Le “destre” contrapposte in Ucraina

Flag_of_Ukraine(di Gianandrea de Antonellis) Il Fasciocomunista (2003) non è solo l’autobiografia romanzata di Antonio Pennacchi. Già negli anni Novanta alcuni si definivano “nazi-bolscevichi”, alimentando una confusione ideologica che, dopo la caduta del Muro di Berlino e delle relative contrapposizioni, esprimeva proposte di “sfondamento (o irruzione) a sinistra” o ricerche di vie “al di là della destra e della sinistra”.

Confusione presente anche a sinistra dove, accantonate del tutto le ideologie, i parlamentari, quando non si davano a tematiche ecologiste e prima di abbracciare la battaglia omosessualista, facevano a gara per farsi ricevere a Wall Street e per compiacere le “teorie del mercato”. È passato quasi un quarto di secolo e la confusione continua a regnare sovrana, tanto che non è sempre chiaro, soprattutto nei gruppi giovanili, in cosa consista la “destra”. Ad esempio il gruppo Millennium, che si definisce anche Partito Comunitarista Europeo (forse usando un paio di sillabe di troppo, almeno a giudicare dai suoi proclami), ha mandato alcuni suoi membri a Donetsk, schierandosi a favore della locale Repubblica Popolare filorussa, mentre altri “camerati” hanno preferito appoggiare i nazionalisti ucraini in funzione antirussa.

Uno di questi ultimi, è il cinquantenne Francesco F., volontario nel Battaglione Azov. Dall’intervista rilasciata a “Panorama (n. 26/2014) si evince il rimpianto per l’atto “gratuito”: «Non siamo mercenari, ma volontari senza un soldo di paga che combattono per una giusta battaglia. Io sparo e ammazzo prima di farmi uccidere, ma senza odio neppure per i separatisti. Un uomo non può dirsi tale se non ha provato la guerra».

Assai più mite il comportamento dei rappresentanti di Millennium, che si sono limitati a farsi fotografare con una bandiera italiana in cui campeggiava una stella rossa partigiana – con riuscita operazione di marketing che ha fatto parlare molto dell’iniziativa – per poi rientrare al sicuro in Italia, promettendo ai separatisti soprattutto “vicinanza politica” e “solidarietà”. Francesco F., invece, è rimasto in Ucraina assieme ad altri “camerati”. Si definiscono senza mezze misure di «estrema destra», come filonazisti sono quasi tutti i membri del battaglione Azov, vicini alla formazione politica Assemblea nazional-sociale.

Ricapitolando: “fascio-comunisti” in contatto con l’ideologo della Grande Russia euroasiatica, Aleksandr Dugin, contro “filonazisti” disposti a battersi per il grande capitale e l’Unione Europea (senza disdegnare la vicinanza dei movimenti omosessualisti anti-putiniani). A chi dar ragione? In aiuto può venire uno scritto di Plinio Corrêa de Oliveira, intitolato Falsa alternativa, in cui il pensatore critica sia il liberalismo che i regimi totalitari antidemocratici: «Di fronte alla falsa alternativa dispotismo-anarchia, i totalitari di ogni colore scelsero il dispotismo per reagire contro l’anarchia». Un errore, perché «volendo fuggire dal liberalismo, sono scivolati nell’abisso contrario. Non hanno compreso che non si trattava di scegliere tra due abissi, ma di cercare la Via che conduce al Cielo. Perciò, lungi dal condurci verso la civiltà cristiana, la reazione contro l’anarchia ci portò verso un nuovo abisso: lo Stato Moloch».

Denunciando la radice comune tra liberalismo e dispotismo, Corrêa de Oliveira mette in guardia dalle nuove forma di socialismo e conclude: «Di fronte a questo nuovo socialismo, come già prima col liberalismo, la reazione dei cattolici di tutto il mondo, ma soprattutto in Europa, può essere una sola: combatterlo in modo deciso, franco, risoluto, senza paura». Insomma si può – e si deve – evitare di «scegliere tra forca e ghigliottina», come efficacemente sintetizza Juan Loredo presentando Falsa alternativa, quando esiste una “terza via” e una “destra” veramente cristiana. (Gianandrea de Antonellis)

Donazione Corrispondenza romana
  • Anti-abortion marchers walk near the Supreme Court during the annual March for Life, Tuesday, Jan. 22, 2008, in Washington. The rally comes 35 years after the Supreme Court ruled that a Texas woman with the pseudonym Jane Roe had a constitutional right to have an abortion. (AP Photo/Haraz N. Ghanbari) Svolta pro-life negli Stati Uniti?
    (Tommaso Scandroglio) Donald Trump nell’ottobre del 1999 alla NBC in merito al tema dell’aborto così si espresse: «Io sono molto pro-choice. Odio il concetto di aborto. Lo odio. Odio tutto ciò che rappresenta. Io rabbrividisco quando sento le persone discutere di … Continua a leggere
  • bannon-priebus-large_transqvzuuqpflyliwib6ntmjwfsvwez_ven7c6bhu2jjnt8 Donald Trump nomina due pro-life alla Casa Bianca
    (di Lupo Glori) Mentre non si placano le accese polemiche, a tutti i livelli, nei confronti dell’inattesa e, per molti, disorientante elezione di Donald Trump a presidente degli Stati Uniti d’America, tutti gli occhi della stampa mondiale sono ora puntati … Continua a leggere
  • Angela Merkel Germania nuova batosta per la Merkel
    (di Lupo Glori) Il popolo tedesco boccia nuovamente le recenti avventate scelte politiche di Angela Merkel. Dopo la pesante sconfitta alle ultime elezioni regionali in Meclemburgo-Pomerania sono questa volta i cittadini di Berlino ad infliggere un’altra sonora batosta alla cancelliera … Continua a leggere
  • sede-grande-oriente-136112 L’Eliseo si gioca non nelle urne, ma nelle logge
    (di Mauro Faverzani) Le prossime presidenziali, in Francia, le si gioca nelle Logge. I candidati all’Eliseo fanno ormai a gara per conquistarsi le simpatie e soprattutto l’appoggio della massoneria in vista della chiamata alle urne nel 2017. L’Eliseo si gioca … Continua a leggere
  • maxresdefault Un vento identitario soffia sull’Europa
    (di Lupo Glori) La Germania vira a destra e boccia la politica di immigrazione di Angela Merkel che nell’ultimo anno ha visto arrivare nel paese tedesco oltre un milione di rifugiati. Domenica 13 marzo il partito di Frauke Petry, Alternative … Continua a leggere
  • Francia Un’epoca nuova si apre per la Francia, ma quale?
    (di Giulio Ginnetti) Non ci si può che rallegrare dei risultati delle elezioni francesi, che spostano decisamente a destra l’asse politico del Paese. Il Front National è riuscito ad ottenere il 28% di consensi su scala nazionale, con punte che … Continua a leggere
  • GreciaReferendum Il voto greco è il simbolo del fallimento europeo
    (di Lupo Glori) Dalla Grecia arriva un netto stop all’Europa. Il referendum greco, indetto dal premier Alexis Tsipras contro le politiche di austerità imposte dalla cosiddetta “Troika”, formata dal Fondo Monetario Internazionale (FMI), la Banca Centrale Europea (Bce) e la … Continua a leggere
  • Il trionfo di Tsipras e il fallimento dell'Unione Europea Il trionfo di Tsipras e il fallimento dell’Unione Europea
    (di Lupo Glori) Domenica 25 gennaio, le elezioni politiche greche hanno rispettato le previsioni, sancendo il trionfo di Alexis Tsipras, il leader di Syriza, partito della sinistra radicale anti-austerità che, con il 36% dei consensi, ha conquistato 149 seggi, soli … Continua a leggere
  • European flags fly in front of the Europ La macelleria sociale europea
    (di Danilo Quinto) Tra i compiti che il Trattato di Mastricht assegna agli organi istituzionali dell’Unione europea, vi è quello d’informare le opinioni pubbliche della situazione economica e sociale. Il compito viene svolto dalla Commissione europea, che stila un Rapporto … Continua a leggere
  • elezionieuropeedel25maggio2014-1 Elezioni europee, ecco chi (non) votare
    (di Luigi Vinciguerra) Un sito LGTBI indica i candidati “buoni” e “cattivi” e offre gli strumenti di “lobbying” per costringerli a dichiararsi apertamente pro o contro l’agenda omosessualista. Elezioni europee, ecco chi (non) votare was last modified: maggio 21st, 2014 … Continua a leggere