Il buonismo d’accatto e la tratta di esseri umani

Mare Nostrum(di Danilo Quinto) Il vertice di Governo con il premier Letta, il vice Alfano, e i ministri Bonino e Mauro ha deciso di utilizzare anche i droni ‒ oltre a due pattugliatori e due fregate, una nave anfibia, con due elicotteri dotati di strumenti ottici a infrarossi e radar di ricerca di superficie, un velivolo P180 con visione notturna, un’unità navale tipo moto trasporto, con spazi ampi di ricovero per i naufraghi ‒ per l’operazione umanitaria e militare denominata “Mare Nostrum”.  In tutto si calcola l’impiego di circa 1500 uomini.

Per carità, salvare le vite umane è una cosa giusta e poi i costi sarebbero contenuti ‒ solo un milione e mezzo di euro – considerati i miliardi che vengono sprecati per futilità di ogni tipo in questo Paese. E poi, era ora, che una qualche decisione venisse presa dopo le centinaia di morti che ci sono state nelle ultime settimane, rispetto ai quali si sono ascoltate solo parole ipocrite («L’Italia si prende le sue responsabilità e chiede all’Europa di fare altrettanto»), vuote («istituire corridoi umanitari per chi scappa dalla guerra, dalla fame…» ), ambigue («qui si tratta di diritto di asilo»), insensate («aboliamo il reato di clandestinità»).

Qui c’è un unico, grande problema da affrontare. Il buonismo d’accatto che sbandiera la necessità  dell’accoglienza e dell’integrazione, sa bene ‒ perché è composto da persone abili e furbe ‒ che queste sono impraticabili per una società, come quella europea, che non ha più una sua identità (giudaico-cristiana, per chi non lo ricordi) e quindi vive delle sue comprensibili paure. Sempre il buonismo d’accatto sa che quel che i magistrati “sospettano” ‒ in base a quanto riferiscono i giornali ‒ sugli sbarchi di Lampedusa, che ci possano essere dei basisti che danno informazioni all’organizzazione che gestisce il racket degli esseri umani, costituisce “il” problema che non viene visto. Si chiama tratta di esseri umani.

L’intero Governo e tutto il Parlamento italiano, insieme a tutti i leader dei partiti ‒ anche di quelli europei ‒ sa che le persone che pagano migliaia di dollari per imbarcarsi, si consegnano a organizzazioni criminali che hanno costituito un commercio che per loro costituisce la terza fonte di reddito, dopo la droga e le armi, un «fenomeno gigantesco e poco osservato», come si legge nella relazione del Comitato parlamentare per la sicurezza (COPASIR) del 2009.

Secondo l’Organizzazione internazionale per le migrazioni, gli esseri umani vittime del traffico sono nel mondo, ogni anno, circa un milione, cinquecentomila dei quali nella sola Europa. Tutte le rotte internazionali conducono al nostro Paese. Le persone schiavizzate partono: dall’Egitto, seguendo tre direttrici, due nel deserto verso la Libia e una, quella proveniente da Sri Lanka, Bangladesh e Corno d’Africa, via mare; dalla Libia, dove i clandestini provenienti dall’Africa sub-sahariana, risaliti nel deserto a bordo di camion, partono da cinque aree tutte nella Tripolitania; dal Marocco, che è luogo di transito dei flussi dell’Africa centrale e nord-occidentale diretti in Europa; dall’Algeria; da Malta; dalla Tunisia, da dove transitano gli immigrati provenienti da Niger, Ciad, Ghana, Liberia, Mali, Sierra Leone, dall’Algeria, dal Marocco, dall’Iraq, dalla Palestina e dallo Sri Lanka. Secondo il  “National Intelligence Council” il traffico di esseri umani fa entrare a livello globale nelle casse della criminalità internazionale tra i 7 e i 13 miliardi di dollari l’anno.

Di fronte a questi dati oggettivi, basta fare una sola considerazione: quali politiche di prevenzione e sicurezza vengono attuate e quale mistificazione viene operata dibattendo questioni che non c’entrano nulla rispetto ad un’attività criminale che nessuno reprime? (Danilo Quinto)

Donazione Corrispondenza romana
  • renzi La disfatta di un premier sedicente cattolico
    (di Mauro Faverzani) Le parole hanno un senso. E quelle del commiato di Renzi ne hanno uno chiarissimo: «Lasciamo la guida del Paese con un’Italia che ha finalmente una legge sulle unioni civili», ha detto. Spiegando anche come tale normativa, … Continua a leggere
  • Brexit Da Renzi alla Brexit: tra falso ordine e caos
    (di Emmanuele Barbieri) Nessuno dei sindaci eletti il 19 giugno nelle principali città italiane disapplicherà la famigerata legge Cirinnà che assicura veste legale allo pseudo-matrimonio omosessuale. Per i neo-sindaci, che condividano o no il provvedimento renziano, non esiste una legge … Continua a leggere
  • cartina-muta Le grandi manovre per “repubblicanizzare” l’Italia
    (di Cristina Siccardi)  Il 1° giugno di 70 anni fa, vigilia del referendum istituzionale, Pio XII si rivolse al Sacro Collegio e, attraverso la radio, agli elettori italiani e francesi (anche in Francia, infatti, si votava, per le elezioni politiche), … Continua a leggere
  • Eutanasia L’eutanasia in parlamento
    (di Tommaso Scandroglio) Tornano a soffiare venti di morte sul Parlamento. Infatti, incassate le Unioni civili, ora si dibatte di eutanasia nei palazzi del potere. Sono sette le proposte di legge sul tema – ed altre sono in fase di … Continua a leggere
  • alfano-renzi Il tradimento storico dei “cattolici”
    (di Roberto de Mattei) L’approvazione dello pseudo-matrimonio omosessuale, avvenuta al Senato il 25 febbraio 2016, con 173 sì, 71 no e 76 assenze è l’ultima tappa di un processo di dissoluzione della società italiana che parte dall’introduzione del divorzio (1970), … Continua a leggere
  • mezzogiorno Mezzogiorno tra retorica e immondizia
    (di Danilo Quinto) Roberto Saviano ha convocato per il 7 agosto la direzione del Partito Democratico, che avrà come tema il Mezzogiorno. Non sembri un paradosso. È bastato un editoriale dell’autore di Gomorra su Repubblica dell’altro giorno – «Caro premier … Continua a leggere
  • Principessa Maria Gabriella di Savoia Riportiamo in patria i Re d’Italia
    (di Cristina Siccardi) Dopo il recente attentato al Consolato italiano in Egitto, un accorato e composto appello è giunto dalla Principessa Maria Gabriella di Savoia, che ha inviato una lettera a Paolo Granzotto  de il Giornale, lettera che il 16 … Continua a leggere
  • Metropolitana C di Roma Metropolitana C di Roma: una grande opera inutile
    (di Danilo Quinto) Insieme al Ministro per le Infrastrutture, Graziano Del Rio, il Sindaco di Roma ha inaugurato il 29 giugno la seconda tratta della linea C della Metropolitana. «Sono molto orgoglioso di questo risultato», ha detto Ignazio Marino. «Se … Continua a leggere
  • Massimiliano Latorre e Salvatore Girone Una vergogna che deve trovare dei responsabili
    (di Danilo Quinto) Nei giorni scorsi, il Ministero degli Esteri ha annunciato di aver attivato l’arbitrato internazionale nel quadro della Convenzione delle Nazioni Unite sul Diritto del Mare sul caso dei due marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone. La decisione, … Continua a leggere
  • il-premier-matteo-renzi I sogni bruciati del grande Matteo
    (di Danilo Quinto) Gioventù bruciata, si potrebbe dire. Se si considerasse com’è iniziata l’avventura renziana – la rottamazione del vecchio, per un nuovo da tutto da costruire – e la si mettesse a confronto, a distanza di poco più di anno, … Continua a leggere