Dal Canada la tragica storia di Della, bambina con tre genitori

Della Wolf Wiley Richards Kangro(di Lupo Glori) Da Vancouver, in Canada, arriva la storia di Della Wolf Wiley Richards Kangro la prima bambina, della provincia canadese della Columbia Britannica, registrata con tre genitori sul proprio certificato di nascita.

Il lungo cognome della bambina è infatti dato dalla somma dei tre cognomi dei suoi genitori. La piccola, che oggi ha cinque mesi, per l’anagrafe è figlia di una coppia lesbica Danielle Wiley e Anne Richards  e di un loro amico Shawn Kangro. Quest’ultimo, che è il padre biologico, ci tiene, tuttavia, a tranquillizzare tutti riguardo il clima di assoluta  normalità di questa singolare forma di famiglia affermando al principale network informativo canadese “Canadian Broadcasting Corporation” (CBC): «non c’è nulla di strano, ci sentiamo realmente come ogni altro tipo di famiglia. (…) Tutto ad un tratto, tutta la famiglia di Anna e tutta la famiglia di Danielle è diventata essenzialmente la mia famiglia. Stiamo unendo tre famiglie insieme attraverso Della e possibilmente altri figli».

La coppia lesbica per dar vita a questa nuova particolare famiglia ed esaudire il proprio desiderio di avere un figlio ha usufruito di una nuova legge, il “Family Law Act”, in vigore, nella provincia della Columbia, dallo scorso marzo 2013, che consente di avere 3 o più genitori sul certificato di nascita. Tale atto  mira a chiarire chi è il genitore e chi non lo è, nella gran confusione di ruoli che si è venuta a creare in seguito alle sempre più numerose coppie che, negli ultimi tempi, sono ricorse alla riproduzione assistita. In base al “Family Law Act”, infatti, se i genitori firmano un accordo scritto prima del concepimento, ai donatori è permesso di essere riconosciuti ufficialmente come genitori supplementari.

Ciò è quello che hanno fatto Danielle Wiley e sua “moglie”, Anne Richards. La vicenda ha avuto inizio quando le due si sono trovate di fronte allo scoglio naturale di qualsiasi coppia omosessuale: come rimanere incinta. Danielle e Anne non volevano però un semplice donatore: «entrambi, fin dall’inizio, abbiamo voluto avere un padre che fosse in realtà anche un partecipante» – racconta Wiley. La coppia lesbica per realizzare il proprio sogno ha pensato, dunque, non ad un ignoto donatore, ma a qualcuno che potesse essere coinvolto direttamente nell’educazione dei loro futuri figli svolgendo il ruolo di padre. In tale prospettiva, Wiley spiega a “CBC”: «conosco un sacco di altre coppie lesbiche che non vogliono questo. Vogliono un donatore anonimo. Ma a noi piaceva l’idea di qualcuno che potesse essere effettivamente coinvolto, e che potesse essere una figura paterna per i nostri figli». A questo punto, chiarisce sempre Wiley, la scelta è ricaduta su Kangro, un vecchio e carissimo amico di Richards.

L’inaspettata nomina a padre dei loro figli ha lasciato inizialmente di sorpresa Kangro che dopo averci pensato su ha accettato l’inusuale e delicato incarico: «Quando ricevetti la proposta di Anna e Danielle, ho subito pensato che avrei detto si, anche se, prima di dare una risposta definitiva, ho dovuto fare un sacco di riflessioni». Prima di concepire Della, i tre, attenendosi alle indicazioni del “Family Law Act”, hanno sottoscritto un vero e proprio contratto, nel quale sono state stabilite le modalità di funzionamento del loro inconsueto nuovo nucleo famigliare. In base agli accordi, dunque, a Wiley e Richards spetterà la custodia di Della, così come la responsabilità finanziaria  mentre Kangro sarà il tutore, con i cosiddetti “diritti di accesso” alla bambina. L’avvocato Barbara Findlay, che ha assistito legalmente il trio durante l’iter di riconoscimento genitoriale, ha sottolineato schiettamente la portata rivoluzionaria del “Family Law Act” dichiarando entusiasta: «Il vero grande cambiamento introdotto dal “Family Law Act” in termini di genitorialità, è la modalità con la quale si decide chi è il genitore. In passato, abbiamo guardato alla biologia e alle connessioni genetiche. E questo, oggi, non è più vero. Ora noi guardiamo alle volontà delle parti che contribuiscono alla creazione del bambino, e intendono crescere il bambino. E questo è davvero un grande e reale cambiamento».

La legge naturale viene, dunque, sostituita dalla legge dell’uomo che pretende dettare i tempi e i modi del suo vivere. Nelle epoche di decadenza la società umana ha conosciuto la poligamia, che è il matrimonio di un uomo con più donne e l’uso ancora peggiore della poliandria che è l’unione di una donna con più uomini. In questo caso si va oltre perché ci si trova di fronte ad una pseudo-famiglia costituita sulla negazione del fine primario del matrimonio, che è l’unione tra un uomo e una donna per procreare dei figli ed educarli.

Il pensiero espresso dalla Findlay esprime una scelta egoistica e violenta che fa del bambino una incolpevole vittima delle sciagurate scelte dei propri genitori. L’arbitraria ed illegittima pretesa della coppia lesbica ad avere un figlio viola le leggi biologiche e morali della natura e calpesta l’elementare e sacrosanto diritto della piccola Della a crescere ed essere educata all’interno di una famiglia normale composta da una mamma e un papà.

Mentre in Italia discutiamo di genitore 1 e genitore 2 la storia di Della, figlia di tre genitori, rappresenta un forte e chiaro campanello d’allarme riguardo le logiche e reali conseguenze future di un’ideologia che, svincolata da qualsiasi riferimento morale, pretende costruire una realtà fittizia a misura dei propri desideri. Una società capovolta dove la normalità è un concetto fluido che muta in base a ciò che le volontà delle parti, di volta in volta, reciprocamente stabiliranno. (Lupo Glori)

Donazione Corrispondenza romana