Le ragioni della morte della democrazia

la-democrazia-uccisa-da-chi-aveva-il-compito-di-mantenerla-viva(di Tommaso Scandroglio) Ultime elezioni regionali: astensione record. Ultimi tre governi: non eletti dai cittadini. Quale è il minimo comun denominatore tra questi due fatti politici? La morte della democrazia.

Da una parte l’italiano medio non crede più al sistema rousseauniano «una testa un voto». Ha finalmente capito che per chi governa la sua testa e ciò che c’è dentro poco vale. Vale solo il suo voto, che è cosa diversa. Il famigerato partito dell’astensione ha raccolto sempre più tesserati nel tempo. Votanti delle politiche del’63: 96%. Votanti delle politiche del 2013: 72%.

Su altro versante i gestori della res publica hanno anche loro mandato al macero la dottrina democratica con i governi tecnici perché la democrazia – ammettiamolo – è solo un sistema per accaparrasi il potere, ma se questo puoi averlo scavalcando il voto popolare perché non tentare? Quindi il voto democratico ha valore se corrisponde alle aspettative di chi sta in alto. Negli altri casi è preferibile tornare all’oligarchia. Vedasi le decine di referendum dove la plebe decise per il bianco e Parlamento e Governo ossequiarono i risultati delle urne decidendo per il nero.

Insomma tutti parlano di democrazia, ma pare proprio che nessuno la voglia per davvero. I motivi che spiegano le urne vuote sono noti e sicuramente in parte validi: disaffezione dalla politica, sfiducia nei governanti, scollamento tra il sentito popolare e quello elitario di coloro i quali frequentano i palazzi del potere, malcostume “rubaiolo” di quest’ultimi, constatazione che nulla cambia a parte il nome dei partiti (ma non il nome dei politici) e via lamentandosi. Ma forse c’è dell’altro.

Facendo un poco di politologia all’amatriciana potremmo dire che la crisi della democrazia è anche da rinvenire in due aspetti che chiameremo “Il villaggio non globale” e “Ridateci i filosofi”. Partiamo dal primo: È di piena evidenza che più una comunità di persone cresce numericamente più è difficile conoscersi bene l’un l’altro (pare che un buon limite sia quello di 100 persone a comunità). Quindi potremmo dire che la conoscenza e la fiducia interpersonale è indirettamente proporzionale al numero di persone che compongono una comunità.

Ora il sistema di rappresentanza funziona soprattutto nelle comunità piccole. Perché? Per il motivo che io conosco bene il mio candidato, che questi conosce bene me e la situazione sociale che andrà a governare – anch’essa non complessa perché di ridotte dimensioni – e che soprattutto se il candidato sgarra o fa il furbo lo posso personalmente andare a strigliare. La democrazia ha reali difficoltà a funzionare invece nei villaggi globali come le nazioni. Prova ne è che alcuni piccoli comuni vantano spesso un’amministrazione così virtuosa che sarebbe realisticamente impossibile eguagliare a livello nazionale.

Secondo punto. Platone nella Repubblica scrive che al governo ci dovrebbero andare i filosofi. Chi sono i filosofi? I saggi. Pare banale chiederlo, ma a governare una intera nazione non vorremmo noi gente capace, prudente, amante della giustizia, che sa discernere con oculatezza cosa serve davvero per il bene comune? Nella mentalità politica corrente invece si è sostituito il saggio con il tecnico. Dato che si interpreta il bene comune come se fosse un business – tutti che lavorano e hanno la pancia piena dicendo addio a valori quali la famiglia e la vita che sono ben più importanti – e la Nazione come un’impresa – l’importante è l’efficienza dei servizi e il wellfare, mica l’educazione e la libertà religiosa – ecco che la figura del tecnico è la miglior risposta alla crisi.

Ma cosa c’entra il filosofo di Platone con la democrazia? C’entra eccome perché il saggio che dovrebbe governare potrebbe essere scelto molto difficilmente dalla base, sia perché questa il più delle volte saggia non è – ed ogni simile cerca il suo simile – sia perché il singolo guarda al suo utile privato, non ha la capacità, propria invece del saggio, di guardare al bene collettivo. Insomma il suo voto andrebbe a chi promette di rendere l’erba del suo giardino sempre più verde.

Il saggio invece prometterebbe anche lacrime e sangue perché il bene comune è impegno di tutti da lucrare anche con sacrifici personali, ricorderebbe che prima dei diritti vi sono i doveri, metterebbe al bando le leggi ingiuste che però a molti sembrano tanto giuste. E chi lo voterebbe uno così? Nessuno. Si darebbe il voto invece a chi saggio non è, ma forse scaltro sì. Però alla fine tale scaltrezza andrebbe a danno di tutti – come la storia delle democrazie ci spesso ci insegna – e questi tutti alla lunga non saprebbero più che farsene della parola “democrazia”. Meglio allora starsene a casa o andare al bar con l’amico filosofo il quale, con siffatta laurea in tasca, ha molto tempo libero dato che non riesce a trovare uno straccio di lavoro. Figurarsi fare il Presidente del Consiglio. (Tommaso Scandroglio)

Donazione Corrispondenza romana
  • renzi La disfatta di un premier sedicente cattolico
    (di Mauro Faverzani) Le parole hanno un senso. E quelle del commiato di Renzi ne hanno uno chiarissimo: «Lasciamo la guida del Paese con un’Italia che ha finalmente una legge sulle unioni civili», ha detto. Spiegando anche come tale normativa, … Continua a leggere
  • Brexit Da Renzi alla Brexit: tra falso ordine e caos
    (di Emmanuele Barbieri) Nessuno dei sindaci eletti il 19 giugno nelle principali città italiane disapplicherà la famigerata legge Cirinnà che assicura veste legale allo pseudo-matrimonio omosessuale. Per i neo-sindaci, che condividano o no il provvedimento renziano, non esiste una legge … Continua a leggere
  • cartina-muta Le grandi manovre per “repubblicanizzare” l’Italia
    (di Cristina Siccardi)  Il 1° giugno di 70 anni fa, vigilia del referendum istituzionale, Pio XII si rivolse al Sacro Collegio e, attraverso la radio, agli elettori italiani e francesi (anche in Francia, infatti, si votava, per le elezioni politiche), … Continua a leggere
  • Eutanasia L’eutanasia in parlamento
    (di Tommaso Scandroglio) Tornano a soffiare venti di morte sul Parlamento. Infatti, incassate le Unioni civili, ora si dibatte di eutanasia nei palazzi del potere. Sono sette le proposte di legge sul tema – ed altre sono in fase di … Continua a leggere
  • alfano-renzi Il tradimento storico dei “cattolici”
    (di Roberto de Mattei) L’approvazione dello pseudo-matrimonio omosessuale, avvenuta al Senato il 25 febbraio 2016, con 173 sì, 71 no e 76 assenze è l’ultima tappa di un processo di dissoluzione della società italiana che parte dall’introduzione del divorzio (1970), … Continua a leggere
  • mezzogiorno Mezzogiorno tra retorica e immondizia
    (di Danilo Quinto) Roberto Saviano ha convocato per il 7 agosto la direzione del Partito Democratico, che avrà come tema il Mezzogiorno. Non sembri un paradosso. È bastato un editoriale dell’autore di Gomorra su Repubblica dell’altro giorno – «Caro premier … Continua a leggere
  • Principessa Maria Gabriella di Savoia Riportiamo in patria i Re d’Italia
    (di Cristina Siccardi) Dopo il recente attentato al Consolato italiano in Egitto, un accorato e composto appello è giunto dalla Principessa Maria Gabriella di Savoia, che ha inviato una lettera a Paolo Granzotto  de il Giornale, lettera che il 16 … Continua a leggere
  • Metropolitana C di Roma Metropolitana C di Roma: una grande opera inutile
    (di Danilo Quinto) Insieme al Ministro per le Infrastrutture, Graziano Del Rio, il Sindaco di Roma ha inaugurato il 29 giugno la seconda tratta della linea C della Metropolitana. «Sono molto orgoglioso di questo risultato», ha detto Ignazio Marino. «Se … Continua a leggere
  • Massimiliano Latorre e Salvatore Girone Una vergogna che deve trovare dei responsabili
    (di Danilo Quinto) Nei giorni scorsi, il Ministero degli Esteri ha annunciato di aver attivato l’arbitrato internazionale nel quadro della Convenzione delle Nazioni Unite sul Diritto del Mare sul caso dei due marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone. La decisione, … Continua a leggere
  • il-premier-matteo-renzi I sogni bruciati del grande Matteo
    (di Danilo Quinto) Gioventù bruciata, si potrebbe dire. Se si considerasse com’è iniziata l’avventura renziana – la rottamazione del vecchio, per un nuovo da tutto da costruire – e la si mettesse a confronto, a distanza di poco più di anno, … Continua a leggere