Dopo i gay, anche i trans potranno entrare nell’esercito USA

militare(di Alfredo De Matteo) Nel 2011 i vertici militari statunitensi tolsero lo storico e sacrosanto divieto che impediva agli omosessuali di prestare il servizio militare. Lo scorso giugno, durante una cerimonia al Pentagono per il mese del Gay Pride, il ministro della Difesa Carter dichiarò di voler arrivare ad un punto in cui nessuno deve prestare servizio in silenzio e dove tutti i soldati, marinai, avieri e Marine sono trattati con la dignità e il rispetto che meritano.

Lo stesso presidente Obama invitò alla Casa Bianca un aviere transgender, in occasione di un ricevimento per Lgbt Pride, il quale era a sua volta accompagnato da una fidanzata transgender caporale dell’esercito. Ovvio dunque che prima o poi anche l’ultimo paletto (forse è più prudente dire l’ennesimo…) cadesse sotto i colpi del politicamente corretto e della perversa logica della non discriminazione. Sembra infatti che sia solo questione di poche settimane e il provvedimento che spalanca le porte dell’esercito anche alle persone transgender verrà ufficializzato.

All’inizio riguarderà solamente i trans che già prestano servizio nelle Forze Armate poi inevitabilmente riguarderà anche chi invece intende arruolarsi. In questa prima fase lo scopo principale sembrerebbe quello di impedire che tali personaggi già in uniforme siano costretti ad abbandonare la carriera militare (Il Giornale, 14 luglio 2015).

Procede a tappe forzate il tentativo di giungere alla completa normalizzazione delle perversioni sessuali messo in atto dalle lobby anticristiane, che hanno abilmente sfruttato la dabbenaggine dei politici cattolici e degli uomini di Chiesa per innescare il processo di distruzione dell’ordine naturale facendo leva sul falso principio della non discriminazione, secondo cui sarebbe ingiusto (e contrario allo spirito cristiano) impedire ad alcune categorie di persone l’accesso a determinate mansioni od incarichi pubblici.

«Il medico pietoso fa la piaga purulenta», è un noto proverbio popolare con cui si sottolinea la necessità che il medico intervenga con fermezza e decisione nel curare il paziente, anche se la cura dovesse procurare al paziente stesso eventuali sofferenze. In gioco infatti c’è la vita dell’ammalato che altrimenti perirebbe o vedrebbe peggiorata la sua condizione. Lo stesso vale per la società umana nel suo complesso che ormai è giunta ad un punto tale di imputridimento morale che la sua stessa sopravvivenza risulta essere in serio pericolo. (Alfredo De Matteo)

Donazione Corrispondenza romana
  • 31400unilad-imageoptim-gettyimages-495113319-640x426 L’ultima follia: la “trans-abilità”
    (Lupo Glori) L’ultima confine dell’incessante moto rivoluzionario si chiama “trans-abilità“. La nostra è infatti una società in perenne transizione e divenire, il cui tratto principale sembra essere quello di voler abbattere ogni sorta di barriera etico-culturale, additata come un castrante limite di cui è necessario sbarazzarsi. L’uomo contemporaneo in preda ad … Continua a leggere
  • christine-boutin Si richiama alla Bibbia: pesanti sanzioni ad una deputata francese
    (di Mauro Faverzani) Incredibile! L’on. Christine Boutin, presidentessa del Partito Cristiano Democratico, già deputata dell’Assemblea Nazionale in Francia ed ex-ministro per l’Abitazione col governo Fillon I, è stata condannata ad una sanzione di 5 mila euro semplicemente per aver definito … Continua a leggere
  • Marco Giusta Il demone della non discriminazione fa le sue vittime
    (di Tommaso Scandroglio) Ed ecco che la legge sulle Unioni civili passa per essere discriminatoria. A dirlo non è un militante pro-family o un cattolico ultraconservatore, bensì un attivista delle rivendicazioni LGBT, l’assessore torinese alle Pari opportunità della giunta Appendino … Continua a leggere
  • unioni civili Come siamo arrivati a legalizzare le “unioni civili”
    (di Tommaso Scandroglio) Approvato il decreto ponte sulle Unioni civili dal Consiglio di Stato, a Castel San Pietro, piccolo comune nel bolognese, Elena e Deborah si sono unite civilmente nonostante manchino ancora i decreti definitivi. La prima coppia omosessuale che … Continua a leggere
  • Associazione-Radicale-Certi-Diritti La doverosa obiezione di coscienza alle Unioni civili
    (di Tommaso Scandroglio) L’Associazione radicale Certi diritti ha recentemente pubblicato un documento in cui afferma che non si può applicare l’istituto giuridico dell’obiezione di coscienza alle Unioni civili. La doverosa obiezione di coscienza alle Unioni civili was last modified: luglio … Continua a leggere
  • cortecassazione Via libera della Corte di Cassazione all’adozione omosessuale
    (di Tommaso Scandroglio) Il 22 giugno scorso la Corte di Cassazione con la sentenza n. 12962 ha permesso ad una donna omosessuale di adottare la figlia della convivente, figlia avuta tramite fecondazione eterologa. Via libera quindi alla stepchild adoption per coppie … Continua a leggere
  • image L’omosessualità è diventata un bene giuridico
    Prosegue l’analisi della legge sulle Unioni civili. Questo articolo viene pubblicato in contemporanea da Corrispondenza Romana, CulturaCattolica.it, il Timone on line, La Croce, La Nuova Bussola Quotidiana, Notizie Provita, Osservatorio Van Thuan. L’iniziativa è promossa dalla piattaforma A reti unificate (www.retiunificate.it), … Continua a leggere
  • Gordon Lake Un caso aberrante di “maternità surrogata” in Thailandia
    (di Tommaso Scandroglio) Gordon Lake e il compagno omosessuale Manuel Santos si “sposano” negli Usa. I due poi volano in Thailandia per avere un figlio tramite la maternità surrogata. Lake offre il proprio spermatozoo, una donna thailandese l’ovocita e la … Continua a leggere
  • alfano-renzi Il tradimento storico dei “cattolici”
    (di Roberto de Mattei) L’approvazione dello pseudo-matrimonio omosessuale, avvenuta al Senato il 25 febbraio 2016, con 173 sì, 71 no e 76 assenze è l’ultima tappa di un processo di dissoluzione della società italiana che parte dall’introduzione del divorzio (1970), … Continua a leggere
  • LGBT_PEOPLE Indonesia l’omosessualità è una malattia mentale
    (di Alfredo De Matteo) L’ordine degli psicologi indonesiani ha recentemente deciso di classificare l’omosessualità come una malattia mentale. Particolarmente significativa la spiegazione fornita dal presidente dell’ordine Suzy Yusna Dewi, il quale in un’intervista rilasciata al Jakarta Post ha dichiarato che … Continua a leggere