La famiglia è sacra, e la donna ne è il fulcro

Perché si dà per scontato che le donne debbano guadagnare di meno degli uomini(di Cristina Siccardi) «Perché si dà per scontato che le donne debbano guadagnare di meno degli uomini?», se lo è chiesto Papa Francesco nella catechesi all’Udienza Generale del 30 aprile u.s., nella quale ha affermato che «la disparità tra i sessi è un puro scandalo».

Le “ingiustizie” del maschilismo e i valori della famiglia sono stati al centro dell’omelia del Pontefice. Ventimila fedeli radunati in piazza San Pietro hanno sentito che «la disparità di retribuzione tra uomo e donna» è uno scandalo. «Serve uguale retribuzione per uguale lavoro». Papa Bergoglio ha ancora domandato: «Perché si dà per scontato che le donne devono essere pagate di meno?» «Il cristianesimo non può essere maschilista»; ma non può essere nemmeno femminista, perché il Cristianesimo è per antonomasia non contrapposizione, ma unione e completamento fra gli opposti, così opera il cosmo, tale è il Creato nella sua bellezza e nella sua armonia. Quando l’armonia è spezzata l’esistenza diventa greve, violenta e inquieta. L’ideologia femminista, come altre ideologie politiche e mondane, è entrata nella Chiesa in una forma, filosoficamente e teologicamente, allarmante.

Papa Francesco ha poi denunciato i danni che compie il pensiero maschilista nella società occidentale, pensiero che ritiene l’emancipazione femminile causa della diminuzione dei matrimoni. «Questa», ha scandito il Pontefice, «è anche un’ingiuria, ed è una forma di maschilismo: l’uomo che sempre vuol dominare». «Così facciamo la brutta figura di Adamo, che per giustificarsi di aver mangiato la mela ha risposto al Signore: “Lei me l’ha data”». Allora «Dobbiamo difendere le donne!». Quante verità esistono in queste affermazioni, attinte da una sociologia metropolitana? È chiaro che oggi le riflessioni ecclesiastiche si concentrano maggiormente sui luoghi comuni dettati dal pensiero dominante, conformato e omologato. Ma che cosa è veramente la donna? È ciò che hanno detto le suffragette e le loro eredi, oppure ciò che ha detto e stabilito Dio?

Il Dottore della Chiesa santa Ildegarda di Bingen (1098-1179), alla quale furono concessi doni, meriti, privilegi straordinari, fino ad essere resa degna di divenire portavoce di Dio, afferma che la bellezza umana si manifesta particolarmente nella donna, formata dalle ossa di Adamo e non «con polvere del suolo» (Gn 2, 7), come aveva fatto il Signore con Adamo stesso. Ildegarda pone la figura femminile in alto, la eleva e la nobilita (proprio come farà Dante, che nascerà 86 anni dopo la morte di Ildegarda), dichiarando che è la creatura fra tutte più compiuta, più delicata, più capace istintivamente di assurgere alla dimensione celeste (da qui la dote dell’intuizione femminile, che non necessita di molti passaggi logici per giungere al dunque).

Ildegarda ben comprese il ruolo della figura femminile nella storia e nel creato: la donna è raffinatezza, eleganza, edificazione del prossimo, aspirazione alle altezze, vicinanza alle realtà celesti, carità operante ed è, intrinsecamente, madre, sempre: sia con la maternità carnale (con la vocazione matrimoniale), sia con la maternità spirituale (con la vocazione religiosa) e proprio nella maternità risiede la sua piena realizzazione.

Chi veramente vuole difendere le donne – e il Cristianesimo è l’unica religione al mondo a nobilitare la donna (a partire dal Vangelo) – lo potrebbe fare ridando alle donne ciò che è loro congeniale, ciò che realmente a loro appartiene per volontà di Nostro Signore, che è perfetta Giustizia e se la Sua Giustizia viene applicata è perfetta Letizia per tutti, compresi quelli che si affidano all’assurda ideologia del gender. «Allora il Signore Dio fece scendere un torpore sull’uomo, che si addormentò; gli tolse una delle costole e rinchiuse la carne al suo posto. Il Signore Dio plasmò con la costola, che aveva tolta all’uomo, una donna e la condusse all’uomo» (Gn 2, 21-22); in questi termini santa Ildegarda spiegò il brano veterotestamentario: le costole sono in prossimità del cuore, centro vitale dell’esistenza umana, e la donna proprio da lì venne tratta.

La Sibilla del Reno lascia scritto che fin dalla sua origine la donna ha, nella creazione, un ruolo aureo, naturalmente trascendente (ovvero che ha maggiore capacità a distaccarsi dalla materia; non a caso, percentualmente parlando, le mistiche della storia della Chiesa sono in numero superiore ai mistici). Proprio per tale ragione Satana insidiò prima Eva che Adamo. Si alzò, quindi, un’aria malefica, che ricoprì tutta la terra e tutto danneggiò. Ma sarà proprio la Donna, «La Donna gentil», come Dante definisce la Madonna, ad annientare il potere di Lucifero e san Giovanni, nell’Apocalisse, ne descrive il traumatico e salvifico processo, dominato dalla Madre di Dio. Dio, infatti, volle per Sé il candido grembo di una Madre, Madre che, nella Sua magnanimità, donò anche, spiritualmente, all’umanità. A nessun uomo sono state assegnate le dignità concesse da Dio alla Prescelta e a lei l’onore di essere incoronata Regina del Cielo e di essere «il Paradiso di Dio» come la definisce san Louis-Marie Grignion de Montfort.

Durante l’Udienza Generale il Papa, parlando della crisi del sacramento del matrimonio, ha dichiarato che le vittime di separazioni e divorzi sono soprattutto i figli, perciò ha invitato ad interrogarsi sul perché i giovani abbiano paura dei legami stabili e subiscano la «cultura del provvisorio». La risposta non è complessa: se le donne scimmiottassero meno gli uomini, riscoprendo ed esaltando le loro qualità, questa nostra civiltà, ormai scardinata e fuori di senno), avrebbe maggiori benefici in equilibrio personale, in ricadute familiari, sociali e religiose (nessuno può negare che la madre cattolica, nella prima infanzia, è la prima catechista). Se le donne cristiane cercassero maggiormente il pudore, la dolcezza, la soavità, la sobrietà, che non inficiano la personalità femminile, ma la esaltano, il mondo sarebbe migliore e anche gli uomini resterebbero più allettati nel cercare la stabilità del matrimonio. Nel matrimonio, come spiega san Paolo, l’uomo è il capo della famiglia, mentre la donna, per sua propria ontologia, ne è il cuore, il perno. Tutto il resto, quando c’è, è contorno.

Se, difatti, in una famiglia la sposa e la madre rimane al suo posto, quella famiglia, benché il padre sia scapestrato e irresponsabile, rimane ugualmente in piedi. La forza fisica degli uomini è direttamente proporzionale alla forza spirituale delle donne: a lei, non a caso, l’incombenza di partorire, di nutrire, di prendersi cura, dentro le mura domestiche, dei suoi cari, dalla nascita alla morte. Se poi tutto ciò, nella modernità, non viene più considerato, non per questo viene cancellata la vera identità femminile.

Che cos’è il focolare domestico se non quel rifugio dove ognuno trova nella madre acqua che spegne tensioni e passioni, ma anche consolazione, protezione, calore, accoglienza, cura alle piaghe fisiche e morali? Quando la donna rinnega questi suoi uffici naturali, esce da ciò che è per essenza e va in cerca di amore come un vagabondo senza meta, in balia di questa società malata di oscenità. La donna è elargitrice di vita per disegno divino. È lei a mettere alla luce le creature ed è lei ad abortire.

È lei, in definitiva, a volere la vita o a negarla, perché, quando un figlio è concepito, nessuno può obbligarla ad ucciderlo. E non esistono eguali sulla terra, per peso ed intensità, paragonabili alla potenza d’amore come quella materna, potenza d’amore che la Madonna rappresenta nel modo più perfetto. La Marcia per la vita del 10 maggio possa essere un provvidenziale evento per focalizzare l’attenzione sul fatto che la vita è sacra e, conseguentemente, la famiglia è sacra; dove Adamo ed Eva siano considerati per quello che furono realmente nel piano della Salvezza e non per quello che potrebbero servire per una politica che ammicca alle femministe, acerrime nemiche dello splendore, della bellezza e dell’utilità di essere donne. (Cristina Siccardi)

Donazione Corrispondenza romana
  • Papa Francesco quattro anni dopo
    (di Roberto de Mattei) Il quarto anniversario della elezione di Papa Francesco vede la Chiesa cattolica lacerata da profonde divisioni. «È una pagina inedita nella storia della Chiesa – mi dice con tono preoccupato un alto prelato vaticano – e … Continua a leggere
  • Si può parlare di “Bergoglismo”?
     (di Nicodemo Grabber) La preoccupazione e lo spaesamento di molti buoni cattolici per quanto avviene oggi nella Chiesa sono come il segnale d’allarme, espresso da quel sensus fidei che ogni battezzato riceve dallo Spirito Santo. Tutti i fedeli avvertono che … Continua a leggere
  • Francescheide di Lorenzo Stecchetti junior
    (di Emmanuele Barbieri) Tra le conseguenze più gravi di questo pontificato c’è la mancanza di rispetto che circonda sempre di più la Cattedra di Pietro, verso la quale ogni cattolico non può che provare profonda venerazione. Ma non bisogna confondere … Continua a leggere
  • Quando la correzione pubblica è urgente e necessaria
    (di Roberto de Mattei) Si può correggere pubblicamente un Papa per il suo comportamento riprovevole? Oppure l’atteggiamento di un fedele deve essere quello di un’obbedienza incondizionata, fino al punto di giustificare qualsiasi parola o gesto del Pontefice, anche se apertamente … Continua a leggere
  • L’“effetto Francesco”
    (di Fabio Cancelli) Si era agli inizi del Pontificato del Papa latino-americano e sociologi, psicologi e operatori pastorali vari si affaccendavano a spiegare, statistiche alla mano, quello che si impose come «effetto Francesco». Cioè, si tentava di dimostrare che non … Continua a leggere
  • Il ricatto dell’obbedienza
    (di Cristiana de Magistris) In tempi più felici di quelli in cui viviamo, si soleva dire che Roma locuta est, causa finita est, Roma ha parlato, dunque la causa è conclusa. Da un cinquantennio a questa parte, questo lemma, degno … Continua a leggere
  • Antonio Socci e la “giusta battaglia”
    (di Roberto de Mattei) Un recente post di Antonio Socci ha suscitato interrogativi e polemiche fra i suoi lettori. Riporto i passi centrali del suo testo: “Sono rimasto sinceramente colpito e amareggiato dalla durezza delle polemiche che negli ultimi giorni … Continua a leggere
  • Un Papa violento?
    (di Roberto de Mattei) Contro l’evidenza c’è poco da argomentare. La mano tesa di papa Bergoglio nei confronti della Fraternità San Pio X è la stessa che si abbatte in questi giorni sull’Ordine di Malta e sui Francescani dell’Immacolata. Un … Continua a leggere
  • Il Papa e l’Ordine di Malta: una vittoria di Pirro?
    (di Roberto de Mattei) Le dimissioni del Gran Maestro dell’Ordine di Malta Matthew Festing, imposte il 23 gennaio da Francesco, rischiano di essere per quest’ultimo una vittoria di Pirro. Papa Bergoglio ha infatti ottenuto ciò che voleva, ma ha dovuto … Continua a leggere
  • La mancata risposta di papa Francesco al problema del dolore
    (di Cristina Siccardi) Papa Francesco è cosciente del dolore che provoca quando offre risposte laiche che inaridiscono religiosamente le anime? Più volte è accaduto in questi tre anni di suo governo della Chiesa. I suoi discorsi a braccio, le sue … Continua a leggere