In Braccio a Gesù di Paolo Risso

In braccio a Gesù(di Federico Catani) «Lasciate che i bambini vengano a me, non glielo impedite: a chi è come loro infatti appartiene  il regno di Dio» (Mc. 10,14). Queste parole di Nostro Signore ben sintetizzano il contenuto di In braccio a Gesù. Profili di ragazzi esemplari, scritto dal prof. Paolo Risso (Casa Mariana Editrice 2012, seconda edizione rivista e ampliata). Il libro è una raccolta di oltre venti piccole biografie di ragazzi canonizzati o avviati all’onore degli altari, che mostrano come la santità sia alla portata di tutti, anche dei bambini. Eppure, in questi ultimi decenni, si è preferito stendere un denso velo di silenzio su molti fanciulli esemplari.

E in effetti, «lungo i secoli, quanti ragazzi hanno incontrato Gesù e Lui li ha presi tra le braccia, vivendo con loro una meravigliosa storia d’amore! Oggi invece si fa di tutto per allontanare i piccoli da Lui. Così, invece di ragazzi buoni e felici, ci siamo trovati con dei selvaggi già capaci di vizio e di ferocia. Strappati i ragazzi dalle braccia di Gesù Cristo, essi sono nauseati della vita, prima di aver conosciuto la vita» (p. 11). Ecco allora che, in conclusione, il prof. Risso suggerisce ai giovani il modo di essere davvero realizzati, vale a dire seguire e conoscere Gesù, confessandosi e comunicandosi spesso. Per grazia divina, anche oggi ci sono ragazzi così. E magari, nel silenzio, coi loro sacrifici, frenano l’ira di Dio. (Federico Catani)

Donazione Corrispondenza romana
  • L’“effetto Francesco”
    (di Fabio Cancelli) Si era agli inizi del Pontificato del Papa latino-americano e sociologi, psicologi e operatori pastorali vari si affaccendavano a spiegare, statistiche alla mano, quello che si impose come «effetto Francesco». Cioè, si tentava di dimostrare che non … Continua a leggere
  • Il ricatto dell’obbedienza
    (di Cristiana de Magistris) In tempi più felici di quelli in cui viviamo, si soleva dire che Roma locuta est, causa finita est, Roma ha parlato, dunque la causa è conclusa. Da un cinquantennio a questa parte, questo lemma, degno … Continua a leggere
  • Nulla poena sine culpa (il caso Manelli)
    (di Giovanni Turco) Un classico brocardo esprime uno dei principi elementari di giustizia: nessuna pena senza colpa. La pena presuppone la colpa. E quella è giusta solo se è proporzionata a questa. Si tratta di un criterio basilare della sapienza … Continua a leggere
  • La Milizia dell’Immacolata compie cent’anni
    (di Cristina Siccardi) Quando santa Bernadette Soubirous, il 25 marzo 1858, giorno della sedicesima apparizione, chiese alla Madonna il suo nome, così come le aveva richiesto il parroco di Lourdes, don Peyramale, Maria Santissima rispose in vernacolo occitano: «Quesoy era … Continua a leggere
  • Un Papa violento?
    (di Roberto de Mattei) Contro l’evidenza c’è poco da argomentare. La mano tesa di papa Bergoglio nei confronti della Fraternità San Pio X è la stessa che si abbatte in questi giorni sull’Ordine di Malta e sui Francescani dell’Immacolata. Un … Continua a leggere
  • Santi Francesco di Sales e Giovanni Bosco orate pro Ecclesia
    (di Cristina Siccardi) «Ricco di misericordia, Iddio non mancò mai alla sua Chiesa che milita in questo mondo (…). Mentre nel secolo XVI visitava con la verga del suo furore le genti cristiane, e permetteva che molte province dell’Europa fossero … Continua a leggere
  • Un vescovo modello: san Francesco di Sales
    (di Cristina Siccardi) Al grottesco funerale del novantenne monsignor Jaume Camprodon i Rovira, Vescovo di Girona (nei pressi di Barcellona) dal 1973 al 2001, non c’era il suo corpo nella bara e la cripta, predisposta nella cattedrale per accogliere le … Continua a leggere
  • Appello di tre Vescovi cattolici a Papa Francesco in difesa del matrimonio
    Il 18 gennaio, giorno della antica festa della Cattedra di san Pietro, Tomash Peta, Arcivescovo Metropolita dell’arcidiocesi di Maria Santissima in Astana; Jan Pawel Lenga, Arcivescovo-Vescovo emerito di Karaganda e Athanasius Schneider, Vescovo ausiliare dell’arcidiocesi di Maria Santissima in Astana … Continua a leggere
  • Dopo l’Amoris laetitia, confessori e pastori senza via d’uscita
    (di Cristina Siccardi) Nell’era in cui il Papa dice «chi sono io per giudicare?» è diventato difficile e talvolta impossibile, per parroci e sacerdoti coscienziosi, espletare il sacramento della confessione in serenità. Se Roma non trasmette l’abc del comportamento etico … Continua a leggere
  • Chi vuole sfasciare l’Ordine di Malta?
    (di Roberto de Mattei) «Molto tempo prima che le Nazioni civili fossero giunte a stabilire un diritto internazionale; molto prima che avessero potuto formare il sogno –  non ancora attuato – di una forza comune a tutela della sana libertà … Continua a leggere