Il catechismo di san Pio X

Il catechismo di san Pio X(di Cristina Siccardi) Ci sono testi che non perdono valore nel tempo e che addirittura riacquistano interesse a motivo del loro insegnamento preciso, chiaro e puntuale.

Perciò in questo tempo di immenso disorientamento, dove l’opinione personale diventa il metro di misura, dove le emozioni sono privilegiate sul ragionamento, dove i principi cattolici perdono significato e consistenza, dove l’esperienza soggettiva fa premio sulla dottrina, dove l’ignoranza religiosa è il sistema che regola gli intelletti, è importante leggere e studiare il Catechismo di San Pio X, compendio della dottrina cristiana, meglio conosciuto come Catechismo Maggiore, edito nel 1905, con 993 domande e risposte, e pubblicato oggi da San Paolo. Il Catechismo della dottrina cristiana, quello dato alle stampe nel 1912, con 433 domande e risposte, fu quello che ebbe maggior diffusione.

Venne stampata anche l’edizione ridotta, nota con il titolo Primi Elementi della Dottrina Cristiana, dedicata ai bambini e ai ragazzi. Scrive Natale Benazzi nell’introduzione al Catechismo Maggiore: «Pio X comprendeva con estrema chiarezza che l’educazione del popolo doveva essere la base su cui impostare il lavoro creativo della vita cristiana; e, soprattutto, che quell’opera di educazione andava compiuta con un linguaggio che il popolo potesse capire, in una “dialettica del presente”, fatta per essere “mantenuta” a memoria, fino a diventare interiorità» (p. 10).

San Pio X lo diceva, con molta lucidità e senza timore di attirarsi qualche strale, che la centralità della missione del predicatore del Vangelo doveva ruotare attorno alla comprensibilità del contenuto dell’annuncio e non alla figura stessa dell’oratore. Lo studioso Roger Aubert lo sottolinea: «Ricordava con molto realismo che “è più facile trovare un oratore facondo e brillante, che non un catechista che impartisca un’ottima istruzione”; e non cessava di raccomandare ai sacerdoti di esporre con chiarezza e semplicità e di dedicarsi in particolare alla catechesi per gli adulti, che era stata molto trascurata nel secolo XIX» (p. 10).

Oggi vengono universalmente riconosciuti gli elementi sostanziali di un Catechismo che è pietra viva nel «solco della tradizione educativa della Chiesa» (p.8). Viene inoltre universalmente riconosciuto il lavoro strenuo che san Pio X perseguì da parroco, da Vescovo, da Patriarca e da Pontefice, per una catechesi seria e feconda, educando così le anime in senso spirituale e in senso etico. Come riempire di contenuti una religione divenuta mero sentimentalismo, dove non c’è più distinzione di piani fra ciò che è del mondo e ciò che è di Dio? Certamente la lettura e la meditazione del Catechismo di san Pio X è un modo corretto, sano e perfetto per rispondere a tante domande di credenti che spesso brancolano nel buio.

Scriveva il beato don Giacomo Alberione, fondatore della Pia Società San Paolo, nella prefazione alla prima edizione del volume di Padre Dragone Ssp, Spiegazione del catechismo di San Pio X per catechisti (1963): «Oggi occorre, però, tener presente che si acuisce sempre più la lotta pro e contro Cristo: e che la vittoria dipende dall’istruzione religiosa; la sconfitta per le singole anime dipende dall’ignoranza. Non basta l’istruzione teorica, occorrono la fede, la vita cristiana, la preghiera. Il catechista rappresenta il Divino Maestro se, come Lui, si fa via, verità e vita. Il catechista pio, istruito, esemplare; il catechista che conosce bene ciò che deve insegnare ed il modo d’insegnare; il catechista che sa organizzare la sua classe e le classi; il catechista che soprattutto ama le anime e nulla risparmia per esse… opererà un grande bene tra la gioventù e gli adulti, nonostante tutte le accresciute difficoltà di oggi, che sono realmente tante e gravi».

Ecco che nel centenario della morte di san Pio X la San Paolo ripropone il Catechismo Maggiore (nel testo è anche presente l’Istruzione sopra le Feste del Signore, della Beata Vergine e dei Santi) al fine di offrirlo a tutti, giovani e meno giovani, catechisti e non catechisti, mettendo così a disposizione dei lettori la bellezza e la sicurezza della dottrina. Che cos’è la dottrina cristiana? Risponde il Catechismo: «La dottrina cristiana è la dottrina che Gesù Cristo nostro Signore ci ha insegnato per mostrarci la strada della salute». (Cristina Siccardi)

Donazione Corrispondenza romana
  • Quando la correzione pubblica è urgente e necessaria
    (di Roberto de Mattei) Si può correggere pubblicamente un Papa per il suo comportamento riprovevole? Oppure l’atteggiamento di un fedele deve essere quello di un’obbedienza incondizionata, fino al punto di giustificare qualsiasi parola o gesto del Pontefice, anche se apertamente … Continua a leggere
  • Il barone Yves Marsaudon: un massone nell’Ordine di Malta
    (di P. Paolo M. Siano FI) In data 2 febbraio 2017 il giornalista Riccardo Cascioli riassume così, con parole sue, il contenuto di una lettera di Papa Francesco inviata il 1° dicembre scorso al Card. Raymond Burke, Patrono del Sovrano … Continua a leggere
  • L’“effetto Francesco”
    (di Fabio Cancelli) Si era agli inizi del Pontificato del Papa latino-americano e sociologi, psicologi e operatori pastorali vari si affaccendavano a spiegare, statistiche alla mano, quello che si impose come «effetto Francesco». Cioè, si tentava di dimostrare che non … Continua a leggere
  • Il ricatto dell’obbedienza
    (di Cristiana de Magistris) In tempi più felici di quelli in cui viviamo, si soleva dire che Roma locuta est, causa finita est, Roma ha parlato, dunque la causa è conclusa. Da un cinquantennio a questa parte, questo lemma, degno … Continua a leggere
  • Nulla poena sine culpa (il caso Manelli)
    (di Giovanni Turco) Un classico brocardo esprime uno dei principi elementari di giustizia: nessuna pena senza colpa. La pena presuppone la colpa. E quella è giusta solo se è proporzionata a questa. Si tratta di un criterio basilare della sapienza … Continua a leggere
  • La Milizia dell’Immacolata compie cent’anni
    (di Cristina Siccardi) Quando santa Bernadette Soubirous, il 25 marzo 1858, giorno della sedicesima apparizione, chiese alla Madonna il suo nome, così come le aveva richiesto il parroco di Lourdes, don Peyramale, Maria Santissima rispose in vernacolo occitano: «Quesoy era … Continua a leggere
  • Un Papa violento?
    (di Roberto de Mattei) Contro l’evidenza c’è poco da argomentare. La mano tesa di papa Bergoglio nei confronti della Fraternità San Pio X è la stessa che si abbatte in questi giorni sull’Ordine di Malta e sui Francescani dell’Immacolata. Un … Continua a leggere
  • Santi Francesco di Sales e Giovanni Bosco orate pro Ecclesia
    (di Cristina Siccardi) «Ricco di misericordia, Iddio non mancò mai alla sua Chiesa che milita in questo mondo (…). Mentre nel secolo XVI visitava con la verga del suo furore le genti cristiane, e permetteva che molte province dell’Europa fossero … Continua a leggere
  • Un vescovo modello: san Francesco di Sales
    (di Cristina Siccardi) Al grottesco funerale del novantenne monsignor Jaume Camprodon i Rovira, Vescovo di Girona (nei pressi di Barcellona) dal 1973 al 2001, non c’era il suo corpo nella bara e la cripta, predisposta nella cattedrale per accogliere le … Continua a leggere
  • Appello di tre Vescovi cattolici a Papa Francesco in difesa del matrimonio
    Il 18 gennaio, giorno della antica festa della Cattedra di san Pietro, Tomash Peta, Arcivescovo Metropolita dell’arcidiocesi di Maria Santissima in Astana; Jan Pawel Lenga, Arcivescovo-Vescovo emerito di Karaganda e Athanasius Schneider, Vescovo ausiliare dell’arcidiocesi di Maria Santissima in Astana … Continua a leggere