Il Catechismo di padre Matteo Ricci

Catechismo(di Fabrizio Cannone) La figura di Matteo Ricci (Macerata 1552 – Pechino 1610), pur discussa nel corso dei secoli, ha molto da insegnare.

Celebrato e commemorato sotto Benedetto XVI, che ne ha esaltato il carisma con un Messaggio al Vescovo di Macerata nel 2009, il Ricci vene spesso presentato come un precursore del Concilio Vaticano II, soprattutto a causa di alcune sue intrepide forme di apostolato e per l’assunzione della lingua, dell’abbigliamento e della cultura cinese, cose che, secondo i novatori, sarebbero il segno di quell’inculturazione tipica dell’odierna missionologia cattolica.

Ma se è vero che il Ricci si mise in rispettoso ascolto delle tradizioni spirituali e filosofiche cinesi, specie il buddismo, il taoismo e il confucianesimo, ciò fu sempre nell’ottica del missionario del XVI secolo: cogliere gli elementi validi di un contesto alieno alla cristianità e attraverso di essi portare gli abitanti di quel contesto alla professione della fede cristiana.

Il suo Catechismo (ESD, Bologna 2013, pp. 500, € 30), con testo a fronte in cinese semplificato, è un’eccellente sintesi della teologia cattolica del tempo, la quale, facendo leva sulla razionalità della fede, si propone ad un tempo di chiarirne il contenuto e di dileguare le obiezioni contro di essa. La visione teologica e spirituale del Ricci «lo ha spinto ad evangelizzare i cinesi attraverso la ragione non perché fosse la via più strategica, nel senso dell’efficacia e della razionalità calcolatrice; né per il gusto del dialogo fine a se stesso; né per realizzare un incontro tra culture» (p. 65), ma perché, come scrive il missionario marchigiano, «tutto ciò che la ragione mostra essere vero, non posso non riconoscerlo come vero; tutto ciò che la ragione mostra essere falso, non posso non riconoscerlo come falso. La ragione ha con l’uomo la stessa relazione che il sole, diffondendo ovunque la sua luce, ha con il mondo» (p. 111).

Se il primo capitolo (pp. 107-139) è un’esaltazione della ricerca della verità religiosal’uomo nobile fonda la propria vita sulla verità», p. 113), e una dimostrazione, attraverso le classiche prove a posteriori, dell’esistenza di Dio (chiamato spesso, con linguaggio autoctono, «il Signore del Cielo»), il secondo capitolo (pp. 141-173) è una confutazione delle «errate conoscenze umane» su Dio, la creazione e la religione in genere. Il testo fa parlare due figure, un Letterato Cinese, che riassume le posizioni di vari personaggi realmente incontrati dal missionario (cf. p. 103) e un Letterato Occidentale, dietro cui appare la figura del Ricci.

Il gesuita italiano confuta, sempre con tatto e pacatezza, ma altresì con chiarezza, una dopo l’altra tutte le assurdità del buddismo e delle filosofie orientali. Queste dottrine «non meritano apprezzamento» (p. 141) e il loro discettare sul “vuoto” e sul “non-essere” come qualità proprie del primo Principio, rappresentano «un modo inadeguato di esprimersi» (p. 147); «i vuoti simboli» dell’antico Oriente «non si fondano su alcuna ragione reale» (p. 149); insomma, a causa dei «menzogneri scritti del Buddha (…) ci si è trovati inconsapevolmente contaminati dalle sue parole velenose» (p. 239).

In seguito padre Ricci spiega i temi di fondo della fede cattolica, come l’esistenza e l’immortalità dell’anima (cap. 3), la distinzione reale tra le varie realtà cosmiche, come animali, vegetali, minerali e spiriti, contro il panteismo orientale (cap. 4), con una lunga trattazione sulla reincarnazione (cap. 5) e in favore del giudizio e della sanzione nell’altra vita (cap. 6).

La forza di missionari quali il Ricci non sta nell’aver assunto la foggia e il linguaggio dei popoli da evangelizzare, ma sta tutta nell’aver abbandonato patria e famiglia, usi e costumi, per farsi tutto a tutti, in modo da salvare tutti o almeno il più gran numero possibile di anime. (Fabrizio Cannone)

Donazione Corrispondenza romana
  • Quando la correzione pubblica è urgente e necessaria
    (di Roberto de Mattei) Si può correggere pubblicamente un Papa per il suo comportamento riprovevole? Oppure l’atteggiamento di un fedele deve essere quello di un’obbedienza incondizionata, fino al punto di giustificare qualsiasi parola o gesto del Pontefice, anche se apertamente … Continua a leggere
  • Il barone Yves Marsaudon: un massone nell’Ordine di Malta
    (di P. Paolo M. Siano FI) In data 2 febbraio 2017 il giornalista Riccardo Cascioli riassume così, con parole sue, il contenuto di una lettera di Papa Francesco inviata il 1° dicembre scorso al Card. Raymond Burke, Patrono del Sovrano … Continua a leggere
  • L’“effetto Francesco”
    (di Fabio Cancelli) Si era agli inizi del Pontificato del Papa latino-americano e sociologi, psicologi e operatori pastorali vari si affaccendavano a spiegare, statistiche alla mano, quello che si impose come «effetto Francesco». Cioè, si tentava di dimostrare che non … Continua a leggere
  • Il ricatto dell’obbedienza
    (di Cristiana de Magistris) In tempi più felici di quelli in cui viviamo, si soleva dire che Roma locuta est, causa finita est, Roma ha parlato, dunque la causa è conclusa. Da un cinquantennio a questa parte, questo lemma, degno … Continua a leggere
  • Nulla poena sine culpa (il caso Manelli)
    (di Giovanni Turco) Un classico brocardo esprime uno dei principi elementari di giustizia: nessuna pena senza colpa. La pena presuppone la colpa. E quella è giusta solo se è proporzionata a questa. Si tratta di un criterio basilare della sapienza … Continua a leggere
  • La Milizia dell’Immacolata compie cent’anni
    (di Cristina Siccardi) Quando santa Bernadette Soubirous, il 25 marzo 1858, giorno della sedicesima apparizione, chiese alla Madonna il suo nome, così come le aveva richiesto il parroco di Lourdes, don Peyramale, Maria Santissima rispose in vernacolo occitano: «Quesoy era … Continua a leggere
  • Un Papa violento?
    (di Roberto de Mattei) Contro l’evidenza c’è poco da argomentare. La mano tesa di papa Bergoglio nei confronti della Fraternità San Pio X è la stessa che si abbatte in questi giorni sull’Ordine di Malta e sui Francescani dell’Immacolata. Un … Continua a leggere
  • Santi Francesco di Sales e Giovanni Bosco orate pro Ecclesia
    (di Cristina Siccardi) «Ricco di misericordia, Iddio non mancò mai alla sua Chiesa che milita in questo mondo (…). Mentre nel secolo XVI visitava con la verga del suo furore le genti cristiane, e permetteva che molte province dell’Europa fossero … Continua a leggere
  • Un vescovo modello: san Francesco di Sales
    (di Cristina Siccardi) Al grottesco funerale del novantenne monsignor Jaume Camprodon i Rovira, Vescovo di Girona (nei pressi di Barcellona) dal 1973 al 2001, non c’era il suo corpo nella bara e la cripta, predisposta nella cattedrale per accogliere le … Continua a leggere
  • Appello di tre Vescovi cattolici a Papa Francesco in difesa del matrimonio
    Il 18 gennaio, giorno della antica festa della Cattedra di san Pietro, Tomash Peta, Arcivescovo Metropolita dell’arcidiocesi di Maria Santissima in Astana; Jan Pawel Lenga, Arcivescovo-Vescovo emerito di Karaganda e Athanasius Schneider, Vescovo ausiliare dell’arcidiocesi di Maria Santissima in Astana … Continua a leggere