Il primo papa eletto in Conclave

(di Lorenzo Benedetti) La figura di Tebaldo Visconti, sacerdote piacentino di nobili natali e solida istruzione, è oggi ritenuta determinante nella storia della Chiesa: uomo di grandi doti intellettuali, fu amico dei maggiori teologi del tempo tra cui san Bonaventura e san Tommaso, e brillò per le opere spirituali, capace di agire con determinazione e mansuetudine.

 Canonico a Lione, nel 1244 vi organizzò il primo Concilio lionense su richiesta di Innocenzo IV, dando prova dell’onestà e della rettitudine che lo caratterizzarono e lo resero famoso all’interno della Chiesa: amico di re e cardinali, fermo difensore della morale ecclesiastica, resta oggi consacrato nell’immaginario collettivo perchè alla sua elezione è legata la creazione del Conclave.

 Il 29 novembre 1268 papa Clemente IV morì a Viterbo: i cardinali dunque si riunirono nella città e, seguendo le disposizioni di Alessandro III, iniziarono le votazioni per la scelta del successore. Il Collegio era però diviso nelle opinioni e molti candidati, tra cui san Bonaventura, rifiutarono la nomina: proprio il teologo francescano sollecitò, attraverso accorati sermoni, l’elezione del nuovo Pontefice al di fuori del Sacro Collegio per scongiurare pressioni politiche da parte del re di Francia o dei nobili romani.

 Le discussioni si susseguirono per un anno e mezzo, ed il popolo viterbese era indignato per il trascinarsi delle votazioni dovute alle discordie tra i cardinali: così, il 1 giugno 1270 furono serrate le porte della città e, colti di sorpresa, i presuli furono condotti nel Palazzo dei Papi e lì rinchiusi a chiave con il divieto di uscire fino ad avvenuta elezione. Da questo episodio nacque l’etimologia moderna della parola cum clave, conclave.

 Dopo pochi giorni, furono ridotte le porzioni di cibo e venne scoperchiato il tetto del palazzo, affinché la decisione fosse affrettata. Due cardinali morirono nella lunga attesa, tra cui il primo ungherese della storia, István Báncsa. Ciò nonostante, non ci fu la convergenza dei voti, e solo alla fine del 1271 la scelta cade su Tebaldo, che si trovava in Terrasanta: saputa la notizia, si precipitò a Viterbo dove venne incoronato col nome di Gregorio X. Per evitare in futuro le difficoltà che aveva accompagnato la sua nomina, emanò la Costituzione Ubi Periculum che decretò la nascita del Conclave.

 Il documento dispose che i cardinali si riunissero dieci giorni dopo la morte del papa: tutti dovevano abitare in una sala comune, senza alcun contatto con l’esterno, e persino l’invio di scritti ai porporati era severamente vietato. Per evitare lunghi periodi di Sede Vacante, Gregorio X stabilì anche precise norme precise sull’alimentazione dei cardinali: una volta trascorsi tre giorni senza risultati, avrebbero avuto diritto ad una sola pietanza per pasto e, passati altri cinque giorni, la dieta sarebbe stata limitata a soli pane, vino ed acqua.

 Con qualche attenuazione, la Ubi Periculum regola ancora oggi l’elezione del Papa con le stesse norme stabilite da Gregorio X, una delle tante eredità che questo Beato pontefice ha lasciato alla Chiesa dei nostri giorni. (Lorenzo Benedetti)

Donazione Corrispondenza romana
  • Quando la correzione pubblica è urgente e necessaria
    (di Roberto de Mattei) Si può correggere pubblicamente un Papa per il suo comportamento riprovevole? Oppure l’atteggiamento di un fedele deve essere quello di un’obbedienza incondizionata, fino al punto di giustificare qualsiasi parola o gesto del Pontefice, anche se apertamente … Continua a leggere
  • Il barone Yves Marsaudon: un massone nell’Ordine di Malta
    (di P. Paolo M. Siano FI) In data 2 febbraio 2017 il giornalista Riccardo Cascioli riassume così, con parole sue, il contenuto di una lettera di Papa Francesco inviata il 1° dicembre scorso al Card. Raymond Burke, Patrono del Sovrano … Continua a leggere
  • L’“effetto Francesco”
    (di Fabio Cancelli) Si era agli inizi del Pontificato del Papa latino-americano e sociologi, psicologi e operatori pastorali vari si affaccendavano a spiegare, statistiche alla mano, quello che si impose come «effetto Francesco». Cioè, si tentava di dimostrare che non … Continua a leggere
  • Il ricatto dell’obbedienza
    (di Cristiana de Magistris) In tempi più felici di quelli in cui viviamo, si soleva dire che Roma locuta est, causa finita est, Roma ha parlato, dunque la causa è conclusa. Da un cinquantennio a questa parte, questo lemma, degno … Continua a leggere
  • Nulla poena sine culpa (il caso Manelli)
    (di Giovanni Turco) Un classico brocardo esprime uno dei principi elementari di giustizia: nessuna pena senza colpa. La pena presuppone la colpa. E quella è giusta solo se è proporzionata a questa. Si tratta di un criterio basilare della sapienza … Continua a leggere
  • La Milizia dell’Immacolata compie cent’anni
    (di Cristina Siccardi) Quando santa Bernadette Soubirous, il 25 marzo 1858, giorno della sedicesima apparizione, chiese alla Madonna il suo nome, così come le aveva richiesto il parroco di Lourdes, don Peyramale, Maria Santissima rispose in vernacolo occitano: «Quesoy era … Continua a leggere
  • Un Papa violento?
    (di Roberto de Mattei) Contro l’evidenza c’è poco da argomentare. La mano tesa di papa Bergoglio nei confronti della Fraternità San Pio X è la stessa che si abbatte in questi giorni sull’Ordine di Malta e sui Francescani dell’Immacolata. Un … Continua a leggere
  • Santi Francesco di Sales e Giovanni Bosco orate pro Ecclesia
    (di Cristina Siccardi) «Ricco di misericordia, Iddio non mancò mai alla sua Chiesa che milita in questo mondo (…). Mentre nel secolo XVI visitava con la verga del suo furore le genti cristiane, e permetteva che molte province dell’Europa fossero … Continua a leggere
  • Un vescovo modello: san Francesco di Sales
    (di Cristina Siccardi) Al grottesco funerale del novantenne monsignor Jaume Camprodon i Rovira, Vescovo di Girona (nei pressi di Barcellona) dal 1973 al 2001, non c’era il suo corpo nella bara e la cripta, predisposta nella cattedrale per accogliere le … Continua a leggere
  • Appello di tre Vescovi cattolici a Papa Francesco in difesa del matrimonio
    Il 18 gennaio, giorno della antica festa della Cattedra di san Pietro, Tomash Peta, Arcivescovo Metropolita dell’arcidiocesi di Maria Santissima in Astana; Jan Pawel Lenga, Arcivescovo-Vescovo emerito di Karaganda e Athanasius Schneider, Vescovo ausiliare dell’arcidiocesi di Maria Santissima in Astana … Continua a leggere