Clemente X e il Giubileo nella Roma barocca

(di Lorenzo Benetti) Emilio Altieri nacque nel 1590 a Roma, in una nobile famiglia che sovente aveva prestato i propri servigi al Papato ed aveva dato alla Chiesa numerosi chierici, letterati e condottieri. Avviato agli studi canonici e giuridici presso La Sapienza, intraprese la carriera di avvocato e dal 1623 lavorò presso la nunziatura in Polonia. Ordinato sacerdote, fu nominato vescovo di Camerino, governatore dell’Umbria e nunzio apostolico nel Regno di Napoli.

Nel 1667 Clemente IX lo designò suo maestro di camera, incarico di grande prestigio a coronamento di una vita spesa al servizio della Chiesa: il Papa lo considerò suo uomo di fiducia e furono anni di stretta collaborazione tantoché, pochi giorni prima di morire, lo fece cardinale. Emilio Altieri aveva 79 anni e il papa, nel conferirgli la berretta rossa, gli profetizzò: «Sarai il nostro successore»; e, in effetti, fu eletto Sommo Pontefice nel successivo conclave. Con veemenza rifiutò la nomina, conscio della propria salute precaria e dell’onere dell’incarico, e dovette esser trascinato a forza dalle sue stanze per essere incoronato: in lacrime, accettò la volontà dello Spirito Santo e in memoria del suo benefattore assunse il nome di Clemente X.

Si circondò di collaboratori esperti che potessero sostenerlo nel governo dello Stato Pontificio, migliorò le condizioni di vita dei suoi sudditi e abbellì l’Urbe. «Adoperava con parsimonia i denari della Chiesa, di cui diceva di non essere padrone, ma amministratore», scrive l’ambasciatore veneziano: ciò nonostante, non riuscì a contrastare la corruzione e gli abusi dei suoi ministri, di cui spesso era ignaro. Sul fronte politico e religioso, il Papa condannò le ingerenze del Re Sole nel governo degli episcopati e le tendenze all’autonomia della Chiesa francese e si occupò della difesa dell’Europa dai Turchi: nel 1672 il sultano Maometto IV aveva invaso i Balcani, e il Pontefice finanziò Giovanni III di Polonia che ne fermò l’avanzata in Occidente.

«Gioite, o popoli, ed esultate, o genti, perché con l’autorità della parola apostolica annunziamo a tutti i cristiani una grande gioia: (…) si avvicina, infatti, l’anno del Giubileo, anno santo di remissione, di grazia e di perdono»: nonostante la salute malferma, Clemente X non rinunciò alla celebrazione del XV Giubileo, che indisse nel 1674 con la bolla Ad apostolicae vocis oraculum. Dal 1475, il Giubileo aveva assunto cadenza venticinquennale, e così è rimasto fino ad oggi: il giorno dell’Ascensione fu annunciato al mondo cattolico l’Anno di penitenza e remissione dei peccati. Per evitare speculazioni, fu vietato di alzare i prezzi di merci e alloggi, e Roma fu ripulita e abbellita: il grande scultore Bernini offrì ai visitatori uno dei suoi ultimi doni artistici, il Tabernacolo del Ss. Sacramento in San Pietro, e furono approntate camere con letti e coperte di lana per tutti i pellegrini.

Il 24 dicembre, il Papa aprì la Porta Santa – introdotta per la prima volta nel Giubileo del 1500 – dando l’avvio a fastose celebrazioni che coniugarono l’aspetto devozionale e liturgico a quello spettacolarmente barocco. Le splendide cerimonie furono organizzate magistralmente, le solenni processioni si susseguirono quotidianamente, animate da fiaccolate, cortei di popolo e cavalieri e macchine celebrative: queste erano apparecchiature teatrali meccanizzate che raffiguravano scene evangeliche, capaci di produrre suoni ed effetti speciali, in uno sfoggio destinato a stupire e incantare lo spettatore: una magnificenza volta a celebrare la gloria del Signore e sorprendere i fedeli.

A rinfocolare il fervore religioso furono chiamati numerosi predicatori, e si registrò l’afflusso di quasi un milione di pellegrini: tra questi, molti aristocratici e una regina, Cristina di Svezia. La sovrana protestante infatti aveva abdicato e si era convertita al cattolicesimo, trasferendosi a Roma: visse intensamente il Giubileo, e durante la Settimana Santa lavò i piedi a 12 pellegrine lasciando grandi offerte in abiti e denaro.

Le Confraternite ospitarono oltre mille romei al giorno, provenienti da ogni angolo del mondo, prova tangibile di come Roma fosse veramente cattolica, universale: le conversioni furono innumerevoli e le piazze non riuscivano a contenere i fedeli. Clemente X, malfermo, partecipò raramente alle cerimonie liturgiche che caratterizzarono quelle giornate di preghiera ed espiazione, ma la sua carità si fece sentire: il Venerdì Santo, ad esempio, offrì la cena a ben 13.000 pellegrini, e non vi fu giorno che non domandasse se vi era povero o peccatore che avesse bisogno di aiuto. (Lorenzo Benetti)

Donazione Corrispondenza romana
  • Quando la correzione pubblica è urgente e necessaria
    (di Roberto de Mattei) Si può correggere pubblicamente un Papa per il suo comportamento riprovevole? Oppure l’atteggiamento di un fedele deve essere quello di un’obbedienza incondizionata, fino al punto di giustificare qualsiasi parola o gesto del Pontefice, anche se apertamente … Continua a leggere
  • Il barone Yves Marsaudon: un massone nell’Ordine di Malta
    (di P. Paolo M. Siano FI) In data 2 febbraio 2017 il giornalista Riccardo Cascioli riassume così, con parole sue, il contenuto di una lettera di Papa Francesco inviata il 1° dicembre scorso al Card. Raymond Burke, Patrono del Sovrano … Continua a leggere
  • L’“effetto Francesco”
    (di Fabio Cancelli) Si era agli inizi del Pontificato del Papa latino-americano e sociologi, psicologi e operatori pastorali vari si affaccendavano a spiegare, statistiche alla mano, quello che si impose come «effetto Francesco». Cioè, si tentava di dimostrare che non … Continua a leggere
  • Il ricatto dell’obbedienza
    (di Cristiana de Magistris) In tempi più felici di quelli in cui viviamo, si soleva dire che Roma locuta est, causa finita est, Roma ha parlato, dunque la causa è conclusa. Da un cinquantennio a questa parte, questo lemma, degno … Continua a leggere
  • Nulla poena sine culpa (il caso Manelli)
    (di Giovanni Turco) Un classico brocardo esprime uno dei principi elementari di giustizia: nessuna pena senza colpa. La pena presuppone la colpa. E quella è giusta solo se è proporzionata a questa. Si tratta di un criterio basilare della sapienza … Continua a leggere
  • La Milizia dell’Immacolata compie cent’anni
    (di Cristina Siccardi) Quando santa Bernadette Soubirous, il 25 marzo 1858, giorno della sedicesima apparizione, chiese alla Madonna il suo nome, così come le aveva richiesto il parroco di Lourdes, don Peyramale, Maria Santissima rispose in vernacolo occitano: «Quesoy era … Continua a leggere
  • Un Papa violento?
    (di Roberto de Mattei) Contro l’evidenza c’è poco da argomentare. La mano tesa di papa Bergoglio nei confronti della Fraternità San Pio X è la stessa che si abbatte in questi giorni sull’Ordine di Malta e sui Francescani dell’Immacolata. Un … Continua a leggere
  • Santi Francesco di Sales e Giovanni Bosco orate pro Ecclesia
    (di Cristina Siccardi) «Ricco di misericordia, Iddio non mancò mai alla sua Chiesa che milita in questo mondo (…). Mentre nel secolo XVI visitava con la verga del suo furore le genti cristiane, e permetteva che molte province dell’Europa fossero … Continua a leggere
  • Un vescovo modello: san Francesco di Sales
    (di Cristina Siccardi) Al grottesco funerale del novantenne monsignor Jaume Camprodon i Rovira, Vescovo di Girona (nei pressi di Barcellona) dal 1973 al 2001, non c’era il suo corpo nella bara e la cripta, predisposta nella cattedrale per accogliere le … Continua a leggere
  • Appello di tre Vescovi cattolici a Papa Francesco in difesa del matrimonio
    Il 18 gennaio, giorno della antica festa della Cattedra di san Pietro, Tomash Peta, Arcivescovo Metropolita dell’arcidiocesi di Maria Santissima in Astana; Jan Pawel Lenga, Arcivescovo-Vescovo emerito di Karaganda e Athanasius Schneider, Vescovo ausiliare dell’arcidiocesi di Maria Santissima in Astana … Continua a leggere