Dense nubi sovrastano Roma

Dense nubi sovrastano Roma(di Danilo Quinto) Non sono solo le minacce dello Stato Islamico di issare la sua bandiera sulla Basilica di San Pietro, a rendere difficile la vita nella capitale. Anzi, quelle minacce – com’è accaduto negli anni ’70 con il terrorismo – rischiano di “coprire” e di farne dimenticare altre, che non si consumano con le bombe e con i kalashnikov, ma sono altrettanto insidiose, perché anch’esse distruggono il vivere civile.

Mentre il Sindaco di Roma, Ignazio Marino, consumava una lunga vacanza di Capodanno, a Boston, negli Stati Uniti, si sono verificati tre fatti. Il primo, ha riguardato la corruzione nel settore delle costruzioni, che vede coinvolti funzionari del Comune, imprenditori edili e un funzionario dell’Asl Rm E: 6 arresti in carcere, 16 ai domiciliari e 6 misure di obbligo di firma disposte dal Gip.

L’indagine, condotta dalla Guardia di Finanza, sembra non avere legami diretti con quella denominata “Mafia Capitale” – «vera mafia», secondo i magistrati, perché si basa sulla «capacità di intimidazione ampiamente collaudata nei settori tradizionali delle estorsioni e dell’usura esportando gli stessi metodi, anzi raffinandoli, nei nuovi campi economico-imprenditoriale e della pubblica amministrazione, nei quali più che della violenza o della minaccia, si avvale del richiamo alla fama criminale acquisita» – ma di certo concorre a rendere sempre più chiari i termini del problema.

L’incapacità e l’inadeguatezza della politica di prevenire e contrastare i fenomeni delinquenziali che si annidano nella struttura burocratica di supporto e nel suo seno, la rende di fatto complice e connivente ‒ sul piano morale ‒ dei disegni criminali.

Il secondo fatto è inedito. Riguarda l’assemblea che si è svolta al Campidoglio, sotto le stanze vuote del Sindaco, di migliaia di vigili urbani, che hanno manifestato la loro «indignazione tracimante», hanno detto, rispetto alle dichiarazioni e ai provvedimenti presi relative alle “assenze” della sera di Capodanno ‒ «c’è stata una grande strumentalizzazione su numeri e cifre. È compito di chi ha ruoli istituzionali verificare le cifre», è stato sottolineato – e ai provvedimenti annunciati sulle “rotazioni” nel servizio. «Il corpo è fatto di 6.000 persone oneste – si è affermato ‒ che non hanno accettato il danno d’immagine arrecato dal sindaco e dal comandante a carico del Corpo. Siamo pronti a mettere in campo tutte le iniziative pubbliche per sbugiardare questo atteggiamento strumentale e l’assoluta incompetenza di chi guida Amministrazione e Corpo in questa fase». La richiesta formulata è quella delle dimissioni del Sindaco, che non garantirebbe «addirittura le scarpe e le divise».

C’è, invece, almeno una cosa che Marino ha garantito, in questi anni. Il suo interesse nei confronti dei matrimoni tra omosessuali. È però probabile, che al ritorno dalla sua vacanza, il Sindaco riceva una sorpresa. Sembra, infatti – la notizia è stata pubblicata dai giornali nei giorni scorsi – che la Procura di Roma lo abbia iscritto nel registro degli indagati per abuso d’ufficio e peculato in relazione a quanto accaduto lo scorso 18 ottobre in Campidoglio: la registrazione ufficiale in atti pubblici di sedici matrimoni tra omosessuali contratti all’estero.

«Il sindaco di Roma, in concorso con il personale impiegato nella giornata delle trascrizioni dei matrimoni omosessuali – si legge nella denuncia presentata dall’associazione “Italia Cristiana” – ha posto in essere atti giuridicamente e materialmente rimarchevoli mediante i quali beni pubblici e personale dipendente venivano destinati ad una finalità estranea alla pubblica amministrazione. Di fatto il Sindaco ha espropriato il patrimonio della pubblica amministrazione e ha leso il buon andamento della stessa». Che sia questa la “volta buona” per restituire a Roma una possibilità seria di Governo? (Danilo Quinto)

Donazione Corrispondenza romana
  • renzi La disfatta di un premier sedicente cattolico
    (di Mauro Faverzani) Le parole hanno un senso. E quelle del commiato di Renzi ne hanno uno chiarissimo: «Lasciamo la guida del Paese con un’Italia che ha finalmente una legge sulle unioni civili», ha detto. Spiegando anche come tale normativa, … Continua a leggere
  • Brexit Da Renzi alla Brexit: tra falso ordine e caos
    (di Emmanuele Barbieri) Nessuno dei sindaci eletti il 19 giugno nelle principali città italiane disapplicherà la famigerata legge Cirinnà che assicura veste legale allo pseudo-matrimonio omosessuale. Per i neo-sindaci, che condividano o no il provvedimento renziano, non esiste una legge … Continua a leggere
  • cartina-muta Le grandi manovre per “repubblicanizzare” l’Italia
    (di Cristina Siccardi)  Il 1° giugno di 70 anni fa, vigilia del referendum istituzionale, Pio XII si rivolse al Sacro Collegio e, attraverso la radio, agli elettori italiani e francesi (anche in Francia, infatti, si votava, per le elezioni politiche), … Continua a leggere
  • gay village Il gay village si trasforma in college per diffondere il gender
    (di Alfredo De Matteo) Prosegue senza soluzione di continuità l’opera demolitrice dell’ordine naturale da parte delle lobby gay, che lungi dall’accontentarsi dei risultati ottenuti a livello giuridico puntano dritto verso il loro principale obiettivo: giungere alla completa normalizzazione del comportamento … Continua a leggere
  • Eutanasia L’eutanasia in parlamento
    (di Tommaso Scandroglio) Tornano a soffiare venti di morte sul Parlamento. Infatti, incassate le Unioni civili, ora si dibatte di eutanasia nei palazzi del potere. Sono sette le proposte di legge sul tema – ed altre sono in fase di … Continua a leggere
  • alfano-renzi Il tradimento storico dei “cattolici”
    (di Roberto de Mattei) L’approvazione dello pseudo-matrimonio omosessuale, avvenuta al Senato il 25 febbraio 2016, con 173 sì, 71 no e 76 assenze è l’ultima tappa di un processo di dissoluzione della società italiana che parte dall’introduzione del divorzio (1970), … Continua a leggere
  • roma-isis La terza guerra mondiale
    (di Roberto de Mattei – pubblicato su Radici Cristiane – n.108 – ottobre 2015 ) Papa Francesco, tornando dal suo viaggio in Corea l’8 agosto dello scorso anno, ha affermato che «siamo già entrati nella Terza guerra mondiale, solo che si combatte … Continua a leggere
  • mezzogiorno Mezzogiorno tra retorica e immondizia
    (di Danilo Quinto) Roberto Saviano ha convocato per il 7 agosto la direzione del Partito Democratico, che avrà come tema il Mezzogiorno. Non sembri un paradosso. È bastato un editoriale dell’autore di Gomorra su Repubblica dell’altro giorno – «Caro premier … Continua a leggere
  • Principessa Maria Gabriella di Savoia Riportiamo in patria i Re d’Italia
    (di Cristina Siccardi) Dopo il recente attentato al Consolato italiano in Egitto, un accorato e composto appello è giunto dalla Principessa Maria Gabriella di Savoia, che ha inviato una lettera a Paolo Granzotto  de il Giornale, lettera che il 16 … Continua a leggere
  • Metropolitana C di Roma Metropolitana C di Roma: una grande opera inutile
    (di Danilo Quinto) Insieme al Ministro per le Infrastrutture, Graziano Del Rio, il Sindaco di Roma ha inaugurato il 29 giugno la seconda tratta della linea C della Metropolitana. «Sono molto orgoglioso di questo risultato», ha detto Ignazio Marino. «Se … Continua a leggere