La Passione di Cristo per me. Per la mia vita

Gesu-porta-Croce(su catholicafides) Durante il sacro periodo della quaresima la Chiesa ci invita in modo particolare alla meditazione della passione del Signore. Non si tratta di un semplice ricordo degli eventi storici, ma di entrare nella realtà salvifica. Cristo non ha salvato una massa anonima, ma ogni singolo individuo, dando la sua vita liberamente affinché io fossi redento. Quando è stato flagellato, ha visto me. Quando soffriva in croce, ha pensato a me.

Pregando con affetto la via crucis, io accompagno veramente Gesù rispondendo alla sua chiamata. Infatti, ogni stazione del suo camino doloroso è un mio passo verso il suo amore. Giudicato da Ponzio Pilato il Signore mi dice: “Giudicherò chi condanna l’amore. Ma il mio tribunale è diverso da quello di Pilato poiché io mi metto al posto del colpevole. Mi piego al giudizio iniquo del governatore romano affinché Tu venga assolto. Comprendi quanto è grande il mio amore per Te?”

Quando il Signore accetta la croce sulle sue spalle, assume, in verità, il peso che porto io: “Non porto sulle mie spalle legna per attizzare il fuoco. Porto il mondo. Porto tutti i tuoi peccati. Come un animale da soma porto tutti gli uomini uno ad uno. Porto Te. Ogni peccato, ogni azione cattiva è un colpo ai miei fianchi; è una ferita che duole e che tuttavia mi spinge solo ad andare avanti. Il mio amore porta Te. Niente mi risulta troppo pesante dal momento che Ti amo. Ti prego di percorrere questa strada con me. Aiutami a portare il mondo. So che temi la croce e credi di rimanere schiacciato dal suo peso. Ma niente sarà per Te troppo difficile perché Ti amo”.

E se io accetto la croce nella mia vita – i piccoli dolori e forse anche le grandi sofferenze che sorpassano le mie forze – aiuto Gesù come il Cireneo collaborando con lui per la salvezza del mondo: “Trasporteresti la mia croce se non fossi stato costretto? Mi saresti mai così vicino se la brutale violenza non Ti avesse legato allo stesso giogo. Credimi, non voglio farti soffrire ma così alleggerisci il mio peso. Non te ne puoi liberare per quanto ti possa opporre con veemenza. Ti prego lascia che sia, ho bisogno del Tuo aiuto e bramo il tuo amore. Non vedi che non sei mai stato così vicino a me come adesso? So che è difficile. Se solo comprendessi che non sei vittima di un destino cieco ma sei il predestinato e l’amato. Abbi fede in me: se alla fine del cammino volgi indietro lo sguardo comprenderai tutto.”

Cristo mi ama. Per questo soffre per me – sì, se fossi l’unico uomo sulla terra, il Signore darebbe la sua vita per me. Dalla croce sussurra ancora parole d’amore: “Potrei liberarmi dalla mia croce e scendere giù. No, questi chiodi non mi possono tenere fermo – tu sì. È per te. Fino all’ultimo momento il mio sguardo si poserà su di Te e poiché ti vedo riesco a sopportare tutto questo. Se tutto questo dolore, queste ferite e sofferenze, tutta questa amarezza e onta sono il prezzo che devo pagare per Te – Tu ne vali assolutamente la pena. Per favore non ti staccare! Lascia che le mie ferite siano le tue così come le tue sono da tempo le mie.”

L’onnipotenza di Dio non può costringere la mia libertà umana ad amarlo, ma – nonostante ciò – fa di tutto per farmi sperimentare la sua bontà. Proprio sulla via dolorosa si incontra l’Amore e si trova il Signore, che soffre per le sue creature, chiedendo – quasi come un mendicante – il loro amore. Chi ci mostra un amore più grande? Andiamo con Gesù – passo dopo passo – e con ogni piccolo atto d’affetto sincero si cambi questo camino doloroso in una via amorosa che conduce alla vera felicità.

 

Le citazioni sono tratte dal libro

di F. Kolfhaus,

Via Dolorosa. Meditazioni sulla Via Crucis,

Cantagalli 2012

(ISBN 978-88-8272-814-4)

7 Euro.

Donazione Corrispondenza romana
  • L’“effetto Francesco”
    (di Fabio Cancelli) Si era agli inizi del Pontificato del Papa latino-americano e sociologi, psicologi e operatori pastorali vari si affaccendavano a spiegare, statistiche alla mano, quello che si impose come «effetto Francesco». Cioè, si tentava di dimostrare che non … Continua a leggere
  • Il ricatto dell’obbedienza
    (di Cristiana de Magistris) In tempi più felici di quelli in cui viviamo, si soleva dire che Roma locuta est, causa finita est, Roma ha parlato, dunque la causa è conclusa. Da un cinquantennio a questa parte, questo lemma, degno … Continua a leggere
  • Nulla poena sine culpa (il caso Manelli)
    (di Giovanni Turco) Un classico brocardo esprime uno dei principi elementari di giustizia: nessuna pena senza colpa. La pena presuppone la colpa. E quella è giusta solo se è proporzionata a questa. Si tratta di un criterio basilare della sapienza … Continua a leggere
  • La Milizia dell’Immacolata compie cent’anni
    (di Cristina Siccardi) Quando santa Bernadette Soubirous, il 25 marzo 1858, giorno della sedicesima apparizione, chiese alla Madonna il suo nome, così come le aveva richiesto il parroco di Lourdes, don Peyramale, Maria Santissima rispose in vernacolo occitano: «Quesoy era … Continua a leggere
  • Un Papa violento?
    (di Roberto de Mattei) Contro l’evidenza c’è poco da argomentare. La mano tesa di papa Bergoglio nei confronti della Fraternità San Pio X è la stessa che si abbatte in questi giorni sull’Ordine di Malta e sui Francescani dell’Immacolata. Un … Continua a leggere
  • Santi Francesco di Sales e Giovanni Bosco orate pro Ecclesia
    (di Cristina Siccardi) «Ricco di misericordia, Iddio non mancò mai alla sua Chiesa che milita in questo mondo (…). Mentre nel secolo XVI visitava con la verga del suo furore le genti cristiane, e permetteva che molte province dell’Europa fossero … Continua a leggere
  • Un vescovo modello: san Francesco di Sales
    (di Cristina Siccardi) Al grottesco funerale del novantenne monsignor Jaume Camprodon i Rovira, Vescovo di Girona (nei pressi di Barcellona) dal 1973 al 2001, non c’era il suo corpo nella bara e la cripta, predisposta nella cattedrale per accogliere le … Continua a leggere
  • Appello di tre Vescovi cattolici a Papa Francesco in difesa del matrimonio
    Il 18 gennaio, giorno della antica festa della Cattedra di san Pietro, Tomash Peta, Arcivescovo Metropolita dell’arcidiocesi di Maria Santissima in Astana; Jan Pawel Lenga, Arcivescovo-Vescovo emerito di Karaganda e Athanasius Schneider, Vescovo ausiliare dell’arcidiocesi di Maria Santissima in Astana … Continua a leggere
  • Dopo l’Amoris laetitia, confessori e pastori senza via d’uscita
    (di Cristina Siccardi) Nell’era in cui il Papa dice «chi sono io per giudicare?» è diventato difficile e talvolta impossibile, per parroci e sacerdoti coscienziosi, espletare il sacramento della confessione in serenità. Se Roma non trasmette l’abc del comportamento etico … Continua a leggere
  • Chi vuole sfasciare l’Ordine di Malta?
    (di Roberto de Mattei) «Molto tempo prima che le Nazioni civili fossero giunte a stabilire un diritto internazionale; molto prima che avessero potuto formare il sogno –  non ancora attuato – di una forza comune a tutela della sana libertà … Continua a leggere