Ambizioni smisurate, pugili suonati e inutili idioti

Matteo Renzi(di Danilo Quinto) Le “ambizioni smisurate” di Matteo Renzi si scontreranno, nelle prossime settimane, con un ostacolo grande quanto un macigno: la povertà in cui versa il paese. Qualche giorno fa, il rapporto della Fondazione Banco Farmaceutico ha certificato che nel periodo dal 2007 al 2012 la povertà assoluta è cresciuta di circa il 60%: interessa il 6,8% della popolazione, quasi cinque milioni di persone.

Le famiglie povere non si possono curare: spendono in media per la sanità 16,34 euro al mese (pari a circa il 2% dell’intero budget familiare), rispetto ai 92,45 di media delle famiglie italiane (3,7% del budget). La Comunità di Sant’Egidio ha documentato che nel solo Lazio 37mila bambini – l’8,69% del totale ‒ soffrono di indigenza alimentare. A Roma, dove vivono 910 mila minori, «non esistono adeguate reti di supporto per le famiglie».

L’Istat, nel rapporto “Noi Italia”, rileva che nel Sud oltre 1/4 delle famiglie sono povere. La Confederazione Italiana Agricoltori sostiene che il 24,9% delle famiglie non può permettersi di mangiare carne o pesce ogni due giorni e il 70% riduce qualità e quantità del cibo. Non basterà un Ministro dell’Economia gradito all’Europa di Angela Merkel e di Mario Draghi o a De Benedetti – come ha raccontato l’ex Ministro Barca ‒ per affrontare questa catastrofe sociale. Né aiuterà il generico “job act” sul lavoro diffuso dalla giovane segreteria del PD. Occorrono centinaia di miliardi per rilanciare l’economia, insieme a operazioni strutturali che incidano su evasione fiscale, corruzione, burocrazia e spesa pubblica. Le decantate riforme costituzionali ‒ il cui contenuto peraltro è allo stato ignoto ‒ non c’entrano nulla rispetto a questi obiettivi. Potrebbero essere raggiunti solo con un Governo in grado d’interloquire con l’Europa delle banche e dei grandi speculatori internazionali, che costringono da anni l’Italia a rinunciare ‒ di fatto ‒ alla sua sovranità e hanno già imposto, per il prossimo anno, l’introduzione del fiscal compact. Un Governo politico, legittimato dal voto popolare, caratteristiche che il Governo che si annuncia non ha.

Con qualche Ministero visibile, Renzi dovrà accontentare Monti e i centristi, che sanno di giocare le ultime carte, perché saranno spazzati via dalla nuova legge elettorale. Soddisfatto Alfano con la vice-presidenza e con il Ministero per Maurizio Lupi ai Trasporti – o, come dice Giuliano Ferrara, a Comunione e Liberazione, in vista dell’EXPO 2015 – Renzi sancirà l’irrilevanza del Nuovo Centro Destra, che per sopravvivere dovrà aggrapparsi alla sua esperienza di Governo. Con buona pace di coloro che vorrebbero far credere che la formazione di Alfano possa costituire il punto di riferimento dei cattolici.

Su questo versante, le insidie della situazione che si profila sono drammatiche, ignorate dalla quasi totalità dei mezzi d’informazione, compresi quelli d’ispirazione cattolica. Perfino “L’Osservatore Romano”, ha parlato di “peccato originale” dell’operazione in atto riferendosi alla sua natura extra-parlamentare, senza soffermarsi sul fatto che il “pragmatico” Renzi sa che per consolidare il potere deve anche cavalcare l’onda dei desideri che si vogliono spacciare per libertà: la legge sull’omofobia, il matrimonio omosessuale, l’indottrinamento sul gender e sulla sessualità per i bambini, eventualmente un modo più “moderno” per trattare la pedofilia, l’eutanasia, l’antiproibizionismo in materia di droga, l’insensata politica di accoglienza e integrazione nei confronti degli stranieri, che minaccia la sicurezza e l’identità cristiana dell’Italia. E via di questo passo.

Il futuro Presidente del Consiglio – che va a Messa tutte le domeniche, si precisa ‒ sa anche che andrà liscio come l’olio su questi temi, perché chi dovrebbe “gridare dai tetti” sa solo tacere. Per viltà e connivenza. (Danilo Quinto)

Donazione Corrispondenza romana