Apertura all’aborto del Katholikentag tedesco?

Katholikentag di Ratisbona

(di Tommaso Scandroglio) Come è noto Donum vitae è il nome dell’Istruzione della Congregazione per la Dottrina della Fede redatta nel 1987 che come sottotitolo riporta la seguente enunciazione di principio: «Il rispetto della vita umana nascente e la dignità della procreazione».

In Germania alcuni membri del Zentralkomitee deutscher Katholiken (Comitato centrale dei cattolici tedeschi) fondarono nel 1999 un’associazione omonima il cui fine era quello di impegnarsi «per la tutela della vita umana, vale a dire proteggere la vita dei bambini non nati». L’associazione Donum vitae ha circa duecento centri sparsi su tutto il territorio nazionale e fornisce anche consulenza on line. Mediamente all’anno ha la possibilità di incontrare circa 50mila donne. Ma come spesso accade il troppo zelo sfocia nell’errore. Infatti l’associazione incontra sì le mamme che vogliono abortire per tentare di persuaderle, ma se non ci riesce rilascia un attestato, indispensabile a termine di legge, per accedere alle pratiche abortive.

A motivo di ciò i vescovi tedeschi nel 2006 hanno vietato all’associazione di fregiarsi del titolo di “cattolica”, proibendo altresì ai fedeli di aderirvi. Altre ammonizioni sono seguite negli anni successivi da parte dell’episcopato tedesco. Di recente però pare che ci sia stata una certa apertura verso questa realtà associativa. Infatti l’edizione di quest’anno del Katholikentag di Ratisbona ha visto anche la presenza di uno stand di Donum vitae.

L’associazione era conscia che il suo operato non era in linea con la dottrina cattolica, tanto è vero che nel gennaio del 1998 scese in campo lo stesso Giovanni Paolo II per vietare espressamente ai consultori il rilascio del certificato abortivo. Successivamente il Papa scrisse ancora una lettera specificando che, qualora i consultori avessero comunque firmato il controverso attestato, occorreva inserire questa dicitura: «Questo certificato non può essere utilizzato per l’esecuzione depenalizzata di aborti», rendendo quindi nullo in punta di diritto – e dunque inservibile – il certificato stesso. Ma per tutta risposta i Ministeri della salute di ogni Land precisarono che tale eventuale dicitura era «tamquam non esset», cioè era da considerarsi come se non fosse stata mai apposta perché priva di valore legale. Ergo quei certificati che avessero recato tale nota pontificia erano, nonostante ciò, assolutamente validi per richiedere l’aborto.

Si era quindi tornati nuovamente al punto di partenza tanto che la Congregazione per la Dottrina della Fede si trovò a precisare nel settembre del ‘99: «Se tale certificato dovesse ancora servire per una interruzione di gravidanza, sarebbe allora legittimo il rimprovero che viene sollevato da molti nei confronti della Chiesa, vale a dire che il suo messaggio è teorico e senza conseguenze concrete», ribadendo così il divieto di rilasciare il famigerato certificato perché incompatibile con l’insegnamento della Chiesa.

Nonostante queste parole adamantine, tredici vescovi si appellarono ancora una volta al Papa perché rivedesse le proprie posizioni. In particolare l’associazione Donum vitae fu ripresa nel 2000 dal Nunzio Giovanni Lajolo il quale senza mezzi termini giudicò l’operato della stessa «in aperta contraddizione con le istruzioni emanate dal Santo Padre», configurando il rilascio del certificato un coinvolgimento nella applicazione di una legge «che permette l’uccisione di persone innocenti».

La giustificazione di Donum Vitae, come di altre sigle “cattoliche”, alla base della decisione di voler rilasciare il certificato abortivo è la seguente: se ci togliamo dall’iter abortivo, che tra le altre cose prevede obbligatoriamente la sottoscrizione dell’attestato, non possiamo effettuare quei colloqui dissuasivi che permetterebbero a qualche donna di evitare l’aborto. Meglio che incontrino un operatore non abortista che offra alle donne valide alternative all’aborto che uno abortista. Ma in questo caso l’azione buona volta a dissuadere la donna è necessariamente connessa con una malvagia (rilasciare il certificato) e dunque nel caso che la prima non andasse a buon fine l’operatore sarebbe costretto ex lege a compiere un’azione intrinsecamente malvagia.

Nemmeno la seguente obiezione regge: «Se non rilascio io il certificato lo farà comunque un’altra persona». Infatti nella prospettiva etica l’aspetto importante è che non sia io a compiere il male. Vero è che nulla cambia nel risultato: il danno ci sarà comunque. Ma tutto cambia nella responsabilità morale: sarà un’altra persona che si sarà macchiata di questo crimine. (Tommaso Scandroglio)

Donazione Corrispondenza romana