Donazione Corrispondenza romana
  • renzi La disfatta di un premier sedicente cattolico
    (di Mauro Faverzani) Le parole hanno un senso. E quelle del commiato di Renzi ne hanno uno chiarissimo: «Lasciamo la guida del Paese con un’Italia che ha finalmente una legge sulle unioni civili», ha detto. Spiegando anche come tale normativa, … Continua a leggere
  • Brexit Da Renzi alla Brexit: tra falso ordine e caos
    (di Emmanuele Barbieri) Nessuno dei sindaci eletti il 19 giugno nelle principali città italiane disapplicherà la famigerata legge Cirinnà che assicura veste legale allo pseudo-matrimonio omosessuale. Per i neo-sindaci, che condividano o no il provvedimento renziano, non esiste una legge … Continua a leggere
  • cartina-muta Le grandi manovre per “repubblicanizzare” l’Italia
    (di Cristina Siccardi)  Il 1° giugno di 70 anni fa, vigilia del referendum istituzionale, Pio XII si rivolse al Sacro Collegio e, attraverso la radio, agli elettori italiani e francesi (anche in Francia, infatti, si votava, per le elezioni politiche), … Continua a leggere
  • Eutanasia L’eutanasia in parlamento
    (di Tommaso Scandroglio) Tornano a soffiare venti di morte sul Parlamento. Infatti, incassate le Unioni civili, ora si dibatte di eutanasia nei palazzi del potere. Sono sette le proposte di legge sul tema – ed altre sono in fase di … Continua a leggere
  • alfano-renzi Il tradimento storico dei “cattolici”
    (di Roberto de Mattei) L’approvazione dello pseudo-matrimonio omosessuale, avvenuta al Senato il 25 febbraio 2016, con 173 sì, 71 no e 76 assenze è l’ultima tappa di un processo di dissoluzione della società italiana che parte dall’introduzione del divorzio (1970), … Continua a leggere
  • Principessa Maria Gabriella di Savoia Riportiamo in patria i Re d’Italia
    (di Cristina Siccardi) Dopo il recente attentato al Consolato italiano in Egitto, un accorato e composto appello è giunto dalla Principessa Maria Gabriella di Savoia, che ha inviato una lettera a Paolo Granzotto  de il Giornale, lettera che il 16 … Continua a leggere
  • Metropolitana C di Roma Metropolitana C di Roma: una grande opera inutile
    (di Danilo Quinto) Insieme al Ministro per le Infrastrutture, Graziano Del Rio, il Sindaco di Roma ha inaugurato il 29 giugno la seconda tratta della linea C della Metropolitana. «Sono molto orgoglioso di questo risultato», ha detto Ignazio Marino. «Se … Continua a leggere
  • Massimiliano Latorre e Salvatore Girone Una vergogna che deve trovare dei responsabili
    (di Danilo Quinto) Nei giorni scorsi, il Ministero degli Esteri ha annunciato di aver attivato l’arbitrato internazionale nel quadro della Convenzione delle Nazioni Unite sul Diritto del Mare sul caso dei due marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone. La decisione, … Continua a leggere
  • il-premier-matteo-renzi I sogni bruciati del grande Matteo
    (di Danilo Quinto) Gioventù bruciata, si potrebbe dire. Se si considerasse com’è iniziata l’avventura renziana – la rottamazione del vecchio, per un nuovo da tutto da costruire – e la si mettesse a confronto, a distanza di poco più di anno, … Continua a leggere
  • diavolo-renzi Il diavolo fa le pentole, ma non i coperchi
    (di Danilo Quinto) Sarà pure una questione «veramente noiosa», come l’ha definita il Ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, ma la notizia c’è: in base ai dati diffusi dalla Banca d’Italia, il debito pubblico nel mese di aprile è aumentato di … Continua a leggere