La filosofia della liberazione secondo “La Civiltà Cattolica”

La Civiltà Cattolica(di Fabrizio Cannone) Dopo aver citato le condanne che il Magistero pontificio emise nell’ultimo secolo di storia con la Pascendi, la Divini Redemptoris e l’Humani generis, rispettivamente contro il modernismo, il comunismo e l’evoluzionismo filosofico, Giovanni Paolo II ricorda che «da ultimo, anche la Congregazione per la Dottrina della Fede (…) ha dovuto intervenire per ribadire il pericolo che comporta l’assunzione acritica (…) di tesi e metodologie derivanti dal marxismo» (Fides et ratio, 54). L’enciclica faceva riferimento all’Istruzione Libertatis nuntius  su alcuni aspetti della “teologia della liberazione” (1984).

Come se tutto questo non fosse né noto né assodato, la rivista gesuita “La Civiltà Cattolica”, un tempo espressione della più pura teologia romana, propone ai lettori un saggio di apertura in cui il teologo e filosofo della liberazione gesuita Juan Carlos Scannone, ripete i clichés tipici di quell’erroneo indirizzo filosofico-teologico-politico (cfr. La filosofia della liberazione, in “La Civiltà Cattolica”, quaderno 3920, pp. 105-120). Nel suo articolo padre Scannone si propone di esporre la veridicità, le caratteristiche, la storia e infine «la validità attuale» della filosofia della liberazione. Per il gesuita la filosofia della liberazione argentina è una «filosofia della prassi» che si situa nell’orizzonte dell’«attuale superamento della metafisica della sostanza e del soggetto» (p.113) e si caratterizza per la sua «opzione etico-storica e teorica per le vittime dell’ingiustizia e della violenza.»

Non c’è molto da dire per dimostrare l’assurdità del proposito di padre Scannone che è evidentemente, magari servendosi impropriamente delle aperture di Papa Francesco, quello di rimettere in circolazione una visione, di stampo materialistico, che pretendeva di fare teologia “dal basso”, a partire non dalla volontà di Dio, ma dalle necessità (presunte…) del popolo e dei miseri.

La filosofia, che dovrebbe essere per un cattolico la ancilla theologiae, e coincidere con un profondo desiderio di saggezza, viene piegata a valenze di tipo sociale-populistico. Secondo Scannone, «la filosofia della liberazione (FL) è nata in Argentina nel 1971, a partire dalla presa di coscienza di un gruppo di filosofi sull’ingiustizia strutturale che opprime la maggior parte della popolazione nell’America Latina» (p. 105). Inoltre, «la prassi del liberazione è l’atto primo (Gustavo Gutierrez), punto di partenza e luogo ermeneutico di una riflessione umana radicale, come è quella filosofica, che usa come mediazione analitica intrinseca i contributi delle scienze dell’uomo, della società e della cultura» (pp. 107-108).

In pratica si tratta di fare filosofia rigettando la patristica, la scolastica e le varie indicazioni del Magistero, importantissime in realtà nell’ambito filosofico e metafisico, e di sostituirvi le fallibilissime e sempre approssimative “scienze dell’uomo”, come la psicologia (o magari la psicanalisi!), la sociologia (a tinta marxista) e l’economia politica (antiliberista a parole, in realtà mondialista, anti-nazionale e filo-globalizzazione).

C’è molto da aggiungere? Perfino uno dei fondatori della teologia della liberazione, Clodovis Boff è arrivato a capire che essa era erronea in radice, perché come scrisse anni fa in un articolo di resipiscenza sulla “Rivista Ecclesiastica Brasileira”, se da Cristo si arriva sempre al (bene del) povero, partendo del povero non è detto che si arrivi a Cristo, e dunque trattasi di una teologia (e di una filosofia) in cui Dio resta facoltativo.

L’articolo di padre Scannone è un lungo delirio in stile latino-americano anni ‘70: dall’ assunzione «del metodo anadialettico» (p. 119), fino alla «incessante apertura alle continue novità e alterità delle situazioni e delle risposte storiche dei popoli» (p. 119).

Il Magistero della Chiesa però ha risposto preventivamente a queste  affermazioni filosofiche, insegnando con chiarezza: «Verità e libertà, infatti, o si coniugano insieme o insieme miseramente periscono» (Fides et ratio, 90) e: «La Verità, che è Cristo, si impone come autorità universale che regge, stimola e fa crescere (cfr Ef 4,15) sia la teologia che la filosofia» (Fides et ratio, 92). Nella filosofia (e nella teologia) della liberazione c’è proprio questo rifiuto della Verità, che è Cristo. (Fabrizio Cannone)

Donazione Corrispondenza romana
  • Quando la correzione pubblica è urgente e necessaria
    (di Roberto de Mattei) Si può correggere pubblicamente un Papa per il suo comportamento riprovevole? Oppure l’atteggiamento di un fedele deve essere quello di un’obbedienza incondizionata, fino al punto di giustificare qualsiasi parola o gesto del Pontefice, anche se apertamente … Continua a leggere
  • Il barone Yves Marsaudon: un massone nell’Ordine di Malta
    (di P. Paolo M. Siano FI) In data 2 febbraio 2017 il giornalista Riccardo Cascioli riassume così, con parole sue, il contenuto di una lettera di Papa Francesco inviata il 1° dicembre scorso al Card. Raymond Burke, Patrono del Sovrano … Continua a leggere
  • L’“effetto Francesco”
    (di Fabio Cancelli) Si era agli inizi del Pontificato del Papa latino-americano e sociologi, psicologi e operatori pastorali vari si affaccendavano a spiegare, statistiche alla mano, quello che si impose come «effetto Francesco». Cioè, si tentava di dimostrare che non … Continua a leggere
  • Il ricatto dell’obbedienza
    (di Cristiana de Magistris) In tempi più felici di quelli in cui viviamo, si soleva dire che Roma locuta est, causa finita est, Roma ha parlato, dunque la causa è conclusa. Da un cinquantennio a questa parte, questo lemma, degno … Continua a leggere
  • Nulla poena sine culpa (il caso Manelli)
    (di Giovanni Turco) Un classico brocardo esprime uno dei principi elementari di giustizia: nessuna pena senza colpa. La pena presuppone la colpa. E quella è giusta solo se è proporzionata a questa. Si tratta di un criterio basilare della sapienza … Continua a leggere
  • La Milizia dell’Immacolata compie cent’anni
    (di Cristina Siccardi) Quando santa Bernadette Soubirous, il 25 marzo 1858, giorno della sedicesima apparizione, chiese alla Madonna il suo nome, così come le aveva richiesto il parroco di Lourdes, don Peyramale, Maria Santissima rispose in vernacolo occitano: «Quesoy era … Continua a leggere
  • Un Papa violento?
    (di Roberto de Mattei) Contro l’evidenza c’è poco da argomentare. La mano tesa di papa Bergoglio nei confronti della Fraternità San Pio X è la stessa che si abbatte in questi giorni sull’Ordine di Malta e sui Francescani dell’Immacolata. Un … Continua a leggere
  • Santi Francesco di Sales e Giovanni Bosco orate pro Ecclesia
    (di Cristina Siccardi) «Ricco di misericordia, Iddio non mancò mai alla sua Chiesa che milita in questo mondo (…). Mentre nel secolo XVI visitava con la verga del suo furore le genti cristiane, e permetteva che molte province dell’Europa fossero … Continua a leggere
  • Un vescovo modello: san Francesco di Sales
    (di Cristina Siccardi) Al grottesco funerale del novantenne monsignor Jaume Camprodon i Rovira, Vescovo di Girona (nei pressi di Barcellona) dal 1973 al 2001, non c’era il suo corpo nella bara e la cripta, predisposta nella cattedrale per accogliere le … Continua a leggere
  • Appello di tre Vescovi cattolici a Papa Francesco in difesa del matrimonio
    Il 18 gennaio, giorno della antica festa della Cattedra di san Pietro, Tomash Peta, Arcivescovo Metropolita dell’arcidiocesi di Maria Santissima in Astana; Jan Pawel Lenga, Arcivescovo-Vescovo emerito di Karaganda e Athanasius Schneider, Vescovo ausiliare dell’arcidiocesi di Maria Santissima in Astana … Continua a leggere