Battiamoci senza paura

cattolici in alto i cuori(di Cristina Siccardi) Il sottotitolo dell’ultimo libro di Paolo Pasqualucci, Battiamoci senza paura per la rinascita della Chiesa (Cattolici, in alto i cuori!, Fede & Cultura, pp. 215, € 16.00), andrebbe scritto a caratteri di fuoco nel cuore di ogni credente. La rivoluzione in seno alla Chiesa, avvenuta con e dopo il Concilio Vaticano II, ha compiuto demolizioni consistenti: il catechismo non garantisce più la conoscenza della dottrina; la liturgia è diventata un prodotto creativo; i dogmi non sono più il fondamento del Credo; i problemi socio-economici sono spesso la preoccupazione maggiore dei pastori.

Questo saggio è nato come riflessione al libro di Alessandro Gnocchi e Mario Palmaro, uscito nel 2011: La Bella Addormentata. Perché dopo il Vaticano II la Chiesa è entrata in crisi. Perché si risveglierà (Vallecchi). Scrive il professore emerito di Filosofia del diritto dell’Università di Perugia: «Il Concilio, si sa, è stato presentato da molti dei suoi protagonisti e settatori quale “nuova Pentecoste” che ha rinnovato la Chiesa dalle fondamenta. E difatti, per la gente comune “ci sono due Chiese”. Una prima del Concilio e un’altra dopo il Concilio» (p.31). «Questo è ormai “luogo comune e convinzione diffusissima”. Il Concilio è stato una “svolta epocale”» (ivi). «Che questo modo di sentire della gente rifletta istintivamente l’immagine che la Chiesa attuale dà di sé, mi sembra evidente. Si presenta forse allo stesso modo della Chiesa cattolica di una volta, come appariva sino al tempo di Pio XII? È cambiato tutto: l’abito, il modo di pensare, di esprimersi, di pregare, di celebrare la Messa, i Sacramenti, gli Esorcismi. Il latino è scomparso, Il modo di essere della Chiesa si è, appunto, “secolarizzato”: i chierici e le suore si sono mimetizzati nel Secolo, che sembra averli inghiottiti» (pp. 9-10).

Il predominio delle Conferenze episcopali ha condotto alla mortificazione pastorale ed individuale di ciascun vescovo, portando talvolta lo stesso Pontefice a seguire le “tendenze” delle Conferenze episcopali. I vescovi  diventano «membri del collegio» degli episcopi già con la consacrazione, «che in passato conferiva individualmente solo la potestà d’ordine, che è quella sacerdotale, di celebrare la Messa e amministrare i Sacramenti. Non necessitano più della cosiddetta missio canonica da parte del Papa, di quell’atto specifico che conferiva loro, sempre individualmente, la potestà di giurisdizione sulla diocesi della quale erano Ordinari. (…) Se l’esercizio di tale potestà è condizionato dalla “comunione gerarchica col capo e le membra del collegio” (vedi l’art. 24.2 della Lumen Gentium), resta il fatto che essa è ora attribuita al vescovo già dalla consacrazione e sembra valere per tutta la Chiesa» (p. 21).

Pasqualucci riprende gli assunti del libro di Gnocchi-Palmaro e li pone sotto i raggi x della dottrina immortale della Chiesa individuando debolezze, deviazioni, errori nati nel Concilio. Allo stesso tempo traccia la via per esortare il cattolico a ritrovare quella virtù che è il sole delle altre, la Carità, quella che permette di testimoniare con coraggio la propria Fede di fronte al mondo e nella stessa Chiesa a cui orgogliosamente si appartiene.

In definitiva, Pasqualucci sollecita i cattolici a non avere più paura dei figli del Secolo e a guardare alla testimonianza dei santi: «La santità si attua (…) nella battaglia che dobbiamo combattere contro noi stessi per resistere alle tentazioni, non peccare, vivere per l’appunto secondo ciò che Dio vuole da noi, con l’aiuto indispensabile della Chiesa, dei Sacramenti. E di uno slancio rinnovato verso la santità, di questo slancio generoso verso Nostro Signore non abbiamo a maggior ragione bisogno oggi, dovendoci temprare per la lotta contro le false dottrine diffusesi da troppo tempo nella Cattolicità?» (p. 201). (Cristina Siccardi)

Donazione Corrispondenza romana
  • Quando la correzione pubblica è urgente e necessaria
    (di Roberto de Mattei) Si può correggere pubblicamente un Papa per il suo comportamento riprovevole? Oppure l’atteggiamento di un fedele deve essere quello di un’obbedienza incondizionata, fino al punto di giustificare qualsiasi parola o gesto del Pontefice, anche se apertamente … Continua a leggere
  • Il barone Yves Marsaudon: un massone nell’Ordine di Malta
    (di P. Paolo M. Siano FI) In data 2 febbraio 2017 il giornalista Riccardo Cascioli riassume così, con parole sue, il contenuto di una lettera di Papa Francesco inviata il 1° dicembre scorso al Card. Raymond Burke, Patrono del Sovrano … Continua a leggere
  • L’“effetto Francesco”
    (di Fabio Cancelli) Si era agli inizi del Pontificato del Papa latino-americano e sociologi, psicologi e operatori pastorali vari si affaccendavano a spiegare, statistiche alla mano, quello che si impose come «effetto Francesco». Cioè, si tentava di dimostrare che non … Continua a leggere
  • Il ricatto dell’obbedienza
    (di Cristiana de Magistris) In tempi più felici di quelli in cui viviamo, si soleva dire che Roma locuta est, causa finita est, Roma ha parlato, dunque la causa è conclusa. Da un cinquantennio a questa parte, questo lemma, degno … Continua a leggere
  • Nulla poena sine culpa (il caso Manelli)
    (di Giovanni Turco) Un classico brocardo esprime uno dei principi elementari di giustizia: nessuna pena senza colpa. La pena presuppone la colpa. E quella è giusta solo se è proporzionata a questa. Si tratta di un criterio basilare della sapienza … Continua a leggere
  • La Milizia dell’Immacolata compie cent’anni
    (di Cristina Siccardi) Quando santa Bernadette Soubirous, il 25 marzo 1858, giorno della sedicesima apparizione, chiese alla Madonna il suo nome, così come le aveva richiesto il parroco di Lourdes, don Peyramale, Maria Santissima rispose in vernacolo occitano: «Quesoy era … Continua a leggere
  • Un Papa violento?
    (di Roberto de Mattei) Contro l’evidenza c’è poco da argomentare. La mano tesa di papa Bergoglio nei confronti della Fraternità San Pio X è la stessa che si abbatte in questi giorni sull’Ordine di Malta e sui Francescani dell’Immacolata. Un … Continua a leggere
  • Santi Francesco di Sales e Giovanni Bosco orate pro Ecclesia
    (di Cristina Siccardi) «Ricco di misericordia, Iddio non mancò mai alla sua Chiesa che milita in questo mondo (…). Mentre nel secolo XVI visitava con la verga del suo furore le genti cristiane, e permetteva che molte province dell’Europa fossero … Continua a leggere
  • Un vescovo modello: san Francesco di Sales
    (di Cristina Siccardi) Al grottesco funerale del novantenne monsignor Jaume Camprodon i Rovira, Vescovo di Girona (nei pressi di Barcellona) dal 1973 al 2001, non c’era il suo corpo nella bara e la cripta, predisposta nella cattedrale per accogliere le … Continua a leggere
  • Appello di tre Vescovi cattolici a Papa Francesco in difesa del matrimonio
    Il 18 gennaio, giorno della antica festa della Cattedra di san Pietro, Tomash Peta, Arcivescovo Metropolita dell’arcidiocesi di Maria Santissima in Astana; Jan Pawel Lenga, Arcivescovo-Vescovo emerito di Karaganda e Athanasius Schneider, Vescovo ausiliare dell’arcidiocesi di Maria Santissima in Astana … Continua a leggere