Conferenza di Tommaso Scandroglio e Virginia Coda Nunziante

IMG_1648

(di Alessandro Bassetta) Martedì 15 marzo, l’Associazione Famiglia Domani ha promosso a Roma, l’incontro Dal Family Day alla Marcia per la Vita, durante il quale sono intervenuti il prof. Tommaso Scandroglio, docente di Etica e Bioetica alla Università Europea di Roma, e la dott.ssa Virginia Coda Nunziante, portavoce della Marcia per la Vita.

Scandroglio, allievo e amico di Mario Palmaro (che, come ricordato, «da lassù ci segue e assiste»), ha illustrato le numerose strategie mirate a legittimare aberrazioni quali aborto, eutanasia, unioni omosessuali, divorzio, fecondazioni artificiali. Si tratta delle ben note tattiche «dell’effetto domino, della crepa nella diga, o del piano inclinato»: partire da richieste minime per arrivare gradualmente al pieno riconoscimento giuridico. Dietro i proclami (urlati) dei sostenitori di tali pratiche «non c’è che povertà di pensiero». Non hanno infatti alcun senso motti come «L’utero è mio, me lo gestisco io» o «Se lo fanno tutti, va legalizzato», così come sono falsi e statisticamente confutabili concetti quali: «La morale cambia» e «Meglio divorziare che far soffrire i figli».

Un’astuzia propagandistica è quella di «usare il volto noto», reclutando alla propria causa chi magari non ha alcuna autorevolezza in materia (emblematiche a tal proposito le deprecabili iniziative che hanno visto in prima linea l’oncologo Veronesi). Un altro strumento è l’esterofilia, far vedere che il vicino è migliore perché più avanti in tema di “civiltà”. Ma se il vicino è più “progredito” perché uccide e calpesta ogni legge morale, va forse preso a esempio? «Mai si può legittimare il male».

Si pilotano i sondaggi di opinione, alterandone le cifre (una vera a propria menzogna: «tu la spari, poi costa fatica andare a vedere…»), oppure, come nel caso Welby, sfruttando le emozioni e utilizzando «il sensazionalismo per catturare consensi»: dopo una testimonianza drammatica è più facile accusare di crudeltà ed esporre a gogne mediatiche chi continua a difendere la vita. Allo stesso tempo, però, bisogna «impedire agli “altri” di far vedere le cose. Se fai vedere un aborto, sei un terrorista!»  Se infine si arriva addirittura a cambiare il nome alle cose, muterà giocoforza anche la percezione che la gente ha di queste. Così “bambino” deve diventare “embrione”, “organismo pluricellulare”; “libertà di pensiero” va sostituita con “omofobia”, e così via.

Ha poi preso la parola la dott.ssa Coda Nunziante, che ha messo in evidenza come l’obiettivo di questa guerra sia quello di «stravolgere l’opera di Dio, la Creazione». È necessario quindi, come invitava Benedetto XVI, che in Italia e in Europa i cattolici si riapproprino della piazza pubblica, sull’esempio degli Stati Uniti e di altri paesi, dove, dopo decenni di sensibilizzazione, le coscienze si sono finalmente risvegliate.

Con questo spirito, domenica 8 maggio il Popolo della Vita scenderà in strada a Roma per la 6° Marcia Nazionale; per «infondere coraggio a chi pensa non ci sia più nulla da fare», per «dare voce a chi non l’ha mai avuta perché non ha ricevuto il dono della vita»: quei 5.700.000 bambini mai nati dall’approvazione della 194 (1978) ad oggi e per «farsi sentire, nonostante tutti i tentativi di ridurci al silenzio». Perché, come nel passo biblico di Gedeone, il popolo di Dio, sebbene posto in minoranza, otterrà per merito Suo la vittoria finale. (Alessandro Bassetta)

Donazione Corrispondenza romana