I politici allevati come polli in batteria

polli(di Danilo Quinto) Indignato e offeso, si dice Massimo D’Alema, dopo aver appreso dai giornali le notizie che lo riguardano relative ai rapporti con la cooperativa “Cpl Concordia”, legata al sistema “Lega Cooperative” ‒ 1.800 dipendenti, 461 milioni di fatturato ‒ che sembra coinvolta, stando all’inchiesta dei giudici, nell’affare della metanizzazione dell’isola di Ischia. Undici indagati e nove arrestati, tra i quali il Sindaco dell’isola, del Partito Democratico.

Un grande progetto la metanizzazione, che coinvolge 18.000 utenti potenziali, serviti da 39 km di rete urbana e quasi 13 km di condotte sottomarine. Come riporta il “Corriere della Sera” del 31 marzo, i vertici della cooperativa avrebbero fatto «sistematico ricorso ‒ scrive il gip ‒ ad un modello organizzativo ispirato alla corruzione, che li ha portati ad accordarsi non solo con i Sindaci, gli amministratori locali e i pubblici funzionari, ma anche con esponenti della criminalità organizzata casertana e con gli amministratori legati a tali ambienti criminali». Nulla di nuovo rispetto ad altre inchieste, soprattutto rispetto al coinvolgimento di politici. Da accertare, naturalmente, perché l’indagine è all’inizio.

I giornali diffondono frasi intercettate di uno degli arrestati, che riguardano D’Alema: sarebbe uno di quei politici che «mette le mani nella m… come ha già fatto con noi, ci ha dato delle cose». L’ex presidente del consiglio precisa: «Nessun illecito o beneficio, rapporto con Cpl trasparente. La diffusione delle intercettazioni è scandalosa». Siamo d’accordo. L’uso delle intercettazioni è diventato un’arma di destabilizzazione gravissima, soprattutto se riguarda persone non indagate, come nel caso di D’Alema o nel caso di Maurizio Lupi, costretto alle dimissioni per un episodio divulgato, marginalissimo e largamente praticato, una supposta raccomandazione, che peraltro avrebbe riguardato suo figlio.

Restano, però, alcune questioni da evidenziare, che riguardano il “sistema” nel suo complesso. Nel suo ultimo rapporto, l’Ocse afferma che «Il costo delle truffe e della corruzione negli investimenti pubblici non è solo economico ma politico e istituzionale con seri risvolti per la delegittimazione dell’apparato statale e la capacità delle istituzioni governative a funzionare efficacemente»: in Italia, la percezione della corruzione nelle istituzioni governative e locali sfiora il 90%. Non vi sarà nessuna legge anti-corruzione – peraltro ferma da oltre 2 anni – che possa arginare questo fenomeno, se non si terranno presenti due elementi: l’humus che la cosiddetta società civile fornisce alla corruzione e la necessità d’intervenire su un aspetto specifico.

È stato sottolineato domenica scorsa, nel corso della trasmissione di Lucia Annunziata, da Raffele Cantone, presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione: «C’è un problema enorme che riguarda la corruzione politica e la trasparenza dei bilanci dei partiti e delle loro fondazioni, dei meccanismi di finanziamento della politica». Cantone ha invitato a «riflettere su quanto emerso nell’inchiesta “Mafia Capitale” a Roma, dove un gruppo di soggetti legati anche alla criminalità organizzata era in grado di determinare le sorti di una serie di politici, a destra e a sinistra, quasi crescendoli come polli allevati in batteria, attraverso meccanismi di finanziamento assolutamente non trasparenti.

Ad esempio, come si fa a ritenere che le fondazioni, che spesso sono le vecchie correnti dei partiti, non debbano avere nessun tipo di bilancio?». Ecco, D’Alema non è più in Parlamento, ma certamente non avrebbe difficoltà a far presentare un disegno di legge che regoli il fenomeno delle Fondazioni emanazioni di partiti e esponenti politici, come la sua, “Italiani Europei”. Sarebbe un primo passo per arginare una “misura” ormai colma. (Danilo Quinto)

Donazione Corrispondenza romana
  • renzi La disfatta di un premier sedicente cattolico
    (di Mauro Faverzani) Le parole hanno un senso. E quelle del commiato di Renzi ne hanno uno chiarissimo: «Lasciamo la guida del Paese con un’Italia che ha finalmente una legge sulle unioni civili», ha detto. Spiegando anche come tale normativa, … Continua a leggere
  • Brexit Da Renzi alla Brexit: tra falso ordine e caos
    (di Emmanuele Barbieri) Nessuno dei sindaci eletti il 19 giugno nelle principali città italiane disapplicherà la famigerata legge Cirinnà che assicura veste legale allo pseudo-matrimonio omosessuale. Per i neo-sindaci, che condividano o no il provvedimento renziano, non esiste una legge … Continua a leggere
  • cartina-muta Le grandi manovre per “repubblicanizzare” l’Italia
    (di Cristina Siccardi)  Il 1° giugno di 70 anni fa, vigilia del referendum istituzionale, Pio XII si rivolse al Sacro Collegio e, attraverso la radio, agli elettori italiani e francesi (anche in Francia, infatti, si votava, per le elezioni politiche), … Continua a leggere
  • Eutanasia L’eutanasia in parlamento
    (di Tommaso Scandroglio) Tornano a soffiare venti di morte sul Parlamento. Infatti, incassate le Unioni civili, ora si dibatte di eutanasia nei palazzi del potere. Sono sette le proposte di legge sul tema – ed altre sono in fase di … Continua a leggere
  • alfano-renzi Il tradimento storico dei “cattolici”
    (di Roberto de Mattei) L’approvazione dello pseudo-matrimonio omosessuale, avvenuta al Senato il 25 febbraio 2016, con 173 sì, 71 no e 76 assenze è l’ultima tappa di un processo di dissoluzione della società italiana che parte dall’introduzione del divorzio (1970), … Continua a leggere
  • mezzogiorno Mezzogiorno tra retorica e immondizia
    (di Danilo Quinto) Roberto Saviano ha convocato per il 7 agosto la direzione del Partito Democratico, che avrà come tema il Mezzogiorno. Non sembri un paradosso. È bastato un editoriale dell’autore di Gomorra su Repubblica dell’altro giorno – «Caro premier … Continua a leggere
  • Principessa Maria Gabriella di Savoia Riportiamo in patria i Re d’Italia
    (di Cristina Siccardi) Dopo il recente attentato al Consolato italiano in Egitto, un accorato e composto appello è giunto dalla Principessa Maria Gabriella di Savoia, che ha inviato una lettera a Paolo Granzotto  de il Giornale, lettera che il 16 … Continua a leggere
  • Metropolitana C di Roma Metropolitana C di Roma: una grande opera inutile
    (di Danilo Quinto) Insieme al Ministro per le Infrastrutture, Graziano Del Rio, il Sindaco di Roma ha inaugurato il 29 giugno la seconda tratta della linea C della Metropolitana. «Sono molto orgoglioso di questo risultato», ha detto Ignazio Marino. «Se … Continua a leggere
  • Massimiliano Latorre e Salvatore Girone Una vergogna che deve trovare dei responsabili
    (di Danilo Quinto) Nei giorni scorsi, il Ministero degli Esteri ha annunciato di aver attivato l’arbitrato internazionale nel quadro della Convenzione delle Nazioni Unite sul Diritto del Mare sul caso dei due marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone. La decisione, … Continua a leggere
  • il-premier-matteo-renzi I sogni bruciati del grande Matteo
    (di Danilo Quinto) Gioventù bruciata, si potrebbe dire. Se si considerasse com’è iniziata l’avventura renziana – la rottamazione del vecchio, per un nuovo da tutto da costruire – e la si mettesse a confronto, a distanza di poco più di anno, … Continua a leggere