La crisi della famiglia e il caso dei Francescani dell’Immacolata

La crisi della famiglia e il caso dei Francescani dell’Immacolata(di Danilo Quinto) “La crisi della famiglia e il caso dei Francescani dell’Immacolata”. È il titolo del convegno che si è svolto nei giorni scorsi a Roma, presso la Sala Alessandrina del Complesso di Santo Spirito in Sassia.

L’iniziativa è stata promossa dal “Comitato dell’Immacolata”, che si è costituito nei mesi scorsi, presentata da Claudio Circelli, che nell’intervento introduttivo ha evidenziato come il titolo del convegno non debba meravigliare: «perché – ha detto – sia la famiglia umana, sia la famiglia religiosa, sono oggetto di un attacco che si sostanzia nel tentativo di sgretolare i fondamenti costitutivi del loro esistere».

Ha aggiunto: «Da un lato assistiamo sempre più alla giustificazione di ogni dissoluzione del matrimonio in nome dell’amore, divenuto solo un pretesto per dare libero sfogo agli istinti; dall’altro, nella vita consacrata, in nome dello stesso amore debole, corrispondente spesso ad un’ “obbedienza liquida”, si giustifica ogni cambiamento, anche il rifiuto del proprio carisma, per accomodarsi al tempo. Progresso è la parola d’ordine, che tanto nell’uno che nell’altro caso genera una nuova famiglia, senza più un’origine e perciò senza più un senso».

Corrado Gnerre, nel finale del suo intervento intitolato «Le radici filosofiche dell’attacco alla famiglia e le loro conseguenze sulla vita religiosa», ha richiamato l’evento di Fatima, avvenuta il 13 ottobre 1917, dando questa spiegazione dell’apparizione in Cielo della Santa Famiglia: «Perché – ha affermato – sarebbero venuti tempi in cui la famiglia sarebbe stata fortemente minacciata e perché molte anime si sarebbero dannate a causa della crisi della famiglia».

Si è infine chiesto: «Quante anime si trovano oggi a non poter raggiungere la salvezza a causa del disfacimento della vita religiosa, dell’oblio di quel ‘prefigurare il Cielo’ che le anime di speciale consacrazione sono chiamate a testimoniare?». L’aspetto storico dell’attacco alla famiglia è stato affrontato da Carlo Manetti, che ha sottolineato i “colpi” che la modernità ha inferto all’etica naturale cristiana. «Vedere che esiste un Ordine – ha detto – dove si vive di povertà e preghiera, dove la penitenza e la Croce sono, unite alla preghiera, gli strumenti di santificazione; vedere che in quest’Ordine si approfondisce, anche dottrinalmente e culturalmente, la spiritualità francescana e, più in generale, l’intero Cattolicesimo; vedere come in quest’Ordine le vocazioni crescano; vedere tutto ciò è scandalo agli occhi di coloro che hanno deciso di assecondare il mondo e la sua deriva».

Ha fatto seguito l’intervento di Guido Vignelli, che nel suo intervento, intitolato “La famiglia, piccolo Stato e Chiesa domestica”, ha contrapposto l’era del piacere – annunciata negli anni ’70 da Pasolini – all’era della pietà, che potrà essere favorita da una «riscossa religiosa che affretti il giorno in cui le famiglie, gli ambienti sociali e le nazioni, ammetteranno gli errori presenti e, ricordandosi dei benefici perduti, avranno il coraggio di riconvertirsi a Cristo Re e a quella Chiesa che ha reso grande l’Italia e l’Europa intera».

Con grande precisione, nel suo intervento – intitolato La verità della famiglia incatenata nelle parole contraffatte – Elisabetta Frezza ha richiamato la legge naturale «che si concreta nel logos cristiano» ed ha sottolineato che «il Sinodo rischia di assestare il colpo mortale sulla famiglia come disegnata nel piano della Creazione divina». La conclusione del convegno, affidata a Claudio Circelli – che ha richiamato «l’antica lotta tra la famiglia e il suo nemico» – è stata preceduta dall’intervento di Piero Mainardi, intitolato Il debole paradigma cattolico di oggi, nel corso del quale ha evidenziato l’ “itinerario” posti conciliare al servizio dei desideri mondani. (Danilo Quinto)

 

Donazione Corrispondenza romana
  • Quando la correzione pubblica è urgente e necessaria
    (di Roberto de Mattei) Si può correggere pubblicamente un Papa per il suo comportamento riprovevole? Oppure l’atteggiamento di un fedele deve essere quello di un’obbedienza incondizionata, fino al punto di giustificare qualsiasi parola o gesto del Pontefice, anche se apertamente … Continua a leggere
  • Il barone Yves Marsaudon: un massone nell’Ordine di Malta
    (di P. Paolo M. Siano FI) In data 2 febbraio 2017 il giornalista Riccardo Cascioli riassume così, con parole sue, il contenuto di una lettera di Papa Francesco inviata il 1° dicembre scorso al Card. Raymond Burke, Patrono del Sovrano … Continua a leggere
  • L’“effetto Francesco”
    (di Fabio Cancelli) Si era agli inizi del Pontificato del Papa latino-americano e sociologi, psicologi e operatori pastorali vari si affaccendavano a spiegare, statistiche alla mano, quello che si impose come «effetto Francesco». Cioè, si tentava di dimostrare che non … Continua a leggere
  • Il ricatto dell’obbedienza
    (di Cristiana de Magistris) In tempi più felici di quelli in cui viviamo, si soleva dire che Roma locuta est, causa finita est, Roma ha parlato, dunque la causa è conclusa. Da un cinquantennio a questa parte, questo lemma, degno … Continua a leggere
  • Nulla poena sine culpa (il caso Manelli)
    (di Giovanni Turco) Un classico brocardo esprime uno dei principi elementari di giustizia: nessuna pena senza colpa. La pena presuppone la colpa. E quella è giusta solo se è proporzionata a questa. Si tratta di un criterio basilare della sapienza … Continua a leggere
  • La Milizia dell’Immacolata compie cent’anni
    (di Cristina Siccardi) Quando santa Bernadette Soubirous, il 25 marzo 1858, giorno della sedicesima apparizione, chiese alla Madonna il suo nome, così come le aveva richiesto il parroco di Lourdes, don Peyramale, Maria Santissima rispose in vernacolo occitano: «Quesoy era … Continua a leggere
  • Un Papa violento?
    (di Roberto de Mattei) Contro l’evidenza c’è poco da argomentare. La mano tesa di papa Bergoglio nei confronti della Fraternità San Pio X è la stessa che si abbatte in questi giorni sull’Ordine di Malta e sui Francescani dell’Immacolata. Un … Continua a leggere
  • Santi Francesco di Sales e Giovanni Bosco orate pro Ecclesia
    (di Cristina Siccardi) «Ricco di misericordia, Iddio non mancò mai alla sua Chiesa che milita in questo mondo (…). Mentre nel secolo XVI visitava con la verga del suo furore le genti cristiane, e permetteva che molte province dell’Europa fossero … Continua a leggere
  • Un vescovo modello: san Francesco di Sales
    (di Cristina Siccardi) Al grottesco funerale del novantenne monsignor Jaume Camprodon i Rovira, Vescovo di Girona (nei pressi di Barcellona) dal 1973 al 2001, non c’era il suo corpo nella bara e la cripta, predisposta nella cattedrale per accogliere le … Continua a leggere
  • Appello di tre Vescovi cattolici a Papa Francesco in difesa del matrimonio
    Il 18 gennaio, giorno della antica festa della Cattedra di san Pietro, Tomash Peta, Arcivescovo Metropolita dell’arcidiocesi di Maria Santissima in Astana; Jan Pawel Lenga, Arcivescovo-Vescovo emerito di Karaganda e Athanasius Schneider, Vescovo ausiliare dell’arcidiocesi di Maria Santissima in Astana … Continua a leggere