La partita difficile delle regionali di maggio

310x0_1416741319453_rainews_2014112312103681(di Danilo Quinto) Sette regioni (Veneto, Liguria, Toscana, Marche, Umbria, Campania e Puglia) e 515 Comuni, andranno al voto tra qualche settimana. In un’unica tornata, così com’è stato stabilito dal Consiglio dei Ministri, con prima data utile il 31 maggio. «Una data demenziale – dice Matteo Salvini – nel bel mezzo di un ponte, scelta dalla sinistra che ha paura e vuol far votare meno gente possibile: ma li stupiremo».

È proprio quella della Lega la prima questione di quest’appuntamento elettorale. Si capirà la consistenza dell’“opa” che Salvini ha lanciato sul centrodestra e se avranno effetto sull’elettorato i suoi “no”: all’euro e a Bruxelles, all’immigrazione, alla politica economica e fiscale del Governo. È evidente che la Lega punta ad un risultato storico – preannunciato del resto dai sondaggi – e al Nord ambisce a diventare la seconda forza del Paese. Nonostante la defezione del Sindaco di Verona, che alle elezioni regionali si accorderà con il Nuovo Centro Destra e con la nascente formazione “Italia Unica” di Corrado Passera, la Lega non dovrebbe avere problemi nel confermare Luca Zaia.

Il vero obiettivo di Salvini, però, è quello d’insidiare il Partito Democratico nei suoi territori storici: la Liguria e la Toscana, in particolare. Se questo dovesse avvenire, Salvini ha già dichiarato che chiederebbe le dimissioni di Renzi. Un obiettivo difficile, ma non impossibile da ottenere, soprattutto se al voto andasse una quota consistente degli indecisi, che supera attualmente il 40%. Un dato enorme, che rende gli attuali sondaggi del tutto inaffidabili rispetto all’esito finale. Saranno certamente elezioni che sanciranno il tramonto della prospettiva di Grillo, che non ha saputo dare rappresentanza ad una larga fetta dell’elettorato, che esprimeva una posizione anti-politica, male interpretata e male gestita.

Ed è questa una variabile consistente: a chi andranno i voti che il Movimento 5 Stelle perderà? La Lega si candida di fatto ad essere anche il collettore di questi consensi. Le elezioni regionali rappresentano anche la cartina di tornasole per valutare lo stato dei consensi in cui versa attualmente Forza Italia. Paradossalmente, l’assoluzione del suo leader in Cassazione nel “processo Ruby”, non sembra abbia giovato da questo punto di vista. Tanto meno, le “bacchettate” ricevute sul piano morale prima dall’editoria cattolica (“Famiglia Cristiana” e Avvenire”) e poi dai Vescovi italiani (Galantino e Bagnasco), che proprio in coincidenza con l’indizione dell’“Anno della Misericordia” hanno inteso additare al pubblico ludibrio i comportamenti di Berlusconi, sancendo un’ingerenza nelle cose terrene della Chiesa italiana per molti versi impropria e inedita.

Anche la situazione interna a Forza Italia è molto confusa e contraddittoria. Mentre nel PD, la “fronda” interna a Renzi sbraita su ogni cosa, ma poi converge sugli obiettivi che contano come un “corpo solo” – l’elezione di Sergio Mattarella ne è stata una prova certa – in Forza Italia sono in molti a “rompere i cocci” senza pensare a come ricomporli. Da una parte, Denis Verdini – il vero “deus ex machina” del “Patto del Nazareno” – intenzionato a rinsaldare l’accordo con Renzi, che ha costituito il prodomo della presa del potere del leader del PD un anno fa.

Dall’altra, Raffaele Fitto, che mentre si accinge a perdere per la terza volta consecutiva la Regione Puglia, a favore dell’ex Sindaco di Bari, Michele Emiliano, maschera l’interesse a candidarsi all’eredità politica del suo leader. Questi – che come raccontano i giornali, sembra abbia ritirato le fideiussioni che garantivano la cospicua esposizione bancaria del Partito – non sembra avere in questo momento né le risorse finanziarie né soprattutto quelle umane e politiche per fronteggiare la crisi di un “giocattolo” che si sta dissolvendo davanti ai suoi occhi. (Danilo Quinto)

Donazione Corrispondenza romana
  • renzi La disfatta di un premier sedicente cattolico
    (di Mauro Faverzani) Le parole hanno un senso. E quelle del commiato di Renzi ne hanno uno chiarissimo: «Lasciamo la guida del Paese con un’Italia che ha finalmente una legge sulle unioni civili», ha detto. Spiegando anche come tale normativa, … Continua a leggere
  • Brexit Da Renzi alla Brexit: tra falso ordine e caos
    (di Emmanuele Barbieri) Nessuno dei sindaci eletti il 19 giugno nelle principali città italiane disapplicherà la famigerata legge Cirinnà che assicura veste legale allo pseudo-matrimonio omosessuale. Per i neo-sindaci, che condividano o no il provvedimento renziano, non esiste una legge … Continua a leggere
  • cartina-muta Le grandi manovre per “repubblicanizzare” l’Italia
    (di Cristina Siccardi)  Il 1° giugno di 70 anni fa, vigilia del referendum istituzionale, Pio XII si rivolse al Sacro Collegio e, attraverso la radio, agli elettori italiani e francesi (anche in Francia, infatti, si votava, per le elezioni politiche), … Continua a leggere
  • Eutanasia L’eutanasia in parlamento
    (di Tommaso Scandroglio) Tornano a soffiare venti di morte sul Parlamento. Infatti, incassate le Unioni civili, ora si dibatte di eutanasia nei palazzi del potere. Sono sette le proposte di legge sul tema – ed altre sono in fase di … Continua a leggere
  • alfano-renzi Il tradimento storico dei “cattolici”
    (di Roberto de Mattei) L’approvazione dello pseudo-matrimonio omosessuale, avvenuta al Senato il 25 febbraio 2016, con 173 sì, 71 no e 76 assenze è l’ultima tappa di un processo di dissoluzione della società italiana che parte dall’introduzione del divorzio (1970), … Continua a leggere
  • mezzogiorno Mezzogiorno tra retorica e immondizia
    (di Danilo Quinto) Roberto Saviano ha convocato per il 7 agosto la direzione del Partito Democratico, che avrà come tema il Mezzogiorno. Non sembri un paradosso. È bastato un editoriale dell’autore di Gomorra su Repubblica dell’altro giorno – «Caro premier … Continua a leggere
  • Principessa Maria Gabriella di Savoia Riportiamo in patria i Re d’Italia
    (di Cristina Siccardi) Dopo il recente attentato al Consolato italiano in Egitto, un accorato e composto appello è giunto dalla Principessa Maria Gabriella di Savoia, che ha inviato una lettera a Paolo Granzotto  de il Giornale, lettera che il 16 … Continua a leggere
  • Metropolitana C di Roma Metropolitana C di Roma: una grande opera inutile
    (di Danilo Quinto) Insieme al Ministro per le Infrastrutture, Graziano Del Rio, il Sindaco di Roma ha inaugurato il 29 giugno la seconda tratta della linea C della Metropolitana. «Sono molto orgoglioso di questo risultato», ha detto Ignazio Marino. «Se … Continua a leggere
  • Massimiliano Latorre e Salvatore Girone Una vergogna che deve trovare dei responsabili
    (di Danilo Quinto) Nei giorni scorsi, il Ministero degli Esteri ha annunciato di aver attivato l’arbitrato internazionale nel quadro della Convenzione delle Nazioni Unite sul Diritto del Mare sul caso dei due marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone. La decisione, … Continua a leggere
  • il-premier-matteo-renzi I sogni bruciati del grande Matteo
    (di Danilo Quinto) Gioventù bruciata, si potrebbe dire. Se si considerasse com’è iniziata l’avventura renziana – la rottamazione del vecchio, per un nuovo da tutto da costruire – e la si mettesse a confronto, a distanza di poco più di anno, … Continua a leggere