La questione liturgica a 50 anni dal Concilio Vaticano II, di Maria Guarini

La questione liturgica a 50 anni dal Concilio Vaticano II, di Maria Guarini(di Cristina Siccardi) «Dai un dito e si prendono il braccio» recita un antico adagio della saggezza popolare. Ebbene è ciò che è accaduto con la Costituzione Sacrosactum Concilium formulata durante il Concilio Vaticano II, quando i Padri conciliari tracciarono le linee guida di una revisione del Messale. Dopo il Concilio fu designata una Commissione per redigere il testo, il Consilium ad exsequendam Constitutionem de Sacra Liturgia.

Un nuovo Messale venne editato nel 1965, in parte modificato nel 1967, nel quale vennero introdotti la preghiera dei fedeli, la possibilità di recitare in volgare un diverso ciclo di letture e diverse parti dell’Ordinario. Poi la Commissione, presieduta da Monsignor Annibale Bugnini, giunse alla formulazione di un ulteriore nuovo Messale nel 1969: il Novus Ordo Missae, che venne stilato ben oltre le linee guida dell’Assise conciliare.

La Sacrosactum Concilium ha fatto dunque da apripista per legittimare coloro che volevano rivoluzionare (con i pretesto di svecchiare), oltre a tutto il resto, anche il rito della Santa Messa. Scrive Maria Guarini nel suo recente libro La questione liturgica. Il rito Romano usus Antiquior e il Novus Ordo Missae a 50 anni dal Concilio Vaticano II, pubblicato da Solfanelli: «… l’abolizione di moltissimi gesti: inchini e preghiere, l’inserimento di nuove preghiere eucaristiche, la soppressione dei riferimenti alla Comunione dei Santi ed alla Vergine eliminando le invocazioni alla loro intercessione, il maggior spazio dato all’ascolto della sacra scrittura, la modifica delle formule dell’Offertorio e diversi altri rifacimenti hanno reso il nuovo messale un libro liturgico che molto si distacca dal testo tridentino» (p. 24).

Il fatto di aver contaminato la Liturgia, funzione primaria della Chiesa, è stato un errore gravissimo, i cui effetti sono stati tragici, per il clero come per la gente. Una tragedia che ha compromesso sicuramente la grazia santificante della Santa Messa, le propiziazioni che dal Santo Sacrificio derivano e, inevitabilmente, la stessa Fede dei fedeli. Benedetto XVI, nella sua Autobiografia, aveva scritto pagine di forte riflessione dove ricorda il suo sbigottimento di fronte al divieto del messale antico, poiché una cosa simile non si era mai verificata in tutta la storia della liturgia:

«Sono convinto che la crisi ecclesiale in cui oggi ci troviamo dipende in gran parte dal crollo della liturgia, che talvolta viene addirittura concepita “etsi Deus non daretur”: come se in essa non importasse più se Dio c’è e se ci parla e ci ascolta. Ma se nella liturgia non appare più la comunione della fede, l’unità universale della Chiesa e della sua storia, il mistero del Cristo vivente, dov’è che la Chiesa appare ancora nella sua sostanza spirituale? Allora la comunità celebra solo se stessa, senza che ne valga la pena. E, dato che la comunità in se stessa non ha sussistenza, ma, in quanto unità, ha origine per la fede dal Signore stesso, diventa inevitabile in queste condizioni che si arrivi alla dissoluzione in partiti di ogni genere, alla contrapposizione partitica in una Chiesa che lacera se stessa» (cfr. J. Ratzinger, La mia vita [Titolo originale dell’opera: Aus meinem Leben Erinnerungen 1927-1977], San Paolo, Cinisello Balsamo 1997, pp. 113-115).

Maria Guarini, laureata in teologia ed esperta in Comunicazione e nuove tecnologie, ha diretto per diversi anni la Biblioteca e le Relazioni al Pubblico del Ministero delle Comunicazioni, ha svolto e svolge l’attività di operatore dell’informazione a livello internazionale e da alcuni anni si prodiga per il recupero della Tradizione nella Chiesa. Con questo saggio l’autrice aiuta il lettore a comprendere efficacemente che la liturgia rappresenta lo ius divinum del culto dovuto a Dio, che la Santa Messa è un’opera divina e non umana, mediante la quale Dio santifica il suo popolo: azione del Signore per i credenti e azione del popolo per il suo Signore. Così come per Cristo (Dio-uomo) e per la Chiesa (divina e umana), anche la Sacra Liturgia è nel contempo divina ed umana, realtà visibile e realtà invisibile.

Il cuore del libro, scrive nella prefazione Monsignor Brunero Gherardini, «non è, dunque, ciò di cui il titolo potrebbe indurre l’attesa, vale a dire uno studio più o meno scientificamente condotto sul concetto di liturgia, sul suo contenuto e sulle sue singole parti, ma una serie di riflessioni, non raramente e giustamente critiche circa la situazione di fatto determinatasi sulla scia della “creatività” postconciliare, ma proteste alla riconquista del terreno perduto. A tale riguardo non si può far altro che applaudire» (p. 5).

Inoltre Monsignor Gherardini elogia il sano equilibrio che l’autrice distribuisce riccamente nelle sue pagine: la sua fede tradizionalista non è per lei un «paraocchi», ma ci «vede anzi e ci vede bene, tanto se si volge all’indietro, quanto se guarda in avanti (…) Se è vero che liturgia e fissismo non vanno d’accordo, è altrettanto vero che dell’autentica liturgia non è un ottimo interprete né chi sa o preferisce voltarsi soltanto all’indietro, né chi, guardando in avanti, non ha occhi se non per l’ancor confuso domani» (p. 6).

Un altro merito del saggio è la puntuale confutazione di alcuni luoghi comuni che assurdamente continuano ad alimentare la non accoglienza del Rito Romano, codificato da San Pio V e oggi celebrato con il Messale del 1962. Alcuni hanno paura del Vetus Ordo, altri lo considerano un allestimento teatrale. In realtà «non si tratta di una gestualità coreografica, ma di un insieme organico e ben scompaginato di gesti parole e sentimenti cui corrispondono significati profondi e sublimi – certamente non criptici né solo formali per chi vi si accosta con un minimo di interesse e volontà di comprendere – e, soprattutto, si rivolge alle fonti giuste, smettendo di ascoltare i “cattivi maestri”, che stanno rendendo la Chiesa una landa desolata» (p. 107).

La questione della Santa Messa continua ad essere pietra di inciampo, nonostante la sua liberalizzazione, grazie al documento Summorum Pontificum di Benedetto XVI; permane l’azione di boicottaggio nei suoi confronti, di crudele proibizione, emarginazione e persecuzione (vedasi l’emblematico caso dei Francescani dell’Immacolata): nonostante sia reclamata, con amore, da sacerdoti e fedeli, la maggior parte dei vescovi non provano simpatia per questo rito che offre la possibilità di sentirsi davvero cattolici e in un corpo solo: a Roma come nel villaggio sperduto del Kenya o dell’India o della Colombia. Finché non si tornerà a comprendere che il vero celebrante è Cristo (nel sacerdote), Altare, Vittima, Sommo Sacerdote, il quale rivolge a Dio il suo Sacrificio e non al popolo, non si tornerà ad una Fede autentica.

Al centro del rito liturgico non c’è né la Parola, né l’assemblea (come per i Protestanti), ma Gesù, lo sposo di ogni anima e come tale deve essere adorato e glorificato: «Amico, come hai potuto entrare qui senz’abito nuziale?» (Mt 22, 12); «Ti sposerò nella fedeltà» (Os 2, 22).

Gesù continua fedelmente, ogni giorno, a sacrificarsi sull’altare per ciascuna persona, alla quale La Vittima immolata non richiede la partecipazione, come attore di un qualcosa, ma di assistere in umiltà, di raccogliersi, di inginocchiarsi, di contemplare il Calvario e la Croce, Mistero di Amore perfetto della perfetta Trinità. (Cristina Siccardi)

Donazione Corrispondenza romana
  • Una rivoluzione pastorale di Guido Vignelli Una rivoluzione pastorale di Guido Vignelli
    (di Gianandrea de Antonellis) Esiste la cosiddetta “sindrome della rana”: se si mette l’animaletto nell’acqua bollente, farà di tutto per scappare; ma se la si mette in una pentola di acqua fredda che si porta all’ebollizione, la rana si adatterà … Continua a leggere
  • Sono-Maria-Cristina «Sono Maria Cristina». La beata Regina delle Due Sicilie, nata Savoia, di Cristina Siccardi
    (di Gianandrea de Antonellis) La «reginella santa» era l’appellativo più ricorrente per la Beata Maria Cristina. “Reginella” perché morta giovanissima, ad appena 23 anni; “santa” perché pervasa da una religiosità così forte da riuscire a far passare il marito, il … Continua a leggere
  • costituzione e tradizione Un libro di Giovanni Turco: Costituzione e Tradizione
    (di Cristina Siccardi) Essendo l’Universo ordinato secondo criteri e principi, anche le società umane, piccole o grandi che siano, sono obbligatoriamente tenute a stabilire criteri e principi di convivenza e di relazionalità. Quando le costituzioni umane rispettano e si ricollegano … Continua a leggere
  • lettere a un figlio sull'educazione Lettere a un figlio sull’educazione
    (di Cristina Siccardi) A dispetto di una parte del mondo occidentale e di una parte di teologi e indegni pastori che desiderano far credere, a tutti i costi, che la vita delle persone è regolata, in pratica, dagli istinti indominabili … Continua a leggere
  • passione-per-cristo Il Diario di mons. Canovai
    (di Cristina Siccardi) Era il 7 maggio 1940 quando don Giuseppe Canovai (1904-1942), sacerdote romano che diventerà diplomatico della Santa Sede, scriveva: «Mio Dio voglio essere Sacerdote, in tutto, per tutto, in ogni attimo della vita, in ogni momento della … Continua a leggere
  • cop Mario Palmaro scritte mod.indd Mario Palmaro. Il buon seme fiorirà
    (di Cristina Siccardi) Non c’era citazione più propizia per dare inizio ad un’antologia di testimonianze dedicate al Professor Mario Palmaro, come quella che Alessandro Gnocchi, il suo specialissimo amico, nonché alleato inscindibile di battaglia per le verità di fede e … Continua a leggere
  • sottomissione Considerazioni su Sottomissione di Michel Houellebecq
    (di Gianandrea de Antonellis) Indubbiamente la strage che ha falcidiato la redazione del settimanale “Charlie Ebdo” del 7 gennaio 2015 si è rivelata una inattesa fonte di pubblicità per il romanzo Sottomissione di Michel Houellebecq, allora appena edito in Francia … Continua a leggere
  • Il ralliement di Leone XIII di Roberto de Mattei Il ralliement di Leone XIII di Roberto de Mattei
    (di Gianandrea de Antonellis) Leone XIII è , dal punto di vista dottrinario, uno dei più grandi pontefici della storia. Meno luminosa, invece, la sua azione in ambito pastorale, in particolar modo per ciò che riguarda il tentato avvicinamento (ralliement) … Continua a leggere
  • La riforma liturgica anglicana La riforma liturgica anglicana di Michael Davies
    (di Cristina Siccardi) Molti cattolici, oggi, invece di voler capire annaspano, si angosciano, taluni si disperano… Cosa faremo, dove andremo, cosa diventeremo con la nuova pastorale dettata dal Concilio Vaticano II; con le dottrine moderniste entrate nella Chiesa; con pastori … Continua a leggere
  • Sed Gladium di Andrea Giacobazzi Sed Gladium di Andrea Giacobazzi
    (di Danilo Quinto) Andrea Giacobazzi, giovane saggista, collaboratore del quotidiano “Rinascita”, della rivista “La Tradizione Cattolica” e di “Radio Spada”, è l’autore di un recente libro intitolato Sed Gladium – Dottrina e Sacra Scrittura contro l’ecumenismo (Edizioni Radio Spada, pp.108, … Continua a leggere