Elezioni europee, ecco chi (non) votare

elezionieuropeedel25maggio2014-1(di Luigi Vinciguerra) Un sito LGTBI indica i candidati “buoni” e “cattivi” e offre gli strumenti di “lobbying” per costringerli a dichiararsi apertamente pro o contro l’agenda omosessualista.

Le elezioni si avvicinano. Scegliere chi votare, tenendo conto dei valori cristiani, sarà un bel problema. Una buona indicazione – seppure in maniera assolutamente contraria alla propria intenzione – giunge dal sito attivista omosessuale “cominciatu”, che passa in rassegna partito per partito e candidato per candidato ricostruendone la storia delle precedenti presenze parlamentari e relativi voti e dichiarazioni sulla materia dei «diritti degli omosessuali».

La situazione è deprimente: se la Sinistra favorevole all’allargamento dei diritti degli omosessuali, la Destra sembra in generale contraria, ma per intercettare il voto di questa potente lobby e per apparire “alla moda” anche esponenti conservatori rilasciano dichiarazioni favorevoli ai matrimoni gay o, almeno, sostengono che ci siano problemi più importanti, ma non li rifiutano a priori.

Ecco la sintesi del sito “cominciatu”, partito per partito, andando da Destra a Sinistra:

 

a)      FRATELLI D’ITALIA – ALLEANZA NAZIONALE

Il sito ripercorre la storia del partito, senza dare giudizi particolari. Nessuno dei suoi candidati ha ottenuto il “pollice su”, tre (tra cui Magdi Allam) hanno invece il pollice verso.

b)      LEGA NORD

«La Lega si caratterizza per pratiche e contenuti apertamente razzisti e intolleranti e sulla scia delle peggiori destre europee prende di mira soprattutto le minoranze etniche e religiose, oltre alle persone lgbti. Nel bestiario dell’omotransfobia in politica gli esponenti della Lega Nord occupano senza dubbio la pole position». Infatti nessuno ottiene il pollice retto (due il pollice verso) decretati da Arcigay.

c)      FORZA ITALIA

«Le pochissime proposte di legge per i diritti delle persone lgbt, presentate dagli sparuti parlamentari un po’ più libertari, sono poca cosa in confronto ai ricorrenti contenuti omotransfobici veicolati dal leader e da numerosi altri esponenti». Però si segnala l’approvazione di Licia Ronzulla (candidata al Nord-Ovest) e l’adesione alla battaglia lgbti di Alessandro Cecchi Paone (candidato al Sud). 17 i pollice verso.

d)      NUOVO CENTRO DESTRA

«Tandem tra una costola del disgregato Popolo della Libertà di Silvio Berlusconi e i residui della vecchia Democrazia Cristiana. In questa compagine si concentrano omotransfobia e clericalismo a livelli estremi, da questi due partiti ogni iniziativa a tutela delle persone lgbti riceve l’opposizione più feroce». Però tra i candidati sono solo due i pollice verso (Carlo Casini al Centro e Daniela Colombo al Nord-Ovest).

e)      ALLEANZA LIBERALI DEMOCRATICI EUROPEI

Notevole presenza di candidati che si sono dichiarati favorevoli ai “diritti” degli omosessuali, non si sa se per piaggeria, ignoranza o reale convinzione.

f)       MOVIMENTO 5 STELLE

«Il programma del Movimento 5 Stelle non fa alcun riferimento ai diritti delle persone lgbti (in realtà era presente il riconoscimento delle unioni civili, ndr) ma nel Parlamento italiano alcune delle proposte di legge più avanzate su questi temi portano la firma di deputati e senatori del Movimento 5 Stelle, che anche nella azione parlamentare si sono sempre distinti con comportamenti rispondenti alle richieste del movimento lgbti». Infatti ci sono 36 adesioni esplicite alla “battaglia” (più del 50% dei candidati) e 20 classificati “rainbow” (per la manifestata adesione alla gay agenda e le precedenti iniziative in tal senso).

g)      PARTITO DEMOCRATICO

«Più volte si è reso interprete delle istanze lgbt con promesse programmatiche e proposte di legge, ma a causa della stessa opposizione interna della corrente cattolica, che sui temi lgbt mette in azione un boicottaggio sistematico, non è mai riuscito a raggiungere alcun risultato». In realtà si contano oltre trenta candidati aderenti al progetto lgbti, solo 5 bocciati da Arcigay e circa la metà con alto fattore “rainbow”.

h)      L’ALTRA EUROPA CON TSIPRAS

«Lista elettorale italiana di sinistra radicale (…). L’iniziativa nasce dall’appello lanciato da un gruppo di intellettuali italiani, al quale hanno aderito tutte le forze di sinistra radicale. Raccoglie le posizioni più avanzate in tema di riconoscimento dei diritti delle persone lgbti e nelle sue liste candida esponenti importanti dell’associazionismo e dei movimenti». Coerentemente, stragrande maggioranza di attivisti per la battaglia omossessualista. (Luigi Vinciguerra)

Donazione Corrispondenza romana
  • Anti-abortion marchers walk near the Supreme Court during the annual March for Life, Tuesday, Jan. 22, 2008, in Washington. The rally comes 35 years after the Supreme Court ruled that a Texas woman with the pseudonym Jane Roe had a constitutional right to have an abortion. (AP Photo/Haraz N. Ghanbari) Svolta pro-life negli Stati Uniti?
    (Tommaso Scandroglio) Donald Trump nell’ottobre del 1999 alla NBC in merito al tema dell’aborto così si espresse: «Io sono molto pro-choice. Odio il concetto di aborto. Lo odio. Odio tutto ciò che rappresenta. Io rabbrividisco quando sento le persone discutere di … Continua a leggere
  • bannon-priebus-large_transqvzuuqpflyliwib6ntmjwfsvwez_ven7c6bhu2jjnt8 Donald Trump nomina due pro-life alla Casa Bianca
    (di Lupo Glori) Mentre non si placano le accese polemiche, a tutti i livelli, nei confronti dell’inattesa e, per molti, disorientante elezione di Donald Trump a presidente degli Stati Uniti d’America, tutti gli occhi della stampa mondiale sono ora puntati … Continua a leggere
  • Angela Merkel Germania nuova batosta per la Merkel
    (di Lupo Glori) Il popolo tedesco boccia nuovamente le recenti avventate scelte politiche di Angela Merkel. Dopo la pesante sconfitta alle ultime elezioni regionali in Meclemburgo-Pomerania sono questa volta i cittadini di Berlino ad infliggere un’altra sonora batosta alla cancelliera … Continua a leggere
  • sede-grande-oriente-136112 L’Eliseo si gioca non nelle urne, ma nelle logge
    (di Mauro Faverzani) Le prossime presidenziali, in Francia, le si gioca nelle Logge. I candidati all’Eliseo fanno ormai a gara per conquistarsi le simpatie e soprattutto l’appoggio della massoneria in vista della chiamata alle urne nel 2017. L’Eliseo si gioca … Continua a leggere
  • Norbert In Austria trionfo della destra anti euro e anti immigrazione
    (di Lupo Glori) Trionfa la destra in Austria. Domenica 24 aprile, al primo turno delle elezioni presidenziali, il candidato del Partito della Libertà Austriaco (FPÖ), il 45enne Norbert Hofer, è andato infatti oltre le aspettative, con il 35,5% delle preferenze, … Continua a leggere
  • maxresdefault Un vento identitario soffia sull’Europa
    (di Lupo Glori) La Germania vira a destra e boccia la politica di immigrazione di Angela Merkel che nell’ultimo anno ha visto arrivare nel paese tedesco oltre un milione di rifugiati. Domenica 13 marzo il partito di Frauke Petry, Alternative … Continua a leggere
  • Francia Un’epoca nuova si apre per la Francia, ma quale?
    (di Giulio Ginnetti) Non ci si può che rallegrare dei risultati delle elezioni francesi, che spostano decisamente a destra l’asse politico del Paese. Il Front National è riuscito ad ottenere il 28% di consensi su scala nazionale, con punte che … Continua a leggere
  • GreciaReferendum Il voto greco è il simbolo del fallimento europeo
    (di Lupo Glori) Dalla Grecia arriva un netto stop all’Europa. Il referendum greco, indetto dal premier Alexis Tsipras contro le politiche di austerità imposte dalla cosiddetta “Troika”, formata dal Fondo Monetario Internazionale (FMI), la Banca Centrale Europea (Bce) e la … Continua a leggere
  • Il trionfo di Tsipras e il fallimento dell'Unione Europea Il trionfo di Tsipras e il fallimento dell’Unione Europea
    (di Lupo Glori) Domenica 25 gennaio, le elezioni politiche greche hanno rispettato le previsioni, sancendo il trionfo di Alexis Tsipras, il leader di Syriza, partito della sinistra radicale anti-austerità che, con il 36% dei consensi, ha conquistato 149 seggi, soli … Continua a leggere
  • European flags fly in front of the Europ La macelleria sociale europea
    (di Danilo Quinto) Tra i compiti che il Trattato di Mastricht assegna agli organi istituzionali dell’Unione europea, vi è quello d’informare le opinioni pubbliche della situazione economica e sociale. Il compito viene svolto dalla Commissione europea, che stila un Rapporto … Continua a leggere