Comunicato di Riscossa Cristiana sulle dichiarazioni di Magdi Cristiano Allam

magdi-papa_Sul Giornale di oggi, lunedì 25 marzo 2013, Magdi Cristiano Allam ha pubblicato un articolo dal titolo “Perché me ne vado da questa Chiesa debole con l’Islam”. L’articolo è pubblicato anche sul sito di Io Amo l’Italia, sub http://ioamolitalia.it/editoriale/perche-me-ne-vado-da-questa-chiesa-debole-con-l-islam.html .

Poiché Riscossa Cristiana ha appoggiato la proposta politica del Movimento “Io amo l’Italia”, fondato e presieduto da Magdi Cristiano Allam, ci sentiamo in dovere di fare queste precisazioni:

– La scelta di appoggiare “Io amo l’Italia” è stata una scelta ragionata e che non rinneghiamo, basata sull’unico programma che valutavamo conforme alla cultura e alla morale cattolica e in grado di dare una risposta ai problemi che travagliano l’Italia.

– In tal senso non possiamo che ribadire la nostra stima a Magdi Cristiano Allam, che ha mostrato coraggio e vero anticonformismo, in un momento storico in cui tutto cospira contro i valori che il suo Movimento intendeva affermare.

–  Non possiamo  però seguire più Magdi Cristiano Allam su una strada di apostasia, argomentata (se pur esistessero affermazioni che potessero giustificare l’apostasia) con affermazioni non condivisibili. La salvezza per l’uomo, e quindi anche per la Società, è solo nella Chiesa Cattolica, che è Santa e sulla quale sappiamo, per parola di Nostro Signore, che le porte dell’inferno non prevarranno. La Santa Chiesa Cattolica è formata di uomini, peccatori dalla loro origine, e l’opera dello Spirito Santo salva sempre la Chiesa che custodisce la Vera Fede, per quanto indegni possano essere tanti suoi membri.

– Restiamo vicini con affetto sincero a Magdi Cristiano Allam, e per lui preghiamo, perché il Signore lo aiuti a ritrovare la strada e la chiarezza.

– Quanto accaduto ci conferma che un’azione politica che possa realmente servire per il bene della Società non si improvvisa, e può solo ripartire da solide basi culturali e morali. La ricostruzione di queste basi, che nascono dal grande patrimonio della Tradizione, è il primo e urgente compito che ci attende. (Paolo Deotto  –  Piero Vassallo)

Donazione Corrispondenza romana