La riforma del conclave di Alessandro III

(di Lorenzo Benedetti) Rolando Bandinelli, di Siena, fu una delle figure più importanti dell’Italia del XII secolo. Colto ed energico, fu nominato cardinale nel 1150, divenne cancelliere pontificio e guidò diverse ambascerie presso i regni d’Europa.

Nel 1159 partecipò al Conclave che lo elesse Sommo Pontefice, ed i contrasti con il potere temporale si fecero subito sentire: non era stato ancora vestito degli attributi regali, che sei cardinali scismatici proclamarono un antipapa fedele al Barbarossa da contrapporgli, ed il Collegio dovette riparare nel basso Lazio. Consacrato col nome di Alessandro III, scomunicò l’avversario ma, non disponendo di forze militari, fu costretto a peregrinare fra Francia e Italia, il cui clero regolare e secolare gli prestò giuramento di fedeltà, riconoscendolo come legittimo Pontefice.

Intanto i Comuni italiani, in lotta con Federico I, vedevano in questo Papa forte e risoluto un baluardo intorno a cui stringersi per mantenere indipendenza e libertà: Alessandro III decise di appoggiarli contro colui che aveva osato sfidare il Vicario di Cristo. Nel 1167, i Comuni del Nord Italia si riunirono nella Lega Lombarda e fondarono una città in Piemonte per arginare le forze imperiali, che battezzarono Alessandria in suo onore.

Grazie al loro lungimirante alleato, le città padane sconfissero l’Imperatore nella Battaglia di Legnano, ed il vinto dovette riconoscere Alessandro come unico Pontefice e liberare il territorio della Chiesa dal pericolo di future invasioni.

Finalmente al sicuro nell’Urbe, il Papa poté convocare nel 1179 il Terzo Concilio Lateranense, in cui emanò, alla presenza di oltre trecento vescovi, il canone Licet de evitanda discordia: furono ritenute valide le norme decise da Niccolò II per l’elezione del pontefice, ma per evitare la situazione in cui egli stesso si era venuto a trovare al momento della sua nomina, stabilì che l’elezione sarebbe spettata a tutti i cardinali – non solo ai vescovi – a maggioranza dei due terzi. Questa ordinanza avrebbe impedito, ed impedisce tutt’oggi, che una minoranza possa pretendere la legittimità del proprio candidato. (Lorenzo Benedetti)

Donazione Corrispondenza romana
  • L’“effetto Francesco”
    (di Fabio Cancelli) Si era agli inizi del Pontificato del Papa latino-americano e sociologi, psicologi e operatori pastorali vari si affaccendavano a spiegare, statistiche alla mano, quello che si impose come «effetto Francesco». Cioè, si tentava di dimostrare che non … Continua a leggere
  • Il ricatto dell’obbedienza
    (di Cristiana de Magistris) In tempi più felici di quelli in cui viviamo, si soleva dire che Roma locuta est, causa finita est, Roma ha parlato, dunque la causa è conclusa. Da un cinquantennio a questa parte, questo lemma, degno … Continua a leggere
  • Nulla poena sine culpa (il caso Manelli)
    (di Giovanni Turco) Un classico brocardo esprime uno dei principi elementari di giustizia: nessuna pena senza colpa. La pena presuppone la colpa. E quella è giusta solo se è proporzionata a questa. Si tratta di un criterio basilare della sapienza … Continua a leggere
  • La Milizia dell’Immacolata compie cent’anni
    (di Cristina Siccardi) Quando santa Bernadette Soubirous, il 25 marzo 1858, giorno della sedicesima apparizione, chiese alla Madonna il suo nome, così come le aveva richiesto il parroco di Lourdes, don Peyramale, Maria Santissima rispose in vernacolo occitano: «Quesoy era … Continua a leggere
  • Un Papa violento?
    (di Roberto de Mattei) Contro l’evidenza c’è poco da argomentare. La mano tesa di papa Bergoglio nei confronti della Fraternità San Pio X è la stessa che si abbatte in questi giorni sull’Ordine di Malta e sui Francescani dell’Immacolata. Un … Continua a leggere
  • Santi Francesco di Sales e Giovanni Bosco orate pro Ecclesia
    (di Cristina Siccardi) «Ricco di misericordia, Iddio non mancò mai alla sua Chiesa che milita in questo mondo (…). Mentre nel secolo XVI visitava con la verga del suo furore le genti cristiane, e permetteva che molte province dell’Europa fossero … Continua a leggere
  • Un vescovo modello: san Francesco di Sales
    (di Cristina Siccardi) Al grottesco funerale del novantenne monsignor Jaume Camprodon i Rovira, Vescovo di Girona (nei pressi di Barcellona) dal 1973 al 2001, non c’era il suo corpo nella bara e la cripta, predisposta nella cattedrale per accogliere le … Continua a leggere
  • Appello di tre Vescovi cattolici a Papa Francesco in difesa del matrimonio
    Il 18 gennaio, giorno della antica festa della Cattedra di san Pietro, Tomash Peta, Arcivescovo Metropolita dell’arcidiocesi di Maria Santissima in Astana; Jan Pawel Lenga, Arcivescovo-Vescovo emerito di Karaganda e Athanasius Schneider, Vescovo ausiliare dell’arcidiocesi di Maria Santissima in Astana … Continua a leggere
  • Dopo l’Amoris laetitia, confessori e pastori senza via d’uscita
    (di Cristina Siccardi) Nell’era in cui il Papa dice «chi sono io per giudicare?» è diventato difficile e talvolta impossibile, per parroci e sacerdoti coscienziosi, espletare il sacramento della confessione in serenità. Se Roma non trasmette l’abc del comportamento etico … Continua a leggere
  • Chi vuole sfasciare l’Ordine di Malta?
    (di Roberto de Mattei) «Molto tempo prima che le Nazioni civili fossero giunte a stabilire un diritto internazionale; molto prima che avessero potuto formare il sogno –  non ancora attuato – di una forza comune a tutela della sana libertà … Continua a leggere