I fedeli chiedono al Papa chiarezza contro gli attacchi del male

(Roberto de Mattei su “Il Tempo”, 14 agosto 2016) Nel mese di agosto la Casa Santa Marta in Vaticano si svuota dei suoi ospiti, ma papa Francesco passerà, come nei tre anni precedenti, tutto il mese in Vaticano. Francesco ha annunciato che rinuncerà anche ad un tradizionale appuntamento pontificio, il Congresso Eucaristico Nazionale, che quest’anno si terrà a Genova dal 15 al 18 agosto, ma il 19 dello stesso mese il Papa si recherà ad Assisi, per celebrare il trentesimo anniversario dell’incontro tra le religioni, organizzato dalla Comunità di Sant’Egidio.

A comunicarlo non è stata la Sala Stampa Vaticana, ma l’imam di Perugia, Abdel Qader Moh’d, in un’intervista a TV 2000. Papa Bergoglio sarà quindi in  Georgia ed Azerbaijan, dal 30 settembre al 2 ottobre, con ortodossi e musulmani, e in Svezia, a Lund, il 31 ottobre, per commemorare i cinquecento anni della riforma protestante. Le iniziative ecumeniche costituiscono la bussola del suo pontificato, che sembra proporsi l’obiettivo di costruire una piattaforma comune tra le religioni, con il rischio, avvertito da molti, di svuotare il cattolicesimo e di favorire la creazione di una “super religione” sincretista.

Il pranzo dell’11 agosto con 21 rifugiati siriani, tutti musulmani, giunti in Italia in seguito al viaggio papale nell’isola di Lesbo, si inserisce in questa prospettiva di “opzione preferenziale” per i non cattolici. Tale strategia esige la negazione dell’esistenza di guerre di religione.

Eppure la Chiesa soffre persecuzioni in tutto il mondo. Mons. Dominique Lebrun arcivescovo di Rouen, ha espresso l’intenzione di avviare un processo di beatificazione che porti al riconoscimento del martirio di padre Jacques Hamel, ucciso “in odio alla fede”, come tanti cristiani dei nostri tempi.

Giungerà da Roma una parola di approvazione? Giungerà un cenno di sostegno verso i tre vescovi spagnoli portati in giudizio per aver criticato la legge, appena approvata a Madrid, che promuove la transessualità? L’Osservatorio spagnolo contro la LGBTfobia ha denunciato il vescovo di Getafe, mons. Joaquin Maria López de Andújar, il suo ausiliare José Rico Pavés e il titolare della diocesi di Alcalà, mons. Juan Antonio Reig Pla per “incitamento all’odio e alla discriminazione verso la comunità omosessuale”. 

Ma il peggio non ha limite. Una messa nera pubblica, è stata organizzata da un gruppo satanista americano e permessa dalle autorità locali, il 15 agosto, presso il Civic Center di Oklahoma City. L’arcivescovo della città, monsignor Paul Coakley, ha esortato i fedeli a chiedere l’intercessione di San Michele Arcangelo, della Madonna e di tutti gli angeli e i santi “perché il Signore si prenda cura della nostra comunità e ci protegga dal male e dalle sue tante manifestazioni distruttive e violente”.

Oggi però a subire gli attacchi del male non è solo una diocesi americana, ma tutta la Chiesa. I fedeli disorientati si rivolgono al Vicario di Cristo, per chiedergli di dimostrare la sua paternità non solo verso i lontani, ma anche verso i vicini,  più che mai bisognosi di chiarezza e di incoraggiamento in questo tempestoso frangente storico.  (Roberto de Mattei su “Il Tempo”, 14 agosto 2016)

Donazione Corrispondenza romana
  • L’“effetto Francesco”
    (di Fabio Cancelli) Si era agli inizi del Pontificato del Papa latino-americano e sociologi, psicologi e operatori pastorali vari si affaccendavano a spiegare, statistiche alla mano, quello che si impose come «effetto Francesco». Cioè, si tentava di dimostrare che non … Continua a leggere
  • Il ricatto dell’obbedienza
    (di Cristiana de Magistris) In tempi più felici di quelli in cui viviamo, si soleva dire che Roma locuta est, causa finita est, Roma ha parlato, dunque la causa è conclusa. Da un cinquantennio a questa parte, questo lemma, degno … Continua a leggere
  • Antonio Socci e la “giusta battaglia”
    (di Roberto de Mattei) Un recente post di Antonio Socci ha suscitato interrogativi e polemiche fra i suoi lettori. Riporto i passi centrali del suo testo: “Sono rimasto sinceramente colpito e amareggiato dalla durezza delle polemiche che negli ultimi giorni … Continua a leggere
  • Nulla poena sine culpa (il caso Manelli)
    (di Giovanni Turco) Un classico brocardo esprime uno dei principi elementari di giustizia: nessuna pena senza colpa. La pena presuppone la colpa. E quella è giusta solo se è proporzionata a questa. Si tratta di un criterio basilare della sapienza … Continua a leggere
  • La Milizia dell’Immacolata compie cent’anni
    (di Cristina Siccardi) Quando santa Bernadette Soubirous, il 25 marzo 1858, giorno della sedicesima apparizione, chiese alla Madonna il suo nome, così come le aveva richiesto il parroco di Lourdes, don Peyramale, Maria Santissima rispose in vernacolo occitano: «Quesoy era … Continua a leggere
  • Un Papa violento?
    (di Roberto de Mattei) Contro l’evidenza c’è poco da argomentare. La mano tesa di papa Bergoglio nei confronti della Fraternità San Pio X è la stessa che si abbatte in questi giorni sull’Ordine di Malta e sui Francescani dell’Immacolata. Un … Continua a leggere
  • Santi Francesco di Sales e Giovanni Bosco orate pro Ecclesia
    (di Cristina Siccardi) «Ricco di misericordia, Iddio non mancò mai alla sua Chiesa che milita in questo mondo (…). Mentre nel secolo XVI visitava con la verga del suo furore le genti cristiane, e permetteva che molte province dell’Europa fossero … Continua a leggere
  • Il Papa e l’Ordine di Malta: una vittoria di Pirro?
    (di Roberto de Mattei) Le dimissioni del Gran Maestro dell’Ordine di Malta Matthew Festing, imposte il 23 gennaio da Francesco, rischiano di essere per quest’ultimo una vittoria di Pirro. Papa Bergoglio ha infatti ottenuto ciò che voleva, ma ha dovuto … Continua a leggere
  • Un vescovo modello: san Francesco di Sales
    (di Cristina Siccardi) Al grottesco funerale del novantenne monsignor Jaume Camprodon i Rovira, Vescovo di Girona (nei pressi di Barcellona) dal 1973 al 2001, non c’era il suo corpo nella bara e la cripta, predisposta nella cattedrale per accogliere le … Continua a leggere
  • Appello di tre Vescovi cattolici a Papa Francesco in difesa del matrimonio
    Il 18 gennaio, giorno della antica festa della Cattedra di san Pietro, Tomash Peta, Arcivescovo Metropolita dell’arcidiocesi di Maria Santissima in Astana; Jan Pawel Lenga, Arcivescovo-Vescovo emerito di Karaganda e Athanasius Schneider, Vescovo ausiliare dell’arcidiocesi di Maria Santissima in Astana … Continua a leggere