La diocesi di Vercelli invita l’Arcigay “Rainbow” presso il Seminario Arcivescovile

10655353_10204967089367128_4088036500082011284_o(di Lupo Glori) Si è da pochi giorni conclusa a Vercelli la VII edizione della cosiddetta “Festa dei Popoli”, tenutasi dal 29 settembre al 10 ottobre 2015 presso il Seminario Arcivescovile della diocesi retta dall’arcivescovo Marco Arnolfo, nominato da Papa Francesco il 27 febbraio 2014.

La cosa non farebbe notizia se non fosse che la Diocesi di Vercelli ha ritenuto opportuno invitare alla manifestazione, per il secondo anno consecutivo, l’associazione omosessuale territoriale Arcigay “Rainbow”. Sul suo sito internet, l’organizzazione LGBT di Valsesia Vercelli ha ringraziato infatti per l’invito, scrivendo: «Con molto piacere vi informiamo che anche questanno Arcigay Rainbow è stata invitata e a sua volta estende a tutti, in particolare a tutte le vercellesi e i vercellesi, linvito a partecipare alla VII edizione della FESTA DEI POPOLI Sabato 10 ottobre 2015, dalle ore 15:00, allinterno del Seminario Arcivescovile, Piazza SantEusebio, 10 a Vercelli».

L’Arcigay di Vercelli ha spiegato l’importanza di partecipare a questo tipo di iniziative per favorire l’accettazione e normalizzazione del comportamento omosessuale, annunciando la sua presenza all’evento con un ricco stand: «Riteniamo molto importante partecipare a un evento in cui persone di culture e religioni diverse si incontrano in amicizia per parlarsi, conoscersi, condividere esperienze e aspirazioni: quale occasione migliore per promuovere con la nostra presenza la conoscenza, il rispetto e linclusione delle persone LGBT? Sabato 10 a partire dalle 15:00 troverete in Piazza SantEusebio anche lo stand con le nostre volontarie e volontari, i gadgets dellAssociazione e della campagna nazionale Arcigay contro lomofobia, materiale informativo e di prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili».

Che cosa è stata la “Festa dei popoli” lo ha illustrato la Diocesi di Vercelli presentando l’evento sul proprio sito web attraverso una serie di iniziative «volte a riflettere, confrontarsi e sensibilizzare intorno alle grandi tematiche dellintercultura e del cibo». Come si è stato possibile leggere nel comunicato, lo spirito dell’iniziativa è stato rigorosamente “inclusivo”, ossia volto a: «raggiungere ogni fascia di popolazione. () Protagonisti vorremmo fossero ancora una volta i nostri fratelli provenienti da luoghi geografici e/o culturali lontani, nella convinzione che ogni incontro con laltro è prima di tutto arricchimento e crescita nella fiducia».

Martedì 29 settembre si è svolta la prima importante «occasione di amicizia» con «lormai classica, Passi di pace, la camminata tra le vie della città promossa dallassociazione Amici della via Francigena e dalla Commissione pastorale per lecumenismo e il dialogo interreligioso» che ha avuto il suo momento clou all’arrivo in piazza Cavour dove si è tenuto il “grande Aperipopolo”, un enorme aperitivo di piazza attesissimo da tutti i giovani. Il giorno successivo, mercoledì 30 Settembre, si è invece tenuta una giornata di studi con incontri che si sono svolti nella Cripta di sant’Andrea e nelle sale del Seminario arcivescovile. Il programma ha visto l’intervento di alcuni esperti intorno alle «dinamiche di produzione e distribuzione alimentare, in particolare nellottica della lotta allo spreco e dellequità nella distribuzione del cibo».

Lunedì 5 ottobre, alle ore 19 ci si è ritrovati di nuovo al Seminario Arcivescovile, per l’appuntamento ecumenico “A tavola con le religioni” dove «rappresentanti delle religioni cristiana, ebraica, musulmana e induista – hanno fatto conoscere – i significati e i gusti fondamentali del cibo nelle loro tradizioni». Dopo il secondo “Aperipopolo” di piazza, e una serie di altre iniziative analoghe, sabato 10 ottobre, si è avuto il gran finale con tutti i protagonisti che si sono radunati «insieme negli spazi del Seminario di Vercelli per la grande festa conclusiva, ricca, oltre che dei consueti stand allestiti da gruppi e Associazioni di Volontariato, di proposte interattive per tutti, dai più piccoli, con laboratori su cibo e mondialità, ai più grandi, con approfondimenti ed esperti».

La “Festa dei Popoli” promossa dalla Diocesi di Vercelli, con il suo surreale programma, con tanto di invito esteso alle “realtà LGBT” del territorio, rappresenta emblematicamente il vuoto pneumatico di oggi, ahinoi, esistente all’interno di una gran parte della stessa chiesa cattolica. Una profonda crisi di senso e di valori che pur di andare incontro al mondo, in nome di una malintesa misericordia, ignora e calpesta la propria dottrina di sempre, votandosi al suo suicidio. (Lupo Glori)

Donazione Corrispondenza romana
  • Quando la correzione pubblica è urgente e necessaria
    (di Roberto de Mattei) Si può correggere pubblicamente un Papa per il suo comportamento riprovevole? Oppure l’atteggiamento di un fedele deve essere quello di un’obbedienza incondizionata, fino al punto di giustificare qualsiasi parola o gesto del Pontefice, anche se apertamente … Continua a leggere
  • Il barone Yves Marsaudon: un massone nell’Ordine di Malta
    (di P. Paolo M. Siano FI) In data 2 febbraio 2017 il giornalista Riccardo Cascioli riassume così, con parole sue, il contenuto di una lettera di Papa Francesco inviata il 1° dicembre scorso al Card. Raymond Burke, Patrono del Sovrano … Continua a leggere
  • L’“effetto Francesco”
    (di Fabio Cancelli) Si era agli inizi del Pontificato del Papa latino-americano e sociologi, psicologi e operatori pastorali vari si affaccendavano a spiegare, statistiche alla mano, quello che si impose come «effetto Francesco». Cioè, si tentava di dimostrare che non … Continua a leggere
  • Il ricatto dell’obbedienza
    (di Cristiana de Magistris) In tempi più felici di quelli in cui viviamo, si soleva dire che Roma locuta est, causa finita est, Roma ha parlato, dunque la causa è conclusa. Da un cinquantennio a questa parte, questo lemma, degno … Continua a leggere
  • Nulla poena sine culpa (il caso Manelli)
    (di Giovanni Turco) Un classico brocardo esprime uno dei principi elementari di giustizia: nessuna pena senza colpa. La pena presuppone la colpa. E quella è giusta solo se è proporzionata a questa. Si tratta di un criterio basilare della sapienza … Continua a leggere
  • La Milizia dell’Immacolata compie cent’anni
    (di Cristina Siccardi) Quando santa Bernadette Soubirous, il 25 marzo 1858, giorno della sedicesima apparizione, chiese alla Madonna il suo nome, così come le aveva richiesto il parroco di Lourdes, don Peyramale, Maria Santissima rispose in vernacolo occitano: «Quesoy era … Continua a leggere
  • Un Papa violento?
    (di Roberto de Mattei) Contro l’evidenza c’è poco da argomentare. La mano tesa di papa Bergoglio nei confronti della Fraternità San Pio X è la stessa che si abbatte in questi giorni sull’Ordine di Malta e sui Francescani dell’Immacolata. Un … Continua a leggere
  • Santi Francesco di Sales e Giovanni Bosco orate pro Ecclesia
    (di Cristina Siccardi) «Ricco di misericordia, Iddio non mancò mai alla sua Chiesa che milita in questo mondo (…). Mentre nel secolo XVI visitava con la verga del suo furore le genti cristiane, e permetteva che molte province dell’Europa fossero … Continua a leggere
  • Un vescovo modello: san Francesco di Sales
    (di Cristina Siccardi) Al grottesco funerale del novantenne monsignor Jaume Camprodon i Rovira, Vescovo di Girona (nei pressi di Barcellona) dal 1973 al 2001, non c’era il suo corpo nella bara e la cripta, predisposta nella cattedrale per accogliere le … Continua a leggere
  • Appello di tre Vescovi cattolici a Papa Francesco in difesa del matrimonio
    Il 18 gennaio, giorno della antica festa della Cattedra di san Pietro, Tomash Peta, Arcivescovo Metropolita dell’arcidiocesi di Maria Santissima in Astana; Jan Pawel Lenga, Arcivescovo-Vescovo emerito di Karaganda e Athanasius Schneider, Vescovo ausiliare dell’arcidiocesi di Maria Santissima in Astana … Continua a leggere