Come il Grande Oriente si appropria di Papa Francesco

meeting di Rimini(di Danilo Quinto) «Uscire dalle catacombe e ridare dignità all’uomo’, l’invito di Papa Francesco e del Meeting di Rimini. Temi e percorsi che il Grande Oriente ha anticipato e diffuso in Italia». Questo è il titolo di una dichiarazione che la Massoneria di Palazzo Giustiniani diffonde sul suo sito. «Può apparire pretenzioso – si afferma ‒ in realtà è cronaca e sentire diffuso. Prima Papa Francesco ha invitato Cristiani e religiosi ad “uscire dalla catacombe”, invitando a scoprire la Chiesa-parola più che la Chiesa-struttura, poi Emilia Guarnieri, presidente della Fondazione Meeting per l’amicizia fra i popoli, in un’intervista ha assicurato che da Rimini, per l’assise che ha come titolo L’emergenza uomo, verrà un “messaggio preciso: Ridiamo dignità all’uomo”. “Bello notare – conclude la dichiarazione come questi temi siano propri del Grande Oriente d’Italia e costituiscano il messaggio specifico del Gran Maestro, Gustavo Raffi, che invita a ritrovare la bussola dei valori per ritrovare l’uomo e il cittadino».

Il Grande Oriente è la massoneria italiana maggioritaria, di tradizione risorgimentale e laicista, su cui il padre Paolo Siano FI ha recentemente fatto luce col suo libro Un manuale per conoscere la massoneria (ed. Casa Mariana, Frigento 2012, pp. 630, ϵ 20,00). Non vogliamo fare propaganda alla Massoneria. Non ne ha alcun bisogno. Considerato quanto e come permea la società. Non tanto di idee – da avversare, in base a quanto insegna il Magistero – ma di relazioni, di trame e di appartenenze.

In una parola, di oscurità, nonostante la trasparenza che declama e di cui si vanta. Né vogliamo impedire alla Massoneria di inneggiare e di decantare Papa Francesco. È facile amarlo! Lo fa continuamente Marco Pannella, perché non dovrebbe farlo il Gran Maestro Raffi, che all’indomani dell’elezione del nuovo Pontefice, diceva: «La semplice croce che ha indossato sulla veste bianca, lascia sperare che una Chiesa del popolo ritrovi la capacità di dialogare con tutti gli uomini di buona volontà e con la Massoneria che, come insegna l’esperienza dell’America Latina, lavora per il bene e il progresso dell’umanità, avendo come riferimenti Bolivar, Allende e José Martí, solo per citarne alcuni».

Ci limitiamo a sottolineare alcune questioni. La prima riguarda «la centralità dell’uomo», di cui parla Comunione e Liberazione – che non a caso ha deciso di far presentare l’edizione del Meeting di Rimini a Emma Bonino, tra le più ferree esponenti di quell’ideologia che pone il desiderio materiale al centro della vita dell’uomo ‒ e che viene esaltata dal Grande Oriente. Per chi ha fede in Dio, la “centralità” è un’altra: è quella di Cristo nella vita dell’uomo. Non è quella dell’uomo, né quella dei suoi progetti e dei suoi desideri terreni, ammantati di libertà. Solo attraverso Cristo, l’uomo diventa libero e trova la sua ragione di stare nel mondo e, insieme, di non appartenere al mondo, nella certezza della Resurrezione.

Il Gran Maestro intende contrapporre la “Chiesa-parola” alla “Chiesa-struttura” e utilizza, a questo fine, la Croce di ferro utilizzata da Papa Francesco. Non ci scandalizziamo. Essa rappresenta solo una scelta, che in quanto tale non intacca minimamente due millenni di storia della Chiesa – di Dio e non “del popolo” ‒ fondata da Cristo e fatta di splendori e bellezza, oltre che di simonie e di peccati. Il punto è un altro. Se quella Croce di ferro tanto piace, tanto la si ama, c’è da chiedersi perché il Gran Maestro e i massoni del Grande Oriente – e non solo loro – non agiscano, ora, per convertirsi. Escano dai loro interessi mondani e di consorteria e ci aiutino ad edificare sin da ora il Paradiso. Sia la mitezza dei cuori la loro meta. Il servizio all’altro, al più piccolo, il loro obiettivo. Che Cristo è Via, Verità e Vita, il loro proclama. Allora, sì che ameranno il Papa e gli Angeli in Cielo faranno festa! (Danilo Quinto)

Donazione Corrispondenza romana
  • Quando la correzione pubblica è urgente e necessaria
    (di Roberto de Mattei) Si può correggere pubblicamente un Papa per il suo comportamento riprovevole? Oppure l’atteggiamento di un fedele deve essere quello di un’obbedienza incondizionata, fino al punto di giustificare qualsiasi parola o gesto del Pontefice, anche se apertamente … Continua a leggere
  • I “trenta denari” dati a Canterbury
    (di Mauro Faverzani) Dal 597 al 1558, quando morì il card. Pole, Canterbury è sempre stata un punto di riferimento per la Chiesa Cattolica. Fu la prima sede episcopale e poi divenne sede primaziale d’Inghilterra. Dal 1558 in poi, invece, … Continua a leggere
  • Il barone Yves Marsaudon: un massone nell’Ordine di Malta
    (di P. Paolo M. Siano FI) In data 2 febbraio 2017 il giornalista Riccardo Cascioli riassume così, con parole sue, il contenuto di una lettera di Papa Francesco inviata il 1° dicembre scorso al Card. Raymond Burke, Patrono del Sovrano … Continua a leggere
  • L’“effetto Francesco”
    (di Fabio Cancelli) Si era agli inizi del Pontificato del Papa latino-americano e sociologi, psicologi e operatori pastorali vari si affaccendavano a spiegare, statistiche alla mano, quello che si impose come «effetto Francesco». Cioè, si tentava di dimostrare che non … Continua a leggere
  • Il ricatto dell’obbedienza
    (di Cristiana de Magistris) In tempi più felici di quelli in cui viviamo, si soleva dire che Roma locuta est, causa finita est, Roma ha parlato, dunque la causa è conclusa. Da un cinquantennio a questa parte, questo lemma, degno … Continua a leggere
  • Antonio Socci e la “giusta battaglia”
    (di Roberto de Mattei) Un recente post di Antonio Socci ha suscitato interrogativi e polemiche fra i suoi lettori. Riporto i passi centrali del suo testo: “Sono rimasto sinceramente colpito e amareggiato dalla durezza delle polemiche che negli ultimi giorni … Continua a leggere
  • Nulla poena sine culpa (il caso Manelli)
    (di Giovanni Turco) Un classico brocardo esprime uno dei principi elementari di giustizia: nessuna pena senza colpa. La pena presuppone la colpa. E quella è giusta solo se è proporzionata a questa. Si tratta di un criterio basilare della sapienza … Continua a leggere
  • La Milizia dell’Immacolata compie cent’anni
    (di Cristina Siccardi) Quando santa Bernadette Soubirous, il 25 marzo 1858, giorno della sedicesima apparizione, chiese alla Madonna il suo nome, così come le aveva richiesto il parroco di Lourdes, don Peyramale, Maria Santissima rispose in vernacolo occitano: «Quesoy era … Continua a leggere
  • Un Papa violento?
    (di Roberto de Mattei) Contro l’evidenza c’è poco da argomentare. La mano tesa di papa Bergoglio nei confronti della Fraternità San Pio X è la stessa che si abbatte in questi giorni sull’Ordine di Malta e sui Francescani dell’Immacolata. Un … Continua a leggere
  • Santi Francesco di Sales e Giovanni Bosco orate pro Ecclesia
    (di Cristina Siccardi) «Ricco di misericordia, Iddio non mancò mai alla sua Chiesa che milita in questo mondo (…). Mentre nel secolo XVI visitava con la verga del suo furore le genti cristiane, e permetteva che molte province dell’Europa fossero … Continua a leggere